jeudi 22 décembre 2011

Premier mystère joyeux : L'ANNONCIATION



Annuntiatio

26 Au sixième mois, l'ange Gabriel fut envoyé par Dieu dans une ville de Galilée appelée Nazareth,


27 vers une vierge qui était fiancée à un homme de la maison de David, nommé Joseph; et le nom de la vierge était Marie.


28 Etant entré où elle était, il lui dit : " Salut, pleine de grâce ! Le Seigneur est avec vous; [vous êtes bénie entre les femmes]. "


29 Mais à cette parole elle fut fort troublée, et elle se demandait ce que pouvait être cette salutation.


30 L'ange lui dit : " Ne craignez point, Marie, car vous avez trouvé grâce devant Dieu.


31 Voici que vous concevrez, et vous enfanterez un fils, et vous lui donnerez le nom de Jésus.


32 Il sera grand et sera appelé fils du Très-Haut ; le Seigneur Dieu lui donnera le trône de David son père ;


33 il régnera éternellement sur la maison de Jacob, et son règne n'aura point de fin. "


34 Marie dit à l'ange : " Comment cela sera-t-il, puisque je ne connais point l'homme? "


35 L'ange lui répondit : " L'Esprit-Saint viendra sur vous, et la vertu du Très-Haut vous couvrira de son ombre. C'est pourquoi l'être saint qui naîtra sera appelé Fils de Dieu.


36 Et voici qu'Elisabeth, votre parente, a conçu, elle aussi, un fils dans sa vieillesse, et ce mois-ci est le sixième pour elle que l'on appelait stérile,


37 car rien ne sera impossible pour Dieu. "


38 Marie dit alors : " Voici la servante du Seigneur : qu'il me soit fait selon votre parole ! " Et l'ange la quitta.

LUC, I : 26-38




Gabriél

26.     Au sixième mois, le messager Gabriél est envoyé par Elohîms dans une ville de Galil nommée Nasèrèt,

27.     vers une nubile fiancée à un homme. Son nom: Iosseph, de la maison de David. Nom de la nubile: Miriâm.

28.     Le messager entre près d’elle et lui dit: « Shalôm, toi qui as reçu la paix ! IHVH-Adonaï est avec toi ! »

29.     Elle, à cette parole, s’émeut fort et réfléchit: cette salutation, que peut-elle être ?

30.     Le messager lui dit: « Ne frémis pas, Miriâm ! Oui, tu as trouvé chérissement auprès d’Elohîms.

31.     Voici, tu concevras dans ta matrice et enfanteras un fils.

32.     Tu crieras son nom: Iéshoua‘. Il sera grand et sera appelé Bèn ‘Éliôn ­ fils du Suprême. IHVH-Adonaï Elohîms lui donnera le trône de David, son père.

33.     Il régnera sur la maison de Ia‘acob en pérennité, sans fin à son royaume. »

34.     Miriâm dit au messager: « Comment cela peut-il être,puisque aucun homme ne m’a pénétrée ? »

35.     Le messager répond et lui dit: « Le souffle sacré viendra sur toi, la puissance du Suprême t’obombrera.

Ainsi, celui qui naîtra de toi, sacré, sera appelé Bèn Elohîms.

36.     Voici, Èlishèba‘, ta parente, elle aussi a conçu un fils dans son vieil âge. C’est le sixième mois pour elle, appelée stérile.

37.     Aucune parole n’est impossible à Elohîms. »

38.     Miriâm dit: « Voici la servante de IHVH-Adonaï. Qu’il en soit pour moi selon ta parole. »

Le messager s’en va loin d’elle.

Annonce de Loucas / Évangile de Luc, version Chouraqui.





