samedi 5 mai 2012

Saint PIE V (ANTONIO GHISLIERI), Pape et confesseur


Scipione Pulzone (1544–1598). Portrait du Pape Piue V (Michele Ghislieri), 1578


Saint Pie V, pape

Durant les six années de son pontificat (1566-1572), le pape Pie V s'appliqua à faire passer dans la pratique les décrets réformateurs du Concile de Trente. Il promulgua le Catéchisme du Concile, ainsi que le Bréviaire et le Missel romain. Enfin il formula les règles de la récitation du Rosaire et s'en fit le propagateur.

SOURCE : http://www.paroisse-saint-aygulf.fr/index.php/prieres-et-liturgie/saints-par-mois/icalrepeat.detail/2015/04/30/604/-/saint-pie-v-pape

Saint Pie V

Pape (226 ème) de 1566 à 1572, dominicain et grand inquisiteur (+ 1572)

Antonio Ghislieri était un petit berger gardant les moutons dans la campagne lombarde. La générosité d'un voisin l'enverra à l'école chez les dominicains. A 14 ans, il entre dans l'Ordre des Prêcheurs sous le nom de Michele. Toute sa vie, il sera fidèle à ses vœux religieux et gardera la pauvreté jusque dans les fastes pontificaux. En 1550, il est nommé Grand Inquisiteur dans un diocèse très exposé à la prédication protestante. Six ans plus tard, il sera pape, grâce à l'opiniâtreté de saint Charles Borromée, archevêque de Milan qui sera d'ailleurs l'un de ses plus fidèles collaborateurs. Pie V consacrera son pontificat à l'application de la Réforme Catholique définie au Concile de Trente, dans toute l'Église, avec une attention particulière pour les diocèses du Nouveau Monde. Les prêtres doivent donner l'exemple de la pureté des mœurs et du dévouement. Les laïcs doivent fréquenter les sacrements et s'instruire dans la foi. Pour favoriser cette restauration de la piété, le pape fait refondre le missel, achever et traduire en plusieurs langues nationales le catéchisme officiel. Il lui faut aussi contrer la diffusion des thèses protestantes. Il encourage les théologiens, crée la Congrégation de l'Index pour protéger les fidèles contre les thèses hérétiques. Il n'hésite pas à excommunier la reine d'Angleterre Élisabeth 1ère. Il appelle les princes chrétiens à une croisade contre les Ottomans musulmans qui, un siècle plus tôt, avaient anéanti l'Empire chrétien d'Orient. La flotte turque, réputée invincible, sera écrasée à Lépante le 7 octobre 1571. Il est le pape dynamique de la réforme romaine qui marquera l'Église durant plusieurs siècles.

Mémoire de saint Pie V, pape, de l’Ordre des Prêcheurs. Placé sur la chaire de Pierre, il apporta une grande piété et une vigueur apostolique pour appliquer les décrets du Concile de Trente, restaurer le culte divin, la doctrine chrétienne et la discipline de l’Église, et veiller à la propagation de la foi. Il s’endormit dans le Seigneur le 1er mai 1572.

Martyrologe romain

SOURCE : http://nominis.cef.fr/contenus/saint/1064/Saint-Pie-V.html


SAINT PIE V

Pape

(1504-1572)

Deux religieux dominicains cheminaient un jour à travers la Lombardie. Dans un village, ils rencontrèrent un petit pâtre nommé Michel Ghislieri, d'une noble famille ruinée par les guerres civiles. La physionomie ouverte et spirituelle de l'enfant, ses questions, ses réponses, frappèrent vivement les bons religieux, qui lui proposèrent de l'emmener pour le faire entrer dans leur Ordre. Le pâtre, joyeux, prit le temps d'aller demander la bénédiction de ses parents.

Ce jour-là, la Providence avait accompli, de la manière la plus simple, un merveilleux dessein, car cet enfant devait être l'immortel saint Pie V. Les études du jeune Michel furent brillantes; l'élève devint lui-même, à vingt ans, un professeur distingué.

