mercredi 6 septembre 2017

Saint ZACHARIE, prophète


Zacharie, le prophète

Prophète (6ème s. av. J.C.)

(-515 av JC.)

Le 8 février, les Églises d'Orient font mémoire du saint Prophète qui, au retour de l'exil de Babylone, encouragea les juifs à reconstruire le Temple et à marquer ainsi le retour vers Dieu: "Revenez à moi et je reviendrai vers vous, dit le Seigneur." (Zacharie 1.4)


Commémoraison de saint Zacharie, prophète, vers 515 avant le Christ. Il annonça le retour d’exil du peuple élu sur la terre promise et la venue d’un roi pacifique, annonce que le Christ accomplit par son entrée triomphale dans la sainte cité de Jérusalem.


Martyrologe romain



Gustave Doré (1832-1883), Vision de Zacharie ( Zacharie, 6-5), La  Bible, 1865

San Zaccaria Profeta


VI secolo a.C.

Zaccaria fu chiamato al ministero profetico nel 520 a.C. Mediante visioni e parabole, egli annunzia l'invito di Dio a penitenza, condizione perché si avverino le promesse. Le sue profezie riguardano il futuro del rinato Israele, futuro prossimo e futuro messianico. Zaccaria mette in evidenza il carattere spirituale del rinato Israele, la sua santità. L'azione divina in quest'opera di santificazione raggiungerà la sua pienezza col regno del Messia. Questa rinascita è frutto esclusivo dell'amore di Dio e della sua onnipotenza. L'alleanza concretizzata nella promessa messianica fatta a David ripiglia il suo corso a Gerusalemme. La profezia si avverò alla lettera nell'entrata solenne di Gesù nella città santa. Così, insieme a un amore sconfinato verso il suo popolo, Dio unisce un'apertura totale verso le genti, che purificate entreranno a far parte del regno. Appartenente alla tribù di Levi, nato a Galaad e ritornato nella vecchiaia dalla Caldea in Palestina, Zaccaria avrebbe compiuto molti prodigi, accompagnandoli con profezie di contenuto apocalittico, come la fine del mondo e il doppio giudizio divino. Morto in tarda età sarebbe stato sepolto accanto alla tomba del profeta Aggeo. (Avvenire)

Etimologia: Zaccaria = memoria di Dio, dall'aramaico

Martirologio Romano: Commemorazione di san Zaccaria, profeta, che predisse il ritorno del popolo dall’esilio nella terra promessa, dando ad esso l’annuncio di un re di pace, che Cristo Signore attuò mirabilmente nel suo trionfale ingresso nella Città Santa di Gerusalemme.

Zaccaria, il profeta maggiormente citato nel Nuovo Testamento, dopo Isaia, penultimo dei profeti minori, fu chiamato al ministero profetico lo stesso anno di Aggeo, nel 520. Il suo ministero durò probabilmente fino alla costruzione ultimata del tempio di Gerusalemme, tema delle sue esortazioni. Mediante visioni e parabole, egli annunzia l'invito di Dio a penitenza, condizione perché si avverino le promesse: "Così parla il Signore degli eserciti: Convertitevi a me, e io mi rivolgerò a voi". Le sue profezie riguardano il futuro del rinato Israele, futuro prossimo e futuro messianico. E’ giunta l'ora della benevolenza del Signore verso Israele: il Tempio si avvia alla ricostruzione e stanno per essere riedificate Gerusalemme e le altre città di Giuda, mentre i popoli che hanno gioito per la sua distruzione saranno puniti.

Zaccaria mette in evidenza il carattere spirituale del rinato Israele, la sua santità, realizzata progressivamente, al pari della ricostruzione materiale. L'azione divina in quest'opera di santificazione raggiungerà la sua pienezza col regno del Messia. Questa rinascita è frutto esclusivo dell'amore di Dio e della sua onnipotenza: "Ecco, io libererò il mio popolo. Li ricondurrò ad abitare in Gerusalemme: saranno il mio popolo e io sarò il loro Dio, nella fedeltà e nella giustizia". L'alleanza concretizzata nella promessa messianica fatta a David ripiglia il suo corso a Gerusalemme: "Esulta con tutte le tue forze, figlia di Sion, effondi il tuo giubilo, figlia di Gerusalemme. Ecco a te viene il tuo re: egli è giusto e vittorioso, è umile e cavalca un asinello, giovane puledro di una giumenta". La profezia si avverò alla lettera nell'entrata solenne di Gesù nella città santa. L'asinello, contrapposto al cavallo da guerra, simboleggia l'indole pacifica del re Messia: "Egli annuncerà la pace alle genti; il suo regno si estenderà dall'uno all'altro mare". Così, insieme a un amore sconfinato verso il suo popolo, Dio unisce un'apertura totale verso le genti, che purificate entreranno a far parte del regno: "Quale felicità, quale bellezza! Il frumento darà vigore ai giovani e il vino dolce alle fanciulle".