Annonciation du Seigneur

La scène nous est bien connue. Dieu propose et attend une réponse. Cette belle fête célèbre en Marie l’alliance de l’œuvre toute-puissante de Dieu et de la liberté humaine. Elle annonce l’aurore du Salut puisque celui qui prend chair ce jour dans le sein de la Vierge sera celui qui sur la Croix consommera le don total qu’il fait de lui à son Père pour racheter tous ses frères en humanité. La Vierge Marie y reçoit le titre inouï de « Mère de Dieu ». Faite de silence et de pudeur, cette célébration, à neuf mois de la bruyante fête de Noël, nous fait entrer dans le mystère de l’Incarnation d’une façon plus propice à en goûter la beauté et la profondeur.


SOURCE : http://www.paroisse-saint-aygulf.fr/index.php/prieres-et-liturgie/saints-par-mois/icalrepeat.detail/2015/03/25/5725/-/annonciation-du-seigneur



The Feast of the Annunciation

The Feast of the Annunciation of the Blessed Virgin Mary (25 March), also called in old calendars: FESTUM INCARNATIONIS, INITIUM REDEMPTIONIS CONCEPTIO CHRISTI, ANNUNTIATIO CHRISTI, ANNUNTIATIO DOMINICA. In the Orient, where the part which Mary took in the Redemption is celebrated by a special feast, 26 December, the Annunciation is a feast of Christ; in the Latin Church, it is a feast of Mary. It probably originated shortly before or after the council of Ephesus (c. 431). At the time of the Synod of Laodicea (372) it was not known; St. Proclus, Bishop of Constantinople (d. 446), however, seems to mention it in one of his homilies. He says, that the feast of the coming of Our Lord and Saviour, when He vested Himself with the nature of man (quo hominum genus indutus), was celebrated during the entire fifth century. This homily, however, may not be genuine, or the words may be understood of the feast of Christmas.

In the Latin Church this feast is first mentioned in the Sacramentarium of Pope Gelasius (d. 496), which we possess in a manuscript of the seventh century; it is also contained in the Sacramentarium of St. Gregory (d. 604), one manuscript of which dates back to the eighth century. Since these sacramentaries contain additions posterior to the time of Gelasius and Gregory, Duchesne (Origines du culte chrétien, 118, 261) ascribes the origin of this feast in Rome to the seventh century; Probst, however, (Sacramentarien, 264) thinks that it really belongs to the time of Pope Gelasius. The tenth Synod of Toledo (656), and Trullan Synod (692) speak of this feast as one universally celebrated in the Catholic Church.

All Christian antiquity (against all astronomical possibility) recognized the 25th of March as the actual day of Our Lord's death. The opinion that the Incarnation also took place on that date is found in the pseudo-Cyprianic work "De Pascha Computus", c. 240. It argues that the coming of Our Lord and His death must have coincided with the creation and fall of Adam. And since the world was created in spring, the Saviour was also conceived and died shortly after the equinox of spring. Similar fanciful calculations are found in the early and later Middle Ages, and to them, no doubt, the dates of the feast of the Annunciation and of Christmas owe their origin. Consequently the ancient martyrologies assign to the 25th of March the creation of Adam and the crucifixion of Our Lord; also, the fall of Lucifer, the passing of Israel through the Red Sea and the immolation of Isaac. (Thruston, Christmas and the Christian Calendar, Amer. Eccl. Rev., XIX, 568.) The original date of this feast was the 25th of March. Although in olden times most of the churches kept no feast in Lent, the Greek Church in the Trullan Synod (in 692; can. 52) made an exception in favour of the Annunciation. In Rome, it was always celebrated on the 25th of March. The Spanish Church transferred it to the 18th of December, and when some tried to introduce the Roman observance of it on the 25th of March, the 18th of December was officially confirmed in the whole Spanish Church by the tenth Synod of Toledo (656). This law was abolished when the Roman liturgy was accepted in Spain.

