mardi 25 août 2015

Sainte PATRICIA de NAPLES (PATRIZIA di CONSTANTINOPOLI), vierge religieuse

Résultats de recherche d'images pour « santa patrizia di costantinopoli »

Sainte Patricia de Naples


( v. 665)

Patrizia en italien.

Selon la légende elle avait des liens avec la famille royale de Constantinople. Elle s'échappa pour éviter le mariage  et se réfugia à Rome où elle reçut le voile de religieuse des mains du pape Libère pour se consacrer à Dieu. Au décès de son père, elle retourna à Constantinople pour distribuer ses biens aux pauvres et revint en Italie où elle mourut à Naples.

Il est dit que son sang conservé dans une fiole se liquéfie périodiquement comme celui de Saint Janvier.

Elle est sainte patrone de la ville de Naples.

SOURCE : http://nominis.cef.fr/contenus/saint/10621/Sainte-Patricia-de-Naples.html

Santa Patrizia

Entre histoire et légende


Santa Patrizia naît au 4ème siècle à Constantinople dans une famille noble, certains affirmant même qu'elle serait la nièce de l'Empereur Constantin. Très pieuse, elle fuit son foyer pour échapper au mariage et s'embarque pour la Terre Sainte.

Mais une (très) violente tempête fait échouer son embarcation près de Naples, sur l'îlot de Mégaris - où fut ultérieurement bâti le Castel dell'Ovo. Ce naufrage lui est selon certaines versions fatal ; d'autres affirment qu'elle meurt très jeune dans un couvent de Naples.

La sépulture de la belle jeune fille est conservée dans un cercueil de cristal, d'or et de pierres précieuses, désormais visible dans l'église de San Gregorio Armeno.

Le miracle de la liquéfaction du sang de Santa Patrizia

On raconte que quelques siècles après la mort de la Sainte, un chevalier romain qui faisait une halte au frais dans le monastère où reposait Santa Patrizia fut particulièrement troublé par son beau visage, resté intact dans son cercueil de cristal. Il quitta l'église mais ne put s'empêcher d'y revenir et là, se jeta sur la belle et lui arracha - on ne sait pourquoi ! - une molaire. Miraculeusement, un sang rouge vif s'écoula alors de la bouche de la Sainte, et fut récupéré par l'une des religieuses.

Depuis, le sang récupéré et coagulé se liquéfie chaque semaine et à diverses occasions, quand on sait prier correctement la sainte : ce miracle est réputé exaucer les vœux de procréation. Aujourd'hui, les religieuses exposent ces reliques chaque mardi à San Gregorio Armeno.

Santa Patrizia, protectrice de Naples

Santa Patrizia fait partie des saints patrons de Naples, dont elle est la figure féminine la plus populaire. Sa fête officielle est célébrée le 25 août.

Elle a toutefois fort à faire : elle demeure nettement moins connue que San Gennaro, qu'elle surpasse pourtant factuellement puisque son sang se liquéfie chaque semaine contre trois fois par an seulement pour le défunt évêque de Bénévent (serait-ce donc ici une preuve de la mysoginie des Napolitains ?). Et elle n'est que l'un des innombrables protecteurs de la ville : avec 52 saints patrons, soit un pour chaque semaine, Naples possède un étonnant record en Italie (Venise, avec « seulement » 25 saints patrons, occupe bien loin derrière la seconde place de cette étonnante compétition...).


Santa Patrizia di Costantinopoli


Also known as
  • Patricia of Constantinople
  • Patrizia of…
Profile

Born to the nobility, possibly related to the emperor. To escape an arranged marriage, and to give herself to the religious life, she made a pilgrimage to Jerusalem and then to Rome, Italy. Nun in Rome. Returned to Constantinople to give away her wealth to the poor. She then returned to Naples, Italy to make pilgrimages to the tombs of martyrs and saints.

Born
  • c.665 at Naples, Italy of natural causes
  • a vial of her blood reportedly liquifies periodically

Saint Patricia

By Barbara Zaragoza

on December 6, 2013 | 10:00 am 

Every Tuesday morning at the San Gregorio Armeno Church, Saint Patricia’s blood liquifies after the 9:30 a.m. service. She is the patroness saint of Naples and her remains as well as a tooth and a wax imitation of her body lie inside a coffin at a side altar. In addition, during the Tuesday mass, the vial of her blood is hung on the left side of the front altar and is covered with a cloth. After the Eucharist, the priest lifts Saint Patricia’s blood from the hook, brings it to the middle of the altar, and worshipers stand in a line to kiss the receptacle. Inside it, one opaque vial has a discernible syrupy dark liquid.