In questo vaticinio, chiaramente messianico, è adombrata l'Eucaristia. Appartenente alla tribù di Levi, nato a Galaad e ritornato nella vecchiaia dalla Caldea in Palestina, Zaccaria avrebbe compiuto molti prodigi, accompagnandoli con profezie di contenuto apocalittico, come la fine del mondo e il doppio giudizio divino. Morto in tarda età sarebbe stato sepolto accanto alla tomba del profeta Aggeo.


Autore: Piero Bargellini



vendredi 1 septembre 2017

Saint JOSUÉ, patriarche


Saint Josué

Ancien Testament (13ème s. av. J.C.)

1250 à 1200 av JC.

Serviteur de Moïse, chef des Israélites dans la conquête de la Terre Promise.

Choisi par Moïse pour lui succéder, il préfigure le Christ. C'est lui qui fit entrer le peuple hébreu sur la Terre Promise. Il s'occupa également de répartir les douze tribus au travers du Pays que Dieu leur avait donné. 


Le Seigneur dit à Josué : « Aujourd'hui, je vais commencer à te rendre grand devant tout Israël, pour qu'il sache que je suis avec toi comme j'ai été avec Moïse.


Commémoraison de saint Josué, fils de Noun, serviteur du Seigneur, vers 1220 avant le Christ. Quand Moïse lui eut imposé les mains, il fut rempli de l’esprit de sagesse et, après la mort de Moïse, il fit passer le peuple d’Israël à travers le lit du Jourdain et l’introduisit, d’une manière merveilleuse, dans la terre de la promesse.


Martyrologe romain



Josua und das israelitische Volk, Karolingischer Buchmaler , 840, 40,5 X 29, British Library

POSTÉ LE DIMANCHE 8 MAI 2016
 « Après la mort de de Moïse, le serviteur du Seigneur, le Seigneur parla à Josué, fils de Noun, auxiliaire de Moïse, et lui dit : « Moïse, mon serviteur, est mort ; maintenant, lève-toi, passe le Jourdain que voici, toi avec tout ce peuple, vers le pays que je donne aux fils d’Israël » ». Tels sont les premiers versets biblique du livre de José. Mais qui est-il donc ?

Dans les livres précédents, il était « Serviteur de Moïse », désigné ensuite par le prophète comme son successeur. Entre temps, il va asseoir sa notoriété en explorant le pays de Canaan pour y conduire le peuple d’Israël.

Il se distinguera d’ailleurs par ses faits d’armes lorsque les tribus d’Israël sont attaquées. C’est alors que Moïse décide qu’Osée, qui signifie « il sauve », soit désormais appelé Josué, ce qui signifie « YHWH est le sauveur ».

Mais comment ce chef militaire est-il devenu celui qui accomplit et achève la promesse de Dieu ? Quel destin a suivi ensuite celui qui a fait entrer le peuple hébreu en Terre promise ? Et pourquoi a-t-il été ainsi l’inspirateur de nombreux rois conquérants ?

De belles questions auxquelles s’efforceront de répondre les invités de Régis Burnet dans le magazine La foi prise au mot : le père André Wenin, prêtre du diocèse de Namur et professeur à l’Université catholique de Louvain-la-Neuve ; le père Philippe Abadie, prêtre du diocèse de Lyon et professeur à l’Université catholique de Lyon.

Un magazine La Foi prise au Mot diffusé ce dimanche 8 mai 2016 à 20h40. A revoir ensuite sur cette page.



Benjamin West, Joshua passing the River Jordan with the Ark of the Covenant, 1800,
 huile sur bois, 677 X 895, Galerie d'art de Nouvelle-Galles du Sud

Joshua the Patriarch

Profile

Old Testament patriarch. Successor to Moses as leader of the Israelites, he led them into Canaan.