Bientôt il lui fallut courber ses épaules sous la charge de supérieur, puis d'inquisiteur. C'est dans cette fonction épineuse qu'il se créa, en défendant les droits de l'Église, des ennemis implacables. Il dut aller à Rome justifier sa conduite. Ce voyage de Rome marque dans la vie du jeune religieux.

Les Dominicains du couvent de Sainte-Sabine, le voyant arriver avec un extérieur négligé, lui firent mauvais accueil; le supérieur alla même jusqu'à lui dire avec raillerie: "Que venez-vous chercher ici, mon Père? Venez-vous voir si le collège des cardinaux est disposé à vous faire Pape?" Le religieux peu charitable ne se doutait pas qu'il prédisait l'avenir.

Le cardinal Caraffa jugea autrement le jeune inquisiteur; sous cet extérieur modeste, il reconnut une grande âme destinée par Dieu à combattre vaillamment l'hérésie; et plus tard, quand il fut devenu Pape sous le nom de Paul IV, il eut hâte de donner un évêché à Michel Ghislieri, qui dut l'accepter malgré ses larmes. Dès lors on vit briller en lui toutes les vertus apostoliques, surtout l'amour des pauvres et des humbles.

Peu de temps après, l'évêque était cardinal. Il n'accepta des exigences de sa dignité que ce qu'il ne pouvait éviter; son palais ressemblait à un couvent, sa vie à celle d'un moine. Jamais plus grande violence ne lui fut faite que quand on lui imposa de force la charge du souverain pontificat. Il prit le nom de Pie V.

Peu de Papes ont vu autour d'eux le rayonnement de plus grands Saints et de plus grands hommes; c'était le temps où vivaient les saint Jean l'Aumônier, les saint Thomas de Villeneuve, les saint Jean de Dieu, les saint Jean de la Croix, les sainte Thérèse, les saint François de Borgia, Louis de Gonzague, Stanislas Kostka, saint Charles Borromée.

Le grand événement de son règne fut la victoire de Lépante, dont il eut la révélation à l'heure même où elle fut remportée.

Abbé L. Jaud, Vie des Saints pour tous les jours de l'année, Tours, Mame, 1950.

SOURCE : http://www.magnificat.ca/cal/fr/saints/saint_pie_v.html


C'est précisément l'Église réorganisée par le concile de Trente que le pape saint Pie V réussit à promouvoir au cours d'une activité sans faille au service de la foi. En effet Michel Ghislieri - jusque-là professeur, maître des novices et prieur, inquisiteur provincial à Côme et à Bergame -, entre dans la grande machine ecclésiastique romaine comme Commissaire général de l'Inquisition en 1551. Son protecteur, le cardinal Carafa devenu Paul IV, le nomme en 1556 évêque de Nepi et Sutri, puis de Mondovi, tout en le faisant Inquisiteur général de la chrétienté.

Il devient cardinal en 1557. Nicole Lemaître, sa récente biographe, montre qu'il commence à modifier l'image sociale du cardinalat. Jusqu'alors, dans un État temporel comme celui du Pape, les cardinaux restaient des princes. " Religieux mendiant, sans famille brillante [...] il pouvait se permettre de faire de sa vie un modèle. " Il limite ses dépenses à l'extrême, aux dépens peut-être du mécénat qui était alors attendu des gens de sa sorte.

Le cardinal Ghislieri connaît des années un peu plus difficiles sous le pontificat de Pie IV qui réussit à terminer le concile de Trente à la fin de 1563. Deux ans après, il lui succède après une élection unanime. Pie V va alors s'employer à mettre en oeuvre les décisions du concile de Trente qui, comme celles de Latran V l'ayant précédé un demi-siècle, auraient pu rester lettre morte. On lui doit la promulgation du Catéchisme tridentin et surtout une refonte de la liturgie par le bréviaire et le missel. La " messe de saint Pie V " veut certes unifier la célébration eucharistique, en reconnaissant des rites légitimes, et la fixer, mais certainement pas d'une manière intemporelle.