The church of Milan, up to our times, assigns the office of this feast to the last Sunday in Advent. On the 25th of March a Mass is sung in honour of the Annunciation. (Ordo Ambrosianus, 1906; Magistretti, Beroldus, 136.) The schismatic Armenians now celebrate this feast on the 7th of April. Since Epiphany for them is the feast of the birth of Christ, the Armenian Church formerly assigned the Annunciation to 5 January, the vigil of Epiphany. This feast was always a holy day of obligation in the Universal Church. As such it was abrogated first for France and the French dependencies, 9 April, 1802; and for the United States, by the Third Council of Baltimore, in 1884. By a decree of the S.R.C., 23 April, 1895, the rank of the feast was raised from a double of the second class to a double of the first class. If this feast falls within Holy Week or Easter Week, its office is transferred to the Monday after the octave of Easter. In some German churches it was the custom to keep its office the Saturday before Palm Sunday if the 25th of March fell in Holy Week. The Greek Church, when the 25th of March occurs on one of the three last days in Holy Week, transfers the Annunciation to Easter Monday; on all other days, even on Easter Sunday, its office is kept together with the office of the day. Although no octaves are permitted in Lent, the Dioceses of Loreto and of the Province of Venice, the Carmelites, Dominicans, Servites, and Redemptorists, celebrate this feast with an octave.


Sources

Kellner, Heortologie (Freiburg, 1901), 146; Holweck, Fasti Mariani (Herder, 1892), 45; Schrod, in Kirchenlex., VIII, 82.

Holweck, Frederick. "The Feast of the Annunciation." The Catholic Encyclopedia. Vol. 1. New York: Robert Appleton Company, 1907. 4 Apr. 2016 <http://www.newadvent.org/cathen/01542a.htm>.

Transcription. This article was transcribed for New Advent by Nicolette Ormsbee.

Ecclesiastical approbation. Nihil Obstat. March 1, 1907. Remy Lafort, S.T.D., Censor. Imprimatur. +John Cardinal Farley, Archbishop of New York.

SOURCE : http://www.newadvent.org/cathen/01542a.htm



Annunciazione del Signore


Festa del Signore, l'Annunciazione inaugura l'evento in cui il figlio di Dio si fa carne per consumare il suo sacrificio redentivo in obbedienza al Padre e per essere il primo dei risorti. La Chiesa, come Maria, si associa all'obbedienza del Cristo, vivendo sacramentalmente nella fede il significato pasquale della annunciazione. Maria è la figlia di Sion che, a coronamento della lunga attesa, accoglie con il suo 'Fiat' e concepisce per opera dello Spirito santo il Salvatore. In lei Vergine e Madre il popolo della promessa diventa il nuovo Israele, Chiesa di Cristo. I nove mesi tra la concezione e la nascita del Salvatore spiegano la data odierna rispetto alla solennità del 25 dicembre. Calcoli eruditi e considerazioni mistiche fissavano ugualmente al 25 marzo l'evento della prima creazione e della rinnovazione del mondo nella Pasqua. (Mess. Rom.)


Martirologio Romano: Solennità dell’Annunciazione del Signore, quando nella città di Nazareth l’angelo del Signore diede l’annuncio a Maria: «Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo», e Maria rispondendo disse: «Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola». E così, compiutasi la pienezza dei tempi, Colui che era prima dei secoli, l’Unigenito Figlio di Dio, per noi uomini e per la nostra salvezza si incarnò nel seno di Maria Vergine per opera dello Spirito Santo e si è fatto uomo. 

La vicenda unica dell'Annunciazione a Maria di Nazareth (Lc 1,26-37) ha molto da insegnarci su cosa possa scaturire dall'incontro tra il Signore ed una sua creatura. Tale annuncio, che è come uno spartiacque nella storia della salvezza, è il modo nuovo che Egli inaugura per rapportarsi con le persone.