Died
  • c.12th century BC


Jean Fouquet, vers 1470-1475, Prise de Jéricho,  
Flavius Josèphe, Les Antiquités judaïques, enluminure de Jean Fouquet, vers 1470-1475,
  Paris, BnF, département des Manuscrits, Français 247, fol. 89 (Livre V) 
Les murs de Jéricho s'écroulent au septième passage de l'Arche d'Alliance portée par les lévites
 et précédée par les sept trompettes et les sept flambeaux allumées. Paris, BnF

Josue (Joshua)

The name of eight persons in the Old Testament, and of one of the Sacred Books.
  1. ('Oseé), a Bethsamite in whose field the ark stood on its way back from the land of the Philistines to Juda (1 Samuel 6:14, 18).
  2. ('Iesoûs), governor of Jerusalem whose idolatrous altars were destroyed by King Josias, during the latter's attempts to undo the evil wrought by his father Amon and grandfather Manasses (2 Kings 22:8).
  3. ('Iesoûs), the son of Josedec and the high-priest who returned with Zorobabel from the Babylonian Captivity to Jerusalem (Ezra 2:2Nehemiah 7:721:1). In I and II Esd. the Vulgate calls him Josue; in Agg. and Zach., Jesus. He assisted Zorobabel in rebuilding the Temple, and was most zealous for the restoration of the religion of Israel (Ezra 3:2, 84:35:2). It was he whom Zacharias saw in vision stripped of filthy garments and clothed in clean robes and mitre, while the angel of the Lord proclaimed the high-priest the type of the coming Messias (Zechariah 3).
  4. ('Iesoué, 'Iesoû), a head of the family of Phahath Moab, one of the families named in the list of Israelites that returned from the Babylonian Exile (Ezra 2:6Nehemiah 7:11).
  5. ('Iesoî 'Iesoû), a head of the priestly family of Idaia, maybe the high-priest Josue mentioned above (Ezra 2:36Nehemiah 7:39).
  6. ('Iesoûs, 'Iesoû), the name of a priestly family descended from Oduia, as also of various heads of that family after the Exile (Ezra 2:403:98:33Nehemiah 3:197:438:79:4, 512:8, Vulg. Jesua; 12:24).
  7. ('Iesía), one of the sons of Herem who were ordered to put away their wives taken from the land of the stranger (Ezra 10:31).
  8. (First called Osee; Septuagint 'Iesoûs, first Aúsé), the son of Nun; the genealogy of the family is given in 1 Chronicles 7:20-27; it belonged to the tribe of Ephraim. Josue commanded the army of Israel, after the Exodus, in its battle with Amalec (Exodus 17:9-13), was called the minister of Moses (xxiv, 13), accompanied the great lawgiver to and from Mount Sinai (xxxi, 17) and into the tabernacle of the covenant (xxxiii, 11), and acted as one of twelve spies whom Moses sent to view the land of Chanaan (Numbers 13:9). On this occasion Moses changed his servant's name from Osee to Josue (Numbers 13:17). The new name most likely means "Jahweh is salvation". Josue and Caleb alone spoke well of the land, even though the people wished to stone them for not murmuring and these two lived on (Numbers 14:38). Josue was chosen by God to succeed Moses. The words of the choice show the character of the chosen (Numbers 27:17-18). Before Eleazar and all the assembly of the people Moses laid hands on Josue. Later this soldier was proposed by Moses to the people to lead them into the land beyond the Jordan (Deuteronomy 31:3), and was ordered by the Lord to do so (xxxi, 23). After the death of Moses, Josue was filled with the spirit of wisdom and was obeyed by the children of Israel (Deuteronomy 34:9). The rest of story of Josue is told in the Book of Josue.

The Book of Joshua

The sixth book of the Old Testament; in the plan of the critics, the last book of the Hexateuch (see PENTATEUCH). In the Fathers, the book is often called "Jesus Nave". The name dates from the time of Origen, who translated the Hebrew "son of Nun" by uìòs Nauê and insisted upon the Nave as a type of a ship; hence in the name Jesus Nave many of the Fathers see the type of Jesus, the Ship wherein the world is saved.

Contents

The Book of Josue contains two parts: the conquest of the promised land and the division thereof. (a) The Conquest (i- xii). Josue enters the land of promise, after being assured by spies that the way is safe. It is the tenth day of the first month, forty-one years since the Exodus. The channel of the Jordan is dry during the passage of Israel (i-iii) A monument is erected in the midst of the Jordan, and one at Galgal, to commemorate the miracle. Josue camps at Galgal (iv). The Israelites born during the wandering are circumcised; the pasch is eaten the first time in the land of promise; the manna ceases to fall; Josue is strengthened by the vision of an angel (v). The walls of Jericho fall without a blow; the city is sacked; its inhabitants are put to death; only the family of Rahab is spared (vi). Israel goes up against Hai. The crime of Achan causes defeat. Josue punishes that crime and takes Hai (vii-viii, 29); sets up an altar on Mount Hebal; subjugates the Gabaonites (viii, 30-ix), defeats the kings of JerusalemHebron, Jerimoth, Lachis, and Eglon; captures and destroys Maceda, Lebna, Lachis, Eglon, Hebron, Dabir, and the South even to Gaza; marches North and defeats the combined forces of the kings at the waters of Meron (x-xii). (b) The Division of the Land among the Tribes of Israel (xiii-xxii). Epilogue: last message and death of Josue (xxiii and xxiv).