Le pape Pie V est un des grands artisans de la Réforme catholique par la purification des moeurs, à la Curie, dans la ville de Rome et les États pontificaux. Il a voulu en donner l'exemple par une vie pieuse, sainte et désintéressée, ce qui l'a amené à renoncer à tous les avantages que sa famille pouvait attendre de son élévation. Pour sa famille religieuse, Pie V, tout en accordant une préséance aux prêcheurs sur les autres ordres, intervint pour les réformer en s'appuyant sur les maîtres de l'ordre.

Un des grands succès de la politique de saint Pie V fut la bataille navale de Lépante contre les Turcs, le 7 octobre 1571. Attribuant cette victoire à la protection de la Vierge Marie, le Pape engagea les prêcheurs à célébrer chaque année une fête de Notre-Dame de la Victoire qui devint ensuite Notre-Dame du Rosaire. Pie V mourut le 1er mai 1572 et fut béatifié exactement un siècle après. Un peu confisqué par l'hagiographie intégriste, Pie V, avec ses limites, ses échecs et son immense travail, a surtout rendu à l'Église le service, après les turpitudes des papes de la Renaissance, de présenter la figure d'un pontife irréprochable, modèle des princes-serviteurs. (Source : Quilici, Alain; Bedouelle, Guy. Les frères prêcheurs autrement dits Dominicains. Le Sarment/Fayard, 1997)



St Pie V

Deux religieux dominicains cheminaient un jour à travers la Lombardie. Dans un village, ils rencontrèrent un petit pâtre nommé Michel Ghislieri, d’une noble famille ruinée par les guerres civiles. La physionomie ouverte et spirituelle de l’enfant, ses questions, ses réponses, frappèrent vivement les bons religieux, qui lui proposèrent de l’emmener pour le faire entrer dans leur Ordre.

Ce jour-là, la Providence avait accompli, de la manière la plus simple, un merveilleux dessein, car cet enfant devait être l’immortel saint Pie V. Les études du jeune Michel furent brillantes ; l’élève devint lui-même, à vingt ans, un professeur distingué.

Bientôt il lui fallut courber ses épaules sous la charge de supérieur, puis d’inquisiteur. C’est dans cette fonction épineuse qu’il se créa, en défendant les droits de l’Église, des ennemis implacables. Il dut aller à Rome justifier sa conduite. Ce voyage de Rome marque dans la vie du jeune religieux.

Les Dominicains du couvent de Sainte-Sabine, le voyant arriver avec un extérieur négligé, lui firent mauvais accueil ; le supérieur alla même jusqu’à lui dire avec raillerie : "Que venez-vous chercher ici, mon Père ? Venez-vous voir si le collège des cardinaux est disposé à vous faire Pape ?" Le religieux peu charitable ne se doutait pas qu’il prédisait l’avenir.

Le cardinal Caraffa jugea autrement le jeune inquisiteur ; sous cet extérieur modeste, il reconnut une grande âme destinée par Dieu à combattre vaillamment l’hérésie ; et plus tard, quand il fut devenu Pape sous le nom de Paul IV, il eut hâte de donner un évêché à Michel Ghislieri, qui dut l’accepter malgré ses larmes. Dès lors on vit briller en lui toutes les vertus apostoliques, surtout l’amour des pauvres et des humbles.

Peu de temps après, l’évêque était cardinal. Il n’accepta des exigences de sa dignité que ce qu’il ne pouvait éviter ; son palais ressemblait à un couvent, sa vie à celle d’un moine. Jamais plus grande violence ne lui fut faite que quand on lui imposa de force la charge du souverain pontificat. Il prit le nom de Pie V.