Not much is known about Saint Patricia, her deeds transferred only orally throughout the centuries. According to the little cards given out at the church, she was born rich and noble in Constantinople during the seventh century. She was also a descendant of the Roman Emperor, Constantine the Great. Wanting to lead a life of celibacy, she fled to Rome to avoid an arranged marriage. When her father died, Saint Patricia returned to Constantinople and gave all her inherited wealth to the poor. Thereafter, she embarked on a ship back to Rome, but a furious storm drove the vessel to the Bay of Naples, where she took shelter at the Castel dell’Ovo. With her friends, she decided to establish a prayer community in Naples and spent her life helping the needy of the city until her death in 665.

Further legend has it that her body was venerated for several centuries until, between 1198 and 1214, a knight wanted a memento from Saint Patricia and plucked out her tooth. An outpouring of blood came from the empty cavity, thereafter flowing at different periods of time. Calling it a miracle, nuns preserved some of this blood in two bulbous vials.

At the San Gregorio Armeno Church today, the “Sisters of Saint Patricia” help with the mass, take care of the cloister, and continue to venerate Saint Patricia’s remains. A large number of these nuns, interestingly, come from the Philippines.

On a more tongue in cheek note, the patron saint of Naples, San Gennaro, has his vial of blood at the Duomo, which liquifies every September 19th as well as the Saturday before the first Sunday in May. The blood of Saint Patricia, on the other hand, liquifies on her saint’s day of August 25th and each Tuesday after the morning mass, so Saint Patricia performs her miracle at least fifty-three times a year. All this definitively proves, once again, without a shadow of a doubt – that women work harder than men.

Getting There: San Gregorio Armeno Church is located at Via San Gregorio Armeno 44, affectionally known to most English speakers as Naples Christmas Alley. Make sure to go around the corner and visit the cloister, which has a beautiful courtyard. You can also browse the large selection of Christmas cribs –  the Neapolitan presepe in the shops along this street.

SOURCE : http://www.napoliunplugged.com/saint-patricia.html

Santa Patrizia di Costantinopoli Vergine


Le fonti sulla vita di santa Patrizia sono perlopiù scarse e leggendarie. La versione più comune è che Patrizia, discendente dell’imperatore Costantino, fuggì da Costantinopoli per evitare un matrimonio imposto. Dopo aver deciso di andare in pellegrinaggio in Terra Santa, 90253fece naufragio presso l’isoletta di Megaride, oggi Castel dell’Ovo a Napoli, dove morì poco tempo dopo. Il suo corpo venne custodito presso il monastero dei SS. Nicandro e Marciano fino al 1864, quando fu traslato nella chiesa annessa al monastero di San Gregorio Armeno, nell’omonima via napoletana. Inserita dal 1625 tra i compatroni di Napoli, è molto amata dalla popolazione della città, che la venera tradizionalmente al martedì, oltre che nel giorno della sua festa.

Etimologia: Patrizia = di nobile discendenza, dal latino

Le fonti sulla vita di santa Patrizia sono perlopiù scarse e leggendarie. La versione più comune è che fosse una discendente del grande imperatore Costantino, nata a Costantinopoli. Educata a corte dalla nutrice Aglaia, emise i voti di verginità in giovane età e, per rimanere fedele a quel proposito, fuggì dalla città perché l’imperatore Costante II (668-685) suo congiunto le aveva imposto il matrimonio.

Arrivò a Roma insieme ad Aglaia e altre ancelle e, recatasi da papa Liberio, ricevette il velo verginale. Morto il padre, Patrizia ritornò a Costantinopoli: rinunciò a ogni pretesa sulla corona imperiale, distribuì i suoi beni ai poveri e andò in pellegrinaggio verso la Terra Santa. Ma una terribile tempesta la fece naufragare sulle coste di Napoli, precisamente sull’isoletta di Megaride (oggi Castel dell’Ovo). Nel piccolo eremo che vi sorgeva, morì dopo una brevissima malattia.