Canonicity

(a) In the Jewish canon Josue is among the Early Prophets Josue, Judges, and the four Books of Kings. It was not grouped with the Pentateuch, chiefly because, unlike Exodus and Leviticus, it contained no Torah, or law; also because the five books of the Torah were assigned to Moses (see PENTATEUCH). (b) In the Christian canon Josue has ever held the same place as in the Jewish canon.

Unity

Non-Catholics have almost all followed the critics in the question of the "Hexateuch"; even the conservative Hastings, "Dict. of the Bible", ed. 1909, takes it for granted that Josue (Joshua) is a post-Exile patchwork. The first part (i-xii) is made up of two documents, probably J and E (Jehovistic and Elohistic elements), put together by J E and later revised by the Deuterocanonical editor (D); to this latter is assigned all of the first chapter. Very little of this portion is the work of P (the compiler of the Priestly Code). In the second part (xiii-xxii) the critics are uncertain as to whether the last editing was the work of the Deuteronomic or the Priestly editor; they agree in this that the same hands those of J, E, D, and P are at work in both parts, and that the portions which must be assigned to P have characteristics which are not at all found in his work in the Pentateuch. The final redaction is post-Exilic a work done about 440-400 B.C. Such in brief is the theory of the critics, who differ here as elsewhere in the matter of the details assigned to the various writers and the order of the editing, which all assume was certainly done. (See G. A. Smith and Welch in Hastings, "Dict. of the Bible", large and small editions respectively, s.v. "Joshua"; Moore in Cheyne, "Encyc. Bibl."; Wellhausen, "Die Composition des Hexateuchs und der historischen Bücher des A. T.", Berlin, 1889; Driver, "Introd. to Lit. of O.T.", New York, 1892, 96.)

The Jews knew no such Hexateuch, no such six books set together by a final editor; they always kept a marked distinction between the Pentateuch and Josue, and rather linked Josue with Judges than with Deuteronomy. The well-known preface to Ecclesiasticus (Septuagint) separates the "Law" from the "Prophets". The Samaritans have the Torah entirely separate from the recently discovered Samaritan Josue.

Catholics almost universally defend the unity of Josue. It is true that before the decree of the Biblical Commission on the question of the multiple authorship of the Pentateuch, some Catholics assigned Josue, as well as the five Mosaic books, to J, E, D, and P. Catholic Biblical scholars favour the pre-Exilic unity of composition of Josue and its editorial independence of the Pentateuch. This independence is shown by the completeness and originality of the plan of the book. We have seen the unity of this plan Josue's conquest and division of the promised land. The purpose is clear to carry on the history of the chosen people after the death of Moses. The purpose of the Pentateuch was very different to codify the laws of the chosen people as well as to sum up their primitive history. No laws are codified in Josue. The critics argue that the death of Moses leaves a void to be filled up, i.e. the conquest of the land of promise, and therefore postulate this conquest for the historical, if not for the legal, completeness of the Pentateuch. Such an hypothesis would justify one in postulating also that the history of the conquest after the death of Josue be needed for the historical completeness of the Pentateuch. Again, the completeness of Josue's narrative of the conquest of the promised land is clear from the fact that it repeats data which are already given in the Pentateuch and are details of that conquest. The orders of Moses to the children of Ruben and of Gad are clear cut in the Pentateuch (Numbers 32:20 sqq.); so, too, is the execution of these orders by the Rubenites and Gadites in the lands of the Amorrhites and of Basan (Numbers 32:33-38). If Josue is part of the composite and late composition which the critics make the Mosaic books out to be, how comes it that these very data concerning the children of Ruben and of Gad are repeated by the supposititious Deuteronomic D¹ or D² when he comes to set together the J and E and P of Josue? Why does he break in upon his continued narrative (see Joshua 1:1213:15-28)? Why this useless repetition of the same names, if not because of the unity of composition of Josue? Why are the cities of refuge given again (cf. 20:8; Deuteronomy 4:41 sqq.)? To answer these and similar difficulties, the critics have recourse to an uncritical subterfuge D¹ or D² was not brought up in the school of modern criticism; hence his blunderings. We cannot accept so uncritical and free-handed a writer as the God-chosen and inspired editor of the Pentateuch and Josue. For a full refutation of the critics, see Cornely, "Introd. Specialis in Hist. V. T. Libros", II (Paris, 1887, 177).

