jeudi 25 juin 2015

Bienheureux DOMINIQUE HENARES, évêque dominicain et martyr, et bienheureux FRANCIS DU MINH CHIEU, tertiaire dominicain et martyr


Saints Dominique Hénarès et François Chieu

martyrs au Tonkin ( 1838)

Dominicain espagnol, Dominique Hénarès devint en 1803 évêque-coadjuteur de saint Ignace Delgado (Clemente Ignazio Delgado Cebrian, évêque O.P. 12-07-1838), le vicaire apostolique du Viêt-Nam. Il fut décapité avec son catéchiste, saint François Chieu, pendant la persécution contre les chrétiens.
Voir Domenico Hénarès, évêque O.P. 25-06-1838, Martyrs du Vietnam (+1745-1862), dans l'annuaire des 117 martyrs du Vietnam.

Canonisé par Jean Paul II en 1988.

Voir aussi les Saints Martyrs du Vietnam.

À Nam Dinh au Tonkin, l’an 1838, les saints martyrs Dominique Henares, évêque, de l’Ordre des Prêcheurs, et François Do Minh Chieu. Le premier propagea la foi chrétienne pendant quarante-neuf ans; le second, comme catéchiste, lui apporta une aide précieuse. Ils furent décapités ensemble pour le Christ, sous l’empereur Minh Mang.

Martyrologe romain

SOURCE : http://nominis.cef.fr/contenus/saint/1385/Saints-Dominique-Henares-et-Francois-Chieu.html

Blessed Dominic Henares, OP, and Francis Chien MM (AC)

Died in Tonkin (Vietnam) in 1838; beatified in 1900 by Pope Leo XIII; they may be included in the list of those canonized as Martyrs of Vietnam. Nearly 100 years after the death of Blessed Peter Sanz, two more Dominicans died for the faith, one of whom is celebrated today. Bishop Dominic Henares and the tertiary catechist Francis Chien died together with many others during the Annamite persecution.

Bishop Henares was born in Spain in 1765. He became bishop- coadjutor to Blessed Ignatius Delgado in 1803. In 1838, Bishop Henares, Bishop Ignatius Delgado, the apostolic-vicar of Tonkin, and Francis Chien were captured during a persecution stirred up by the mandarin. The prelates and a young priest had been hidden in the village of Kien-lao, and were accidentally betrayed by a little child who was cleverly questioned by a pagan teacher searching for the foreigners.

Alarmed at the sudden activities, the captors of Bishop Delgado put him into a small cage which was locked around him, and then put into jail with criminals. Delgado was tortured but refused to hint at the location of the others and was eventually killed. The young priest escaped.

Bishop Henares was captured at the same time. He had hidden himself in a boat, and the nervousness of the boatmen gave him away. Five hundred soldiers were detached to bring in the two dangerous criminals--the bishop and his catechist. They, too, were questioned endlessly. Two weeks after the death of Bishop Delgado, Henares was led out and beheaded in company with Chien.

The relics of all three martyrs were recovered in part, and were honorably buried by the next Dominicans to come on the scene-- Bishop Hermosilla and his companions, who would, as they knew, also be the next to die. Many of the records of these brave men were lost or deliberately destroyed, and many of them--we hope--may still be found in various neglected spots which war and trouble have caused to be overlooked (Benedictines, Dorcy).

SOURCE : http://www.saintpatrickdc.org/ss/0625.shtml

Santi Domenico Henares e Francesco Do Minh Chieu Vescovo e laico, martiri



† Nam Dinh, Vietnam, 25 giugno 1838

Francesco Do Minh Chieu, nato da famiglia cristiana in Vietnam, era fedele catechista e collaboratore del suo vescovo, s. Domenico Henares O.R, quando, nel 1838, scoppiò la persecuzione anticristiana. I persecutori stendevano sulle strade dei crocifissi e riconoscevano i cristiani dal fatto che essi non solo evitavano di calpestare la croce, ma anzi la veneravano. Francesco, attraversando una di queste strade, si affrettò a togliere tutti i crocifissi perché non venissero calpestati dai passanti, e se li strinse al petto con profonda venerazione. Fu violentemente percosso, arrestato e condannato alla decapitazione "per aver rifiutato di calpestare la croce".
Martirologio Romano: Nella città di Nam Định nel Tonchino, ora Viet Nam, santi Domenico Henares, vescovo dell’Ordine dei Predicatori, e Francesco Đỗ Minh Chiểu, martiri, dei quali il primo propagò per quarantanove anni la fede cristiana, il secondo, catechista, operò assiduamente con lui: entrambi furono decapitati insieme per Cristo sotto l’imperatore Minh Mạng.