Son court pontificat fut l'un des plus féconds du XVIe siècle. A l'intérieur de l'Église, il rendit efficaces les décrets du Concile de Trente, publia le missel et le bréviaire romains, travailla avec fermeté à la réforme des mœurs. Il organisa la campagne qui devait se terminer en 1571 à Lépante par l'écrasement définitif de la puissance ottomane qui menaçait l'Europe. Il eut la révélation de la victoire à l’heure même où elle fut remportée. Alors il institua la fête de Notre-Dame de la Victoire, qui devint la fête du Rosaire. St Pie V mourut en 1572. Son tombeau se trouve à Rome dans l'église Ste-Marie Majeure.

Dans le message du Pape Jean-Paul II à Mgr Fernando Charrier, évêque d’Alexandrie, pour le cinquième centenaire de la naissance de saint Pie V, en date du 1er mai 2004, nous pouvons lire :

« Que l’intercession de saint Pie V et l’exemple de ses vertus représentent un encouragement pour chacun en vue de consolider sa foi, en la maintenant intacte et en contact permanent avec les sources de la Révélation, et en la diffusant dans la société pour édifier une humanité ouverte au Christ et orientée vers la construction de la civilisation de l’amour » […] « Grâce à la récitation fervente du Rosaire, on peut obtenir des grâces extraordinaires par l’intercession de la céleste Mère du Seigneur. Saint Pie V en était bien convaincu, lui qui, après la victoire de Lépante, voulut instituer une fête consacrée à la Madone du Rosaire. » […] « À travers la récitation du Rosaire, j’ai confié à Marie, Reine du saint Rosaire, en ce début du troisième millénaire, le bien précieux de la paix et le renforcement de l’institution familiale. Je renouvelle ce geste confiant par l’intercession du grand dévot de Marie que fut Saint Pie V ».

Prions : Dieu qui pour briser les ennemis de votre Eglise, et pour restaurer le culte divin, avez daigné choisir le bienheureux Pie comme souverain Pontife, faites que sa protection nous défende, et que nous nous attachions tellement à votre service, qu'après avoir surmonté toutes les embûches de nos ennemis nous nous réjouissions d'une paix perpétuelle.


Palma il Giovane. Portrair du Pape Pie V


Saint Pie V

Michel Ghislieri naquit le 17 janvier 1504 dans le village de Bosco, près d’Alexandrie (diocèse de Tortone), où il fut berger. Ayant très tôt voulu se consacrer à Dieu, il entra chez les Dominicains de Voghera où, deux ans plus tard, il reçut l’habit et le nom de Michel Alexandrin. Le 18 mai 1521, il prononça ses vœux solennels au couvent de Vigevano et fut envoyé à l’université de Bologne où, après avoir conquis ses grades, il enseigna. Ordonné prêtre à Gênes (1528), pieux et mortifié, défenseur opiniâtre de la discipline et de la doctrine, il fut successivement prieur des couvents de Vigevano, de Socino et d’Albe, puis il fut inquisiteur à Côme ; en juin 1551, il fut nommé commissaire général du Saint-Office ; Paul IV le fit évêque de Sutri et de Népi (4 septembre 1556), le créa cardinal (15 mars 1557) et le nomma inquisiteur général de l’univers chrétien (14 décembre 1558). En disgrâce sous Pie IV, il fut transféré à l’évêché piémontais de Mondovi (27 mars 1560) Au terme du conclave dominé par saint Charles Borromée, Michel Ghislieri que l’on appelait le cardinal Alexandrin, fut élu pape (7 janvier 1566) et prit le nom de Pie V.

Pie V s’employa à mettre en œuvre les décisions du concile de Trente : il fit préparer et publier le Catéchisme du concile de Trente (1566) ; donna une édition révisée du Breviarium romanum (1568) et du Missale romanum (1570) qui furent imposés à toutes les églises d’Occident dont la liturgie propre avait moins de deux siècles, réservant désormais au Saint-Siège l’approbation de toutes les initiatives liturgiques. Pie V réorganisa complètement la Pénitencerie (1569) et réforma les autres services de la Curie ; il institua la congrégation des Evêques (1571) et celle de l’Index (1571). Pie V, très attentif à défendre énergiquement la foi catholique, fit condamner nombre d’hérétiques ; il fit ajouter saint Thomas d’Aquin aux quatre grands docteurs d’Occident et finança l’édition complète de ses œuvres. Pie V mourut le 1° mai 1572. Béatifié le 1° mai 1672, il fut canonisé le 22 mai 1712. Paul VI déplaça sa fête du 5 mai au 30 avril.