Authorship

(a) The Book of Josue was certainly written before the time of David, for the Chanaanite still dwelt in Gazer (xvi, 10), the Jebusite in Jerusalem (xv, 63), and Sidon held supremacy in Phoenicia (xiv, 28); whereas, before the time of Solomon, the Egyptians had driven the Chanaanite from Gazer (1 Kings 9:16), David had captured Jerusalem in the eighth year of his reign (2 Samuel 5:5), and Tyre (twelfth century B.C.) had supplanted Sidon in the supremacy of Phoenicia. Moreover, in David's time, no writer could have set down his allies the Phoenicians among the peoples to be destroyed (xiii, 6). (b) Internal evidence favours the view that the author lived not long after the death of Josue. The territory assigned to each tribe is very exactly described. Only the land allotted to Ephraim is set down (xvi, 5), since occupation was delayed (xvii, 16); on the other hand, we are told not only the portion of land allotted to Juda and Benjamin, but the cities they had captured (xv, 1 sqq.; xviii, 11 sqq.); as for the other tribes, the progress they had made in winning the cities of their lot is told us with an accuracy which could not be explained were we to admit that the narrative is post-Exilic in its final redaction. Only the inadmissible bungling of the uncritical D¹ or D² will serve to explain away this argument. (c) The question remains: Did Josue write all save the epilogue? Catholics are divided. Most of the Fathers seem to have taken it for granted that the author is Josue; still there have ever been Catholics who assigned the work to some one shortly after the death of the great leader. Theodoret (In Jos., q. xiv), Pseudo-Athanasius (Synopsis Sacr. Scrip.), Tostatus (In Jos., i, q. xiii; vii), Maes ("Josue Imperatoris Historia", Antwerp, 1574), Haneberg ("Gesch. der bibl. Offenbarung", Ratisbon, 1863, 202), Danko ("Hist. Rev. Div. V. T.", Vienna, 1862, 200), Meignan ("De Moïse à David", Paris, 1896, 335), and many other Catholic authors admit that the Book of Josue contains signs of later editing; but all insist that this editing was done before the Exile.

Historicity

The Biblical Commission (15 Feb., 1909) has decreed the historicity of the primitive narrative of Genesis 1-3; a fortiori it will not tolerate that a Catholic deny the historicity of Josue. The chief objection of rationalists to the historical worth of the book is the almost overwhelming force of the miraculous therein; this objection has no worth to the Catholic exegete. Other objections are forestalled in the treatment of the authenticity of the work. Full answer to the rationalistic objections will be found in the standard works of Catholics on introduction. Saints Paul (Hebrews 11:30-3113:5), James (ii, 25), and Stephen (Acts 7:45), the tradition of the Synagogue and of the Church accept the Book of Josue as historical. To the Fathers Josue is an historical person and a type of the Messias. As an antidote to accusations that Josue was cruel and murderous, etc., one should read the Assyrian and Egyptian accounts of the almost contemporary treatment of the vanquished. St. Augustine solved the rationalistic difficulty by saying that the abominations of the Chanaanites merited the punishment which God, as Master of the world, meted out to them by the hand of Israel (In Hept., III, 56; P.L., XXXIV, 702, 816). These abominations of phallic worship and infant sacrifice have been proven by the excavations of the Palestine Exploration Fund at Gazer.

Text

The Septuagint is preserved in two different recensions the Alexandrian (A) and Vatican (B) and varies considerably from the Masorah; the Vulgate often differs from all three (iii, 4; iv, 3, 13; v, 6). The Samaritan Josue recently discovered, resembles the Sept. more closely than the Masorah.

Sources

Fathers: ORIGEN, Eclectum in Jesum Nave in P.G., XII, 819-825); AUGUSTINE, Quæstiones in Heptateuchum in P.L., XXXIV, 547). Modern writers: MAES, op. cit.; CALMET, Comm. Lit. in Omnes Libros N. et V. Test. (Würzburg, 1788); SERARIUS, Josue, etc. (Mainz, 1610); BONFRÈRE, Josue, Judices, Ruth (Paris, 1733); also works mentioned in body of article. Protestant: SPEAKER's Bible, II (London, 1872); KÖNIG, Alttest Studien, i. Authentie des Buches Josua (1836).

Drum, Walter. "Josue (Joshua)." The Catholic Encyclopedia. Vol. 8. New York: Robert Appleton Company, 1910. 1 Sept. 2017 <http://www.newadvent.org/cathen/08524a.htm>.

Transcription. This article was transcribed for New Advent by WGKofron. With thanks to St. Mary's Church, Akron, Ohio.