Un incontro unico

Maria e Nazareth: nomi accomunati dalla caratteristica di un'apparente insignificanza, a riprova del fatto che Dio ama incontrare ciò che è piccolo, sconosciuto. Questo privilegio fa parte della sua misericordia. Proprio in quel luogo, proprio per quella giovane donna, l'incontro è segnato da un saluto del tutto speciale: "Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te". Ci troviamo ad un livello di saluto profondo che rinsalda il cuore e squaderna orizzonti nuovi. Il Signore sta dicendo a Maria di averle dato la sua grazia, vale a dire la totalità dei doni che una volta ricevuti non lasciano come prima, ma trasformano, fanno nuovi, abilitano a compiere quanto Lui stesso chiede. Maria percepisce la grandezza dell'incontro, per questo è "turbata": di cosa sarà portatore quell'incontro e saluto? Ella sente il bisogno di riservarsi un tempo. Scrive bene l'Evangelista appuntando che la Vergine non risponde immediatamente, ma invoca per sé un tempo di prolungata riflessione, come se si raccogliesse in un dialogo amoroso col suo Signore.

Un incontro che crea sconcerto

Attraverso il suo Angelo, è Dio in persona che viene nuovamente incontro a Maria, mostrando un'iniziativa che non la schiaccia, ma la corrobora. Le assicura di essere al suo fianco e di averle già garantito la sua grazia perché possa concepire un figlio, darlo alla luce e chiamarlo Gesù (cfr. il v. 31): egli "Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo". L'Angelo parla dando compimento alle profezie di Isaia (7,14) e di Natan (2Sam 7,12-16): il re che doveva discendere dalla casa di Davide, sta per venire nel mondo! Dio, che non poteva prima essere neppure visto, sta per essere concepito. La promessa si fa ora realtà per la nostra salvezza. Il Signore garantisce, spiega, e Maria, così come è proprio di un incontro, senza voler oscurare l'iniziativa del suo Dio, chiede spiegazione: "Come avverrà questo?". Non pare proprio di poter leggere in ciò una qualche difficoltà da parte sua, quanto piuttosto l'esplicitazione di un sentimento di totale spoliazione di sé per amore: Dio crea sconcerto anche in chi lo accoglie e decide per Lui!

Il frutto dell'incontro

Il dialogo, nota tipica di questo incontro, continua. Il Signore mediante il suo Angelo delinea ora la potenza della propria azione che si compirà per mezzo dello Spirito Santo, che è Spirito creatore e datore di vita; è la sua onnipotenza creatrice che avvolge di sé una creatura! Come unico è l'intervento dell'Onnipotente nella vita della donna di Nazareth che per sempre sarà detta beata, altrettanto unica è la santità del Bambino promesso: Santo è il nome di colui che nascerà, perché costui è Dio stesso che si fa uomo. Il Signore crea in Maria un cuore immune da ogni macchia: ora in quel cuore purissimo Egli chiede, non impone, di poter porre la propria dimora, riversando lì tutto il bene che serbava in cuor suo. Di fronte alla richiesta del Signore, Maria "piena di grazia" si proclama sua "serva" e dichiara completa disponibilità: "Avvenga per me secondo la tua parola". Ecco come si conclude questo incontro che non smette di sorprenderci, malgrado lo conosciamo quasi a memoria! A quel meraviglioso "Voglio" di Maria, Dio scende in lei con la forza dello Spirito Santo, la rende feconda ed esaltandone la verginità la rende Madre del Cristo. A tanto Ella arriva perché permette al Signore di incontrarla e perché ascoltandolo entra in intimo dialogo con Lui! L'ascolto e la pratica della Parola, fanno sì che ogni suo incontro non rimanga infruttuoso. In Maria il frutto è ineguagliabile: è Gesù, il Frutto Benedetto del suo grembo.

Autore: 
Marco Rossetti sdb

Note: 
La data della Solennità dell’Annunciazione in alcuni anni viene trasferita. Questo avviene quando il 25 marzo cade nella Settimana santa (ad esempio, nel 2013, nel 2016 e nel 2018), nella Settimana di Pasqua o coincide con una Domenica di Quaresima (nel 2012) o di Pasqua (nel 2008).