Questo vescovo missionario domenicano e il suo catechista, Francesco Chiéu, fanno parte della gloriosa schiera dei 77 martiri annamiti e cinesi beatificati da Leone XIII il 7-5-1900. Domenico nacque a Baena, nella diocesi di Córdoba (Spagna) il 19-12-1765 da poveri genitori. Ancora giovanotto il Signore lo chiamò a servirlo nell'Ordine dei Frati Predicatori di cui vestì l'abito nel convento di Santa Croce in Granada (1783). Sentendo crescere in sé il desiderio di consacrare la sua vita alle missioni, appena fece la professione religiosa, ottenne di essere affiliato alla provincia domenicana delle Filippine, alla quale era stata affidata l'evangelizzazione del Tonchino orientale (Vietnam). Dopo essersi preparato all'apostolato nel celebre convento di Ocana, Domenico salpò da Cadice il 29-9-1785 per quelle isole con altri confratelli, tra cui S. Ignazio Delgado y Cebriàn (112-7-1838), e vi giunse il 9-7-1786, dopo un lungo e faticoso viaggio. A Manila, mentre frequentava i corsi di teologia, fu incaricato d'insegnare lettere nel collegio di San Tommaso. Poco dopo l'ordinazione sacerdotale (1789), fu mandato come missionario apostolico nel Tonchino orientale. Partì perciò per Macao, dove, all'inizio del 1790 si unì con il P. Delgado e altri due sacerdoti, anch'essi in viaggio per il medesimo Vicariato Apostolico.

Poiché il santo conosceva la lingua annamita, appena approdò nel Tonchino potè iniziare il ministero pastorale. I superiori della missione non tardarono ad apprezzare la pietà, la prudenza, la purezza di vita e la singolare pazienza di lui. Gli affidarono difatti la dirczione del seminario eretto a Tién-Chu per la preparazione dei preti indigeni. Nel delicato ufficio dovette dare ottima prova se il capitolo del 1798 lo nominò pro-vicario provinciale e, l'anno dopo, Vicario generale di Mons. Delgado, eletto Vicario Apostolico del Tonchino orientale dopo la morte di Mons. Feliciano Alonso. Pio VII nel 1800 lo nominò vescovo di Fez e coadiutore di Mons. Delgado.

Mons. Henares fu ordinato vescovo a Phunhay nel 1803, ma la nuova dignità non lo indusse a mutare il suo umilissimo genere di vita. Anzi, da quel giorno si sentì acceso da un più ardente zelo per le anime e da una più viva brama di martirio. Un giorno gli giunse dalla Spagna la notizia che gli era nata una nipotina. Allora egli compose la seguente preghiera, e la mandò al fratello perché la insegnasse alla fìgliuoletta appena fosse stata in grado di balbettarla: "Dolcissimo Gesù mio, padre della mia anima e del mio cuore, per la tua santa passione, per i meriti e l'intercessione della Vergine Maria, tua SS. Madre, ti prego di guardare con occhio misericordioso e liberare da ogni male il vescovo Fra Domenico, mio zio. Concedigli il tuo divino amore, di modo che, da esso acceso, tutte le opere sue siano di tuo servizio e, se sarà a maggiore onore e gloria tua, concedigli la grazia di spargere il suo sangue e di dare la vita per amor tuo, in testimonianza della tua fede. Amen".

Ogni anno lo zelante pastore visitava tutte le cristianità del suo Vicariato per amministrare i santi sacramenti e confermare nella fede i battezzati ancora tanto proclivi a coltivare superstizioni. L'evangelizzazione dell'Indocina (Tonchino e Cocincina), oggi Vietnam, iniziata nel secolo XVI da qualche francescano, ebbe il suo metodico organizzatore nel P. Gesuita Alessandro de Rhodes (+1660). Ci furono delle persecuzioni ma, verso il 1653, circa 300.000 annamiti avevano già abbracciato la fede cattolica. Dal 1820 al 1840 il re Minh-Manh, intelligente, ma crudele e xenofobo, cercò di estinguere la fede nel suo regno. In principio fu tenuto a freno dal viceré della Cocincina, il vecchio Thuong-Cong, favorevole ai cristiani, ma dopo la sua morte, avvenuta nel 1833, il re diede ordine che i nuovi missionari fossero cacciati, che i cristiani rinnegassero pubblicamente la loro religione calpestando il crocifisso, che le chiese fossero distrutte e soppresso l'insegnamento religioso.

Nel 1836 furono chiusi i porti agli europei e i sacerdoti ricercati attivamente. I cristiani perirono a migliaia benché di pochi sia stato possibile raccogliere notizie sufficientemente sicure da introdurre il loro processo di beatificazione. Tra le vittime più illustri figurano Mons. Ignazio Delgado y Cebriàn e il suo coadiutore, S. Domenico Henares, entrambi domenicani spagnuoli che lavoravano nelle missioni da quasi cinquant'anni. La persecuzione riprese più violenta nel 1838 motivo per cui, i due presuli, furono costretti a nascondersi ora in questo ora in quel villaggio per sfuggire alla caccia dei soldati. Il 29 maggio Mons. Delgado fu sorpreso a carcerato a Kién-Lao. Mons. Henares, che si trovava con lui, riuscì a sottrarsi alle ricerche dei soldati rifugiandosi nella casetta di una cristiana. La pia donna lo nascose dietro un graticcio di canne, che serviva per l'allevamento dei bachi da seta. Appena però i soldati si furono ritirati, per non esporre la sua ospite alla vendetta dei persecutori, nel cuore della notte egli, non potendo camminare per l'età e gli strapazzi sofferti, si fece trasportare sopra una lettiga nella vicina cristianità di Dàt-Vuot, seguito dall'inseparabile suo catechista, S. Francesco Chiéu, al quale aveva insegnato latino e teologia nel seminario di Tién-Chu. Al momento della persecuzione non aveva voluto separarsi dal vescovo fuggiasco e ricercato dai soldati quasi fosse un bandito. Francesco era riuscito a raggiungere Xuong-Dién, sul mare, con Mons. Henares, nella speranza di potere trasferirsi con lui in un'altra provincia. Vedendosi ricercati, presero a noleggio una barchetta ma, per il vento contrario, non riuscirono a prendere il largo. Il prefetto del villaggio, fingendosi loro amico, esortò i cristiani della riva a fare loro segno di ritornare a terra perché intendeva offrire loro ospitalità. I due missionari furono albergati in casa di un pescatore di nome Nghiém, ma il 9-6-1838 il prefetto del villaggio li denunciò al mandarino e costui li fece arrestare dai soldati.

Gli sgherri rinchiusero il vescovo in una gabbia di bambù, e posero una pesante canga al collo del catechista e del padrone della capanna in cui i missionari avevano trovato rifugio. Costoro furono condotti a Nam-Dinh, capitale della provincia. Davanti alla porta della città, Francesco, che camminava alla testa del corteo, a piedi, vide con orrore che erano state distese per terra delle croci perché fossero calpestate dai viandanti. Accelerò il passo, raccolse quelle croci, se le strinse al seno, e non se le lasciò strappare di mano nonostante le battiture dei soldati finché non passò la gabbia che racchiudeva Mons. Henares. I mandarini, furenti per quel gesto, lo fecero imprigionare in un luogo separato dal carcere in cui rinchiusero il vescovo.

Il processo fu istruito la notte stessa dai magistrati della città. Alla loro presenza Mons. Henares fece pubblica professione di fede. Con le loro subdole domande non riuscirono a carpirgli nessuna indiscrezione riguardo ai suoi confratelli, ed allora risolsero di convocare simultaneamente alla loro presenza anche i missionari che erano già riusciti ad arrestare. La gioia dei confessori di rivedersi fu grande, ma troppo breve. Il Vicario Apostolico, Mons. Delgado, e il suo coadiutore, Mons. Henares, attraverso i fori delle loro gabbie ebbero modo di scambiarsi le loro impressioni in spagnuolo e animarsi vicendevolmente al martirio. Si separarono con la certezza che si sarebbero visti di nuovo tra breve in cielo. L'infelice Nghiém, atterrito dalle minacce dei tormenti, rinnegò la fede calpestando e bestemmiando la croce. Anche Francesco fu invitato, in ossequio al re, a quel gesto sacrilego, ma egli rispose: "Dio è il vero sovrano, principio di tutte le cose e veramente da adorarsi; non vilipenderò mai la croce". In ricompensa, prima di rimandarlo in prigione, i giudici inviperiti lo fecero flagellare fino al sangue. Nell'attesa della sentenza reale fecero altri tentativi per salvare dalla morte il loro connazionale, ma Francesco spiegò loro le principali verità della fede e concluse il suo sermone dicendo: "Il governatore permetterebbe che un figlio camminasse sopra il corpo del proprio padre disteso per terra? E quanto meno sarà lecito a me camminare sull'immagine del Signore del cielo e della terra che tutto il mondo deve amare e adorare? Eppure il governatore vorrebbe che io calpestassi la croce!... Quand'anche mi strappasse le viscere, non oserei commettere così grande delitto!".

Accecati dal furore, i magistrati lo consegnarono ai soldati perché lo flagellassero un'altra volta. Essi lo percossero con tanta violenza da strappargli brandelli di carne. Perché si ostinava a non calpestare la croce lo posero persino a sedere sopra una tavola irta di chiodi. I due missionari furono condannati alla decapitazione perché maestri di una falsa religione. Appena ne ebbero notizia, essi si mostrarono pervasi da così grande letizia da destare ammirazione negli stessi pagani. I soldati li condussero al luogo dell'esecuzione capitale tra due fitte ale di popolo portando, inalberate sopra una picca, le sentenze di morte. Mons. Henares ogni tanto leggeva un libretto di preghiere, ogni tanto confortava i cristiani accorsi a rendergli l'estremo tributo di affetto. Francesco, benché carico della canga e ridotto tutto una piaga, diceva a coloro che vedeva in lacrime: "Perché piangete? Oggi, maestro e discepolo, entreremo insieme nella vera patria; tornatevene tranquilli alle vostre case". I mandarini avevano costretto tre soldati cristiani ad essere presenti a quella scena ferale per indurii all'apostasia, ma il vescovo, appena li vide, disse loro: Figli miei, sopportate da forti ancora per poco tempo i patimenti e conquisterete il regno dei cieli". I tre coraggiosi atleti gli risposero ad una voce: "Tu, o padre, quando entrerai in quel beato regno, ricordati di pregare per noi". Giunti al luogo del supplizio Francesco s'inginocchiò per raccomandare l'anima propria a Dio, ma il carnefice gli mozzò la testa al terzo colpo sotto gli occhi del vescovo. La stessa fine fu riservata subito dopo a costui, che tutti chiamavano il padre dei poveri. Non disponendo di grandi ricchezze , per soccorrerli rammendava con le proprie mani le loro vesti, abbreviando le ore di sonno.

Appena i due martiri furono decapitati, i fedeli e i pagani si precipitarono sui loro corpi per astergerne con pannilini il sangue e appropriarsi di brandelli delle loro vesti. I mandarini, pieni di confusione per quegli attestati di venerazione, comandarono che i giustiziati fossero immediatamente seppelliti, e comminarono pene severe a coloro che, in casi simili, fossero stati sorpresi a raccogliere sangue. La testa di Mons. Henares fu esposta dentro una cesta per sette giorni lungo la via che conduceva alla vicina città, poi fu gettata nel fiume Vi-Hoàng, legata a grosse pietre perché non fosse ritrovata. Provvidenza volle, invece, che andasse a finire nella rete di un pescatore cristiano.

I resti dei due martiri sono conservati, con quelli di altri nove, vittime del re Minh-Manh, nella città di Bùi-Chu. Essi furono canonizzati da Giovanni Paolo II il 19-6-1988.

Autore:
Guido Pettinati