Ecclesiastical approbation. Nihil Obstat. October 1, 1910. Remy Lafort, S.T.D., Censor. Imprimatur. +John Cardinal Farley, Archbishop of New York.



John Martin, Joshua Commanding the Sun to Stand Still upon Gibeon, 1816

Righteous Joshua the son of Nun (Navi)




Saint Joshua (Jesus), the son of Navi, was leader of the Israelites after the death of the Prophet Moses. He was born in Egypt around 1654 B.C. and succeeded Moses when he was eighty-five. He ruled the Israelites for twenty-five years.

Joshua conquered the Promised Land, and led the Hebrew nation into it. The Lord worked a great miracle through Joshua. He stopped the Jordan from flowing, allowing the Israelites to cross over on foot as if on dry land (Joshua 3). Saint Michael, the Leader of the Heavenly Hosts, appeared to Joshua (Joshua 5:13-15).

The walls of Jericho fell down by themselves after the Ark of the Covenant was carried around the city for seven days (Joshua 6:20). Finally, during a battle with the enemy, Joshua, by God’s will, halted the motion of the sun (Joshua 10:13) and prolonged the day until victory was won.

After the end of the war, Joshua divided the Promised Land among the Twelve Tribes of Israel. He died at 110 years of age (1544 B.C.), commanding the nation to preserve the Law of Moses. All these events are recounted in the Book of Joshua, the sixth book of the Old Testament.



Julius Schnorr von Carolsfeld  (1794–1872), La Bataille de Jéricho


San Giosuè Patriarca


XII sec. a.C.

Il giovane Giosuè fa il suo tirocinio al servizio di Mosè. Accumula esperienza e conoscenza, diventa un uomo pieno dello spirito di saggezza. Per questa sua sapienza e docilità merita di diventare il successore di Mosè, che guiderà il popolo nell’ingresso nella terra promessa. Il passaggio del Giordano più che un’azione bellica è una processione liturgica da lui guidata.


Al centro dell’evento vi è l’Arca trasportata dai sacerdoti. Non appena essi toccano l’acqua, questa si divide per lasciar passare il popolo all’asciutto. Anche la conquista di Gerico viene presentata come un’azione liturgica di cui sono protagonisti i sacerdoti.

Per sei giorni essi aprono il corteo intorno alle mura della città. Il settimo giorno compiono il giro per ben 7 volte, e al termine dell’ultimo, al suono delle trombe, le mura crollano. I due episodi sono accomunati da una premessa teologica: la conquista della terra è un dono di Dio, Giosuè ne è lo strumento. (Avvenire)


Etimologia: Dall'ebraico 'Jehoa-Schiuah' e significa 'il Signore salva'

Martirologio Romano: Commemorazione di san Giosuè, figlio di Nun servo del Signore, che, con l’imposizione delle mani da parte di Mosè, fu riempito dello spirito di sapienza e, dopo la sua morte di Mosè, condusse mirabilmente il popolo d’Israele lungo il corso del Giordano nella terra promessa.
Giosuè figlio di Nun, appartenente alla tribù di Efraim, il secondo figlio di Giuseppe, è un personaggio biblico vissuto nel XII secolo a.C.


Originariamente si chiamava Osea, ma Mosè del quale era uno dei più fedeli discepoli e al quale succedette nella guida del popolo ebraico, trasformò il suo nome in Giosuè, che significa “Jahvé salva”.

Egli è nominato per la prima volta nel libro dell’Esodo al capitolo 17, 9-14, quando durante il lungo peregrinare nel deserto, il popolo ebraico fuggito dall’Egitto sotto la guida di Mosè, fu costretto ad ingaggiare battaglia con la tribù degli Amaleciti, nomadi da sempre nemici d’Israele.

Nel deserto era facile lo scontro fra tribù nomadi, soprattutto per il diritto di usare le sorgenti d’acqua presso le oasi. Mosè in quest’occasione, chiamò il suo fedele collaboratore e lo incaricò di combattere Amalek il loro capo, scegliendo gli uomini più validi; in questo luogo Refidim, nel deserto del Sinai, Giosuè ingaggiò il lungo combattimento, mentre Mosè, Aronne e Cur assistevano dall’alto di una collina.

Le sorti della battaglia si alternavano positivamente e negativamente, secondo se Mosè teneva alte le mani o le abbassava per la stanchezza; allora Aronne e Cur gli sostennero le braccia in alto fino al tramonto, quando Giosuè uscì vittorioso dalla battaglia.

Ancora nell’Esodo è ricordato come unico accompagnatore di Mosè sul monte Horeb, quando Dio dettò le Tavole della Legge, i Dieci Comandamenti. 