I funerali, per celeste rivelazione alla nutrice Aglaia, si tennero in modo solenne, con la partecipazione del vescovo, del duca della città e di tanta gente. Il carro col suo corpo, tirato da due torelli senza guida, si arrestò davanti al monastero di Caponapoli dei padri Basiliani, dedicato ai SS. Nicandro e Marciano: in quel luogo, Patrizia aveva profetizzato tempo addietro che sarebbe stata sepolta. I resti rimasero là, insieme alle compagne che l’avevano seguita e che da lei si chiamarono Patriziane o Suore di Santa Patrizia.

Il monastero, trasferiti i monaci Basiliani in quello di San Sebastiano, fu tenuto dalle suore e sotto la regola benedettina ebbe secoli di vita gloriosa. A causa degli eventi storici e politici, nel 1864 le spoglie furono traslate nel monastero di San Gregorio Armeno: rivestite di cera, sono contenute in un’urna pregiata d’oro e d’argento ornata di gemme, posta alla venerazione dei fedeli in una cappella della navata destra della monumentale chiesa del monastero. Il suo culto è portato avanti dalle Suore Crocifisse Adoratrici dell’Eucaristia, venute a risiedere nel monastero dopo l’estinzione delle Patriziane.

La popolazione è sempre accorsa numerosa a venerarla, assistendo stupefatta ai prodigi della liquefazione del sangue e a quello della manna. La manna fu vista trasudare dal sepolcro, come nel caso di altri santi: in particolare, una grande effusione si ebbe il 13 settembre di un anno fra il 1198 e il 1214. Il sangue, invece, sarebbe uscito miracolosamente da un alveolo di un dente che un cavaliere romano, per devozione esagerata, aveva strappato al corpo della santa, morta da qualche secolo.

Dente e sangue sono conservati in un reliquiario di notevole pregio. Nei vari secoli lo scioglimento del sangue è avvenuto con modalità e tempi diversi. Attualmente, dopo le preghiere, si scioglie lungo le pareti dell’ampolla. Questo miracolo è meno conosciuto dell’altra liquefazione che pure avviene a Napoli, cioè quella di san Gennaro, patrono principale della città.

Santa Patrizia è dal 1625 una dei 51 compatroni di Napoli. La sua festa cade il 25 agosto, mentre il martedì è il giorno della settimana che devozionalmente le è collegato.


Autore: Antonio Borrelli



Santa Patrizia, patrona di Napoli che come San Gennaro compie il miracolo


Santa Patrizia di Costantinopoli è la compatrona di Napoli che viene festeggiata ogni 25 agosto. L’esistenza della Santa, nipote di Costantino il Grande, fu breve. Ella nacque a Costantinopoli nel 350 d.C. e fin da giovane fece voto di verginità. Purtroppo la sua famiglia le impose il matrimonio, ma per non infrangere il suo voto Patrizia, accompagnata dalla sua nutrice Aglaia, fuggì a Roma dove Papa Liberio la diede ufficialmente in sposa a Cristo.

Quando morì il padre la giovane fece ritorno in patria, e decise di donare ogni bene ai poveri rinunciando così alle ricchezze imperiali. Patrizia decise poi di partire per la Terra Santa, ma durante il viaggio si scatenò una tempesta tanto violenta che la nave su cui viaggiava fu costretta a trovare rifugio a Napoli. La giovane trovò ospitalità presso il Monastero dei Monaci Basiliani, tuttavia morì dopo qualche mese a seguito di una malattia.

Per volontà di Patrizia il suo corpo venne sepolto nel Monastero di San Nicandro e Marciano dove Aglaia e altre donne che la seguirono anche dopo la morte divennero Patriziane o Suore di Santa Patrizia.

Patrizia venne successivamente proclamata Santa e la chiesa situata in vico Armanni venne ben presto riconosciuta dal popolo come la chiesa di Santa Patrizia. Nel 1864 il convento delle Patriziane venne chiuso e le monache, i resti della Santa e il sangue sacro vennero trasferiti nel monastero di San Gregorio Armeno, dove tutt’oggi le Suore Crocifisse adoratrici dell’eucarestia custodiscono un’urna d’oro e d’argento ornata di preziose gemme, che conserva le spoglie rivestite in cera di Santa Patrizia.