Saint Pie V (1566-1572)

Antonio Ghislieri, né à Bosco Marengo en 1504, mort à Rome en 1572.

Exécuter les décret du concile de Trente fut la tâche principale à laquelle s’attela le nouveau pontife. Il réforma l’Église, excommunia Élisabeth d’Angleterre en 1570 et coalisa les forces chrétiennes contre les Turcs, en 1571, lors de la fameuse bataille de Lépante.

La messe qui porte son nom fut célébrée pendant plus de 400 ans.


QUO PRIMUM TEMPORE

Bulle

de S. S. Pie V

présentant le nouveau missel

Dès le premier instant de Notre élévation au sommet de la Hiérarchie Apostolique, Nous avons tourné avec amour Notre esprit et Nos forces et dirigé toutes Nos pensées vers ce qui était de nature à conserver la pureté du culte de l'Église, et, avec l'aide de Dieu Lui-même, Nous nous sommes efforcé de le réaliser en plénitude, en y apportant tout Notre soin. Comme parmi d'autres décisions du saint Concile de Trente, il nous incombait de décider de l'édition et de la réforme des livres sacrés, le Catéchisme, le Bréviaire et le Missel; après avoir déjà, grâce à Dieu, édité le Catéchisme pour l'instruction du peuple, et pour qu'à Dieu soient rendues les louanges qui Lui sont dues, corrigé complètement le Bréviaire, pour que le Missel répondît au Bréviaire, ce qui est convenable et normal puisqu'il sied qu'il n'y ait dans l'Église de Dieu qu'une seule façon de psalmodier et un seul rite pour célébrer la Messe, il Nous apparaissait désormais nécessaire de penser le plus tôt possible à ce qui restait à faire dans ce domaine, à savoir: éditer le Missel lui-même.

C'est pourquoi Nous avons estimé devoir confier cette charge à des savants choisis; et, de fait, ce sont eux qui, après avoir soigneusement rassemblé tous les manuscrits, non seulement les anciens de Notre Bibliothèque Vaticane, mais aussi d'autres recherchés de tous les côtés, corrigés et exempts d'altération, ainsi que les décisions des Anciens et les écrits d'auteurs estimés qui nous ont laissé des documents relatifs à l'organisation de ces mêmes rites, ont rétabli le Missel lui-même conformément à la règle antique et aux rites des Saints-Pères.

Une fois celui-ci révisé et corrigé, après mûre réflexion, afin que tous profitent de cette disposition et du travail que Nous avons entrepris, Nous avons ordonné qu'il fût imprimé à Rome le plus tôt possible, et qu'une fois imprimé, il fût publié, afin que les prêtres sachent quelles prières ils doivent utiliser, quels sont les rites et quelles sont les cérémonies qu'ils doivent conserver dorénavant dans la célébration des Messes: pour que tous accueillent partout et observent ce qui leur a été transmis par l'Église romaine, Mère et Maîtresse de toutes les autres Églises, et pour que par la suite et dans les temps à venir dans toutes les églises, patriarcales, cathédrales, collégiales et paroissiales de toutes les provinces de la Chrétienté, séculières ou de n'importe quels Ordres monastiques, tant d'hommes que de femmes, même d'Ordres militaires réguliers, et dans les églises et chapelles sans charge d'âmes dans lesquelles la célébration de la messe conventuelle à haute voix avec le Chœur, ou à voix basse selon le rite de l'Église romaine est de coutume ou d'obligation, on ne chante ou ne récite d'autres formules que celle conforme au Missel que Nous avons publié, même si ces églises ont obtenu une dispense quelconque, par un indult du Siège Apostolique, par le fait d'une coutume, d'un privilège ou même d'un serment, ou par une confirmation apostolique, ou sont dotées d'autres permissions quelconques; à moins que depuis la première institution approuvée par le Siège Apostolique ou en vertu de la coutume, cette dernière ou l'institution elle-même aient été observées dans ces mêmes églises depuis deux cents ans au moins, d'une façon continue, pour la célébration des messes. Dans ce cas, Nous ne supprimons aucunement à ces églises leur institution ou coutume de célébrer la messe; mais si ce Missel que Nous avons fait publier leur plaisait davantage, de l'avis de l'Évêque ou du Prélat, ou de l'ensemble du Chapitre, Nous permettons que, sans que quoi que ce soit y fasse obstacle, elles puissent célébrer la messe suivant celui-ci.