In Numeri, cap. 27, 15-23 si legge: “Il Signore disse a Mosè: Prendi Giosuè, figlio di Nun, uomo che ha lo spirito e imponi la tua mano su di lui. Poi lo presenterai al sacerdote Eleazaro e a tutta la comunità e alla loro presenza gli darai i tuoi ordini. Gli comunicherai la tua dignità, perché tutta la comunità dei figli d’Israele gli obbedisca…”.

Da quel momento, Giosuè ebbe il potere di dare gli stessi ordini impartiti da Mosè e di chiedere al sacerdote di consultare la volontà divina attraverso un oracolo.

Mosè preparava così una nuova guida del popolo d’Israele, che si avvicinava ormai alla terra promessa, perché lui e tutti gli ebrei della precedente generazione, che avevano mancato di fiducia in Dio durante il quarantennale peregrinare nel deserto, per volere di Dio l’avrebbero al massimo solo intravista, morendo prima di raggiungerla.

In Numeri 34,16, Dio Indica a Mosè i nomi degli uomini che spartiranno la terra promessa fra le varie tribù d’Israele e insieme al sacerdote Eleazaro, succeduto al padre Aronne, Dio indicò anche Giosuè, figlio di Nun.

E nel libro del Deuteronomio cap. 31, 7-8, c’è l’investitura ufficiale di Giosuè da parte di Mosè davanti a tutto il popolo: “Sii forte, sii valoroso! Perché tu condurrai questo popolo nella terra che il Signore promise con giuramento ai loro padri; tu la metterai in loro possesso. Il Signore cammina davanti a te e sarà con te. Non ti abbandonerà e non ti trascurerà. Non aver paura, non tremare!”.

Giosuè fu accanto a Mosè nei momenti finali della sua lunga vita, quando il grande legislatore e guida d’Israele, pronunciò la benedizione solenne sulle dodici tribù discendenti dai figli di Giacobbe e quando a 120 anni, morì sul monte Nebo vedendo da lì la terra promessa.

Nella cronologia della Bibbia si inserisce a questo punto il libro di Giosuè, composto da 24 capitoli, narranti le gesta del successore di Mosè nella conquista e nello stabilirsi del popolo d’Israele nella regione di Canaan, la terra promessa.

Il popolo sotto la sua guida attraversò il fiume Giordano, preceduto dall’Arca dell’Alleanza sorretta dai sacerdoti e come successe con il Mar Rosso e Mosè, anche il Giordano che era in piena, si fermò nell’impetuoso scorrere, facendo passare all’asciutto la lunga fila di popolazione e animali.

Dio con questo prodigio esaltò Giosuè davanti al popolo, come aveva esaltato Mosè e il popolo prese a venerarlo, così come aveva venerato Mosè.


Descrivere minuziosamente tutto il percorso d’Israele per stabilirsi nella regione, non è oggetto di questa scheda, per cui si accenna soltanto ai prodigi più noti, attribuiti a Giosuè.

La presa della città di Gerico, fu ottenuta da Giosuè facendo procedere in processione l’Arca dell’Alleanza al suono delle trombe dei sacerdoti, e girando intorno alle mura della città per sette giorni; al termine del settimo giro, fece gridare tutto il popolo ebreo e suonare le trombe e le mura crollarono, permettendo così la sconfitta e la morte degli spaventati difensori di Gerico.

Altro fatto miracoloso avvenne durante la battaglia contro gli Amorrei a Gabaon, quando Giosuè per avere una vittoria completa sul nemico sconfitto e in fuga, si rivolse al sole dicendo: “O sole, fermati su Gabaon, e tu o luna, nella valle di Aialon”. Il sole si fermò prolungando il giorno e gli israeliti fecero strage di nemici, che non avevano potuto riorganizzarsi durante la fuga.

In genere l’espansione del numeroso popolo d’Israele nella fertile terra di Canaan, fu attuata con una pacifica conquista, ma non mancarono tuttavia ripetuti episodi di guerra e di violenza, che lo scrittore sacro del Libro spiega ricordando l’ordine del Signore di votare allo sterminio queste popolazioni, per evitare il ricorrente pericolo di contaminazione religiosa.

L’entrata di Israele nella terra promessa era disegno di Dio; nulla vi si poteva opporre né altri uomini; ecco così le orrende stragi di interi eserciti e popolazioni, con città distrutte completamente.

Giunti ormai nella Palestina, Giosuè attuò la divisione del Paese fra le dodici storiche tribù, instaurando tutta la legislazione dettata da Mosè.