Una leggenda narra che un cavaliere romano per devozione strappò un molare alla Santa morta da qualche secolo che sanguinò come se fosse ancora in vita. Quel sangue venne conservato in due ampolle ed ogni 25 agosto, così come ogni martedì, proprio come quello di San Gennaro anche per il sangue di Santa Patrizia dal secolo XVII avviene il prodigio della liquefazione. Secondo il folkole popolare, Santa Patrizia è inoltre venerata da tutte le ragazze in cerca di marito.

Preghiera a Santa Patrizia:

“O prodigiosa Vergine Santa Patrizia,
mia avvocata e protettrice,
che negli ultimi momenti della vostra vita
otteneste da Gesù
consiglio e divina protezione a tutti coloro
che a voi si rivolgessero per aiuto,
ottenetemi da Dio
la salute dell’anima e del corpo,
la vittoria sul Demonio e sulle passioni;
allontanate le avversità che mi circondano,
consolatemi nelle presenti tribolazioni.
Ottenetemi il perdono dei peccati
e l’ingresso nel regno del Cielo.
Siate porto di salvezza
ai naviganti
e tutela alla nostra città.
Diffondete speciale patrocinio sopra di me
e su tutti i vostri devoti,
affinché il nome santo di Dio
sia benedetto, glorificato,
esaltato e lodato da tutti
nei secoli dei secoli.
Amen.”



Per esser sempre aggiornato su tutto ciò che succede nella tua città seguici anche su facebook, diventa fan della nostra pagina!

SOURCE : http://www.vesuviolive.it/vesuvio-e-dintorni/notizie-di-napoli/107303-santa-patrizia-patrona-napoli-san-gennaro-compie-miracolo/

Santa Patrizia di Costantinopoli

Discendente del grande imperatore Costantino, nacque a Costantinopoli, educata a corte dalla nutrice Aglaia, fece voto di verginità in giovane età e per esservi fedele, fuggì dalla città perché l’imperatore Costante II (668-685) suo congiunto le aveva imposto il matrimonio.

Arrivò a Roma insieme ad Aglaia e ad altre ancelle e recatosi da papa Liberio, ricevtte il velo verginale.

Alla morte del padre, Patrizia fece ritorno a Costantinopoli e rinunciando ad ogni pretesa sulla corona imperiale, distribuì i suoi beni ai poveri e andò in pellegrinaggio verso la Terra Santa.

Ma una terribile tempesta la fece naufragare sulle coste di Napoli e precisamente sull’isoletta di Megaride (Castel dell’Ovo), lì vi era un piccolo eremo dove purtroppo dopo brevissima malattia muore.

I funerali per celeste rivelazione della nutrice Aglaia si tengono in modo solenne con la partecipazione del vescovo, del duca della città e di tanta gente, il carro tirato da due torelli senza guida si arresta davanti al monastero di Caponapoli dei Padri basiliani, dedicato ai ss. Nicandro e Marciano, ove Patrizia in una tappa a Napoli del precedente viaggio a Roma aveva indicato come luogo dove riposerà il suo corpo, e lì rimase con le sue consorelle che l’avevano seguita e che da lei si chiameranno Patriziane o Suore di Santa Patrizia.

Il monastero, trasferiti i monaci basiliani in quello di s. Sebastiano, fu tenuto dalle suore e sotto la regola benedettina ebbe secoli di vita gloriosa.

Per eventi storici e politici nel 1864 le spoglie furono traslate nel monastero di s. Gregorio Armeno, esse rivestite di cera sono contenute in un’urna pregiata d’oro e d’argento ornata di gemme, nella cappella laterale della monumentale chiesa del monastero.

La santa è molto venerata e anche qui avviene un miracolo della liquefazione del sangue e della manna.

La manna fu vista trasudare, come altre tombe di santi, dal sepolcro, in particolare una grande effusione si ebbe il 13 settembre di un anno fra il 1198 e il 1214.

Il sangue invece sarebbe uscito miracolosamente da un alveolo di un dente che un cavaliere romano per devozione esagerata aveva strappato al corpo della santa, morta da qualche secolo.

Dente e sangue sono conservati in un reliquiario di notevole pregio. Nei vari secoli lo scioglimento del sangue è avvenuto con modalità e tempi diversi. Attualmente, dopo le preghiere si scioglie lungo le pareti dell’ampolla. Questo miracolo è meno conosciuto dell’altra liquefazione che pure avviene a Napoli, cioè quella di s. Gennaro patrono principale della città.

S. Patrizia è compatrona di Napoli e viene festeggiata il 25 agosto.