Par Notre présente constitution, qui est valable à perpétuité, Nous avons décidé et Nous ordonnons, sous peine de Notre malédiction, que pour toutes les autres églises précitées l’usage de leurs missels propres soit retiré et absolument et totalement rejeté, et que jamais rien ne soit ajouté, retranché ou modifié à Notre missel, que nous venons d’éditer.

Nous avons décidé rigoureusement pour l'ensemble et pour chacune des églises énumérées ci-dessus, pour les Patriarches, les Administrateurs et pour toutes autres personnes revêtues de quelque dignité ecclésiastique, fussent-ils même Cardinaux de la Sainte Église romaine ou eussent-ils tout autre grade ou prééminence quelconque, qu'ils devront, en vertu de la sainte obéissance, abandonner à l'avenir et rejeter entièrement tous les autres principes et rites, si anciens soient-ils, provenant des autres missels dont ils avaient jusqu'ici l'habitude de se servir, et qu'ils devront chanter ou dire la Messe suivant le rite, la manière et la règle que Nous enseignons par ce Missel et qu'ils ne pourront se permettre d'ajouter, dans la célébration de la Messe, d'autres cérémonies ou de réciter d'autres prières que celles contenues dans ce Missel.

Et même par les dispositions des présentes et au nom de notre autorité apostolique, Nous concédons et accordons que ce même missel pourra être suivi en totalité dans la messe chantée ou lue, dans quelque église que ce soit, sans aucun scrupule de conscience et sans encourir aucune punition, condamnation ou censure, et qu’on pourra valablement l’utiliser librement et licitement, et cela à perpétuité.

Et, d’une façon analogue, Nous avons décidé et déclarons que les supérieurs, administrateurs, chapelains et autres prêtres de quelque nom qu’ils seront désignés, ou les religieux de n’importe quel ordre, ne peuvent être tenus de célébrer la messe autrement que nous l’avons fixée, et que jamais et en aucun temps qui que ce soit ne pourra les contraindre et les forcer à laisser ce missel ou à abroger la présente instruction ou la modifier, mais qu’elle demeurera toujours en vigueur et valide, dans toute sa force, nonobstant les décisions antérieures et les constitutions et ordonnances apostoliques, et les constitutions générales ou spéciales émanant de conciles provinciaux et généraux, pas plus que l’usage des églises précitées confirmé par une prescription très ancienne et immémoriale, mais ne remontant pas à plus de deux cents ans, ni les décisions ou coutumes contraires, quelles qu’elles soient.

Nous voulons, au contraire, et Nous le décrétons avec la même autorité, qu'après la publication de Notre présente Constitution, ainsi que du Missel, tous les prêtres qui sont présents dans la Curie romaine soient tenus de chanter ou de dire la Messe selon ce Missel dans un délai d'un mois: ceux qui sont de ce côté des Alpes, au bout de trois mois: et enfin, ceux qui habitent de l'autre côté des montagnes, au bout de six mois ou dès que celui-ci leur sera offert à acheter.

Et pour qu'en tout lieu de la Terre il soit conservé sans corruption et exempt de fautes et d'erreurs, Nous interdisons par Notre autorité apostolique et par le contenu d'instructions semblables à la présente, à tous les imprimeurs domiciliés dans le domaine soumis directement ou indirectement à Notre autorité et à la sainte Église romaine, sous peine de confiscation des livres et d'une amende de deux cents ducats d'or à payer au Trésor Apostolique, et aux autres, domiciliés en quelque lieu du monde, sous peine d'excommunication et d'autres sanctions en Notre pouvoir, de se permettre en aucune manière ou de s'arroger le droit de l'imprimer ou de l'offrir, ou de l'accepter sans Notre permission ou une permission spéciale d'un Commissaire Apostolique qui doit être chargé par Nous de ce soin, et sans que ce Commissaire n'ait comparé avec le Missel imprimé à Rome, suivant la grande impression, un original destiné au même imprimeur pour lui servir de modèle pour ceux que ledit imprimeur doit imprimer, ni sans qu'on n'ait préalablement bien établi qu'il concorde avec ledit Missel et ne présente absolument aucune divergence par rapport à celui-ci.

Cependant, comme il serait difficile de transmettre la présente lettre en tous lieux de la Chrétienté et de la porter tout de suite à la connaissance de tous, Nous ordonnons de la publier et de l'afficher, suivant l'usage, à la Basilique du Prince des Apôtres et à la Chancellerie Apostolique, ainsi que sur le Champ de Flore, et d'imprimer aussi des exemplaires de cette même lettre signés de la main d'un notaire public et munis du sceau d'une personnalité revêtue d'une dignité ecclésiastique, auxquels on devra partout, chez tous les peuples et en tous lieux, accorder la même confiance absolument exempte de doute que si l'on montrait ou exposait la présente.

Qu’absolument personne, donc, ne puisse déroger à cette page qui exprime Notre permission, Notre décision, Notre ordonnance, Notre commandement, Notre précepte, Notre concession, Notre indult, Notre déclaration, Notre décret et Notre interdiction, ou n’ose témérairement aller à l’encontre de ses dispositions. Si cependant quelqu’un se permettait une telle altération, qu’il sache qu’il encourrait l’indignation de Dieu tout-puissant et de ses bienheureux apôtres Pierre et Paul.

Donné à Rome, à Saint-Pierre, l'An mil cinq cent soixante-dix de l'Incarnation du Seigneur, la veille des Ides de juillet, en la cinquième année de Notre Pontificat.



St Pie V, pape et confesseur

Mort à Rome le 1er mai 1572. Canonisé par Clément XI en 1712. Fête comme semi-double au 5 mai, premier jour de libre après son natale. Pie VI en fit une fête double en 1775.

Leçons des Matines avant 1960

Quatrième leçon. Pie, né dans une ville du Piémont nommée Bosco, de la noble famille des Ghisleri, originaire de Bologne, entra à l’âge de quatorze ans dans l’Ordre des Frères Prêcheurs. On remarquait en lui une admirable patience, une profonde humilité, une très grande austérité de vie, une application continuelle à l’oraison, et le zèle le plus ardent pour l’observance régulière et la gloire de Dieu. Il s’adonna à l’étude de la philosophie et de la théologie, et excella tellement dans ces sciences, qu’il s’acquitta avec un grand succès de la charge de les enseigner. Il fit en plusieurs lieux des conférences sacrées très fructueuses, remplit longtemps avec une force d’âme inviolable les fonctions d’inquisiteur, et préserva, au péril même de sa vie, un grand nombre de villes de l’hérésie qui s’efforçait de les envahir.

Cinquième leçon. Paul IV, à qui ses vertus le rendaient cher, le promut d’abord à l’évêché de Népi et Sutri, et, deux ans après, le mit au rang des Cardinaux Prêtres de l’Église romaine. Transféré par Pie IV au siège de Mondovi, dans le Piémont, il reconnut que beaucoup d’abus s’étaient introduits dans cette Église, et fit la visite de son diocèse pour les extirper. Lorsque toutes choses furent remises en ordre, il revint à Rome, où il fut occupé des négociations les plus importantes dans l’expédition desquelles il prit toujours le parti de la justice, et déploya