Passò molto tempo in pace e Giosuè ormai vecchio e avanzato in età, convocò a Sichem, una grande assemblea popolare, pronunciò il discorso d’addio al popolo, facendo loro promettere fedeltà a Dio loro padre e guida suprema.

Morì a 110 anni, la sua tomba è additata ancora oggi a Khirbet Tibuah a nord di Gerusalemme; mentre le ossa del patriarca Giuseppe, portate dall’Egitto durante la fuga degli israeliti, furono seppellite a Sichem.


Autore: Antonio Borrelli 



“Giosuè, figlio di Nun, fin dalla sua giovinezza era al servizio di Mosè”: così inizia secondo il libro dei Numeri 11,28 la vicenda di questo insigne personaggio della storia del popolo d’Israele, al quale si deve la conquista della Terra promessa. E’ certamente impossibile delineare in breve un ritratto completo di Giosuè, a cui un intero libro dell’Antico Testamento è intitolato. Questo personaggio è presente nella Bibbia già a partire dai primi eventi d’Israele nel deserto del Sinai durante l’esodo dall’Egitto. Lo si incontra infatti una prima volta nella battaglia contro il popolo di Amalek: è proprio a Giosuè, membro della tribù ebraica di Efraim, il cui nome significava simbolicamente “il Signore salva”, che Mosè affidò la direzione dell’esercito ebraico, come citato nel libro dell’Esodo 17,9-16.

Il risultato trionfale di questa operazione militare legò da quel momento il suo nome soprattutto ad imprese di tal genere. Ciò non toglie però che egli fu accanto a Mosè quale “aiutante” sulla vetta del Sinai (Es 24,13; 32,17) e fu inoltre custode della tenda santa dell’alleanza, santuario mobile del popolo nel deserto (Es 33,11). Il suo nome restò però sempre collegato alle numerose battaglie di Israele, iniziando dalla prima spedizione in Terra Santa. Mosè lo aveva infatti solennemente investito come suo successore prima del suo decesso: “Mosè prese Giosuè, lo fece comparire davanti al sacerdote Eleazaro e davanti a tutta la comunità. Pose su di lui le mani e gli diede i suoi ordini, come il Signore aveva comandato” (Num 27,22-23).Con questo nuovo generale divenuto comandante supremo iniziava una grande impresa, cioè conquistare la terra di Canaan, evento narrato nei primi dodici capitoli del libro proprio a lui intitolato. Quest’opera porta proprio il suo nome in quanto egli ne fu il principale attore. Una volta attraversato il Giordano, come già similmente accaduto in occasione della traversata del Mar Rosso, si verificò una tale serie di stragi da lasciare perplesso chi oggi si accosta alla lettura della Bibbia. Secondo la visione ebraica si tratterebbe di una “santa” violenza, riconducibile ad ordini divini, che assume il nome di “herem”, cioè anatema, consistente in una sorta di guerra santa che consacra a Dio tutto ciò che si frappone all’avanzata di Israele mediante un colossale olocausto.Non è bene comunque prendere alla lettera queste pagine bibliche assai spesso epiche e retoriche, ma occorre soprattutto ricordare come la Bibbia non sia una serie di astratte tesi su Dio, ma costituisce invece la Rivelazione di un Dio che cammina nella storia accanto all’uomo, pieno di limiti, fautore di vicende discutibili e violente. Proprio per mezzo di questa via definibile come “paziente” si fa andare oltre lo stesso Giosuè ed il suo popolo tribale verso migliori orizzonti di amore e di pace.Effettuata la divisione dei territori conquistati fra le varie tribù, Giosuè sentì che la sua missione era giunta a compimento. In un discorso testamentario, al capitolo 23 del libro omonimo, egli affidò ad Israele il compito di tenere sempre alta la fiaccola della sua peculiare identità. Infine a Sichem, davanti a tutte le tribù riunite nell’allora santuario centrale, celebrò un solenne atto di alleanza tra il suo popolo e Dio. Il capitolo 24 è dunque una pagina bellissima in cui Giosuè pronunziò il Credo biblico e l’intero popolo rispose ribadendo la promessa di fedeltà al Signore, esprimendola attraverso il verbo biblico del culto e della fede, “servire”, ribadito nel testo per ben quattordici volte.

All’alba del III millennio dell’era cristiana, ancora il nuovo Martyrologium Romanum riporta in data 1° settembre il ricordo di questo personaggio vetero-testamentario: “Commemorazione di San Giosuè, figlio Nun , servo di Dio. Dopo che Mosè gli impose le mani fu pieno dello spirito di sapienza e dopo la morte di Mosè, introdusse in modo prodigioso il popolo di Israele, attraverso il Giordano, nella terra promessa”.



Autore: Fabio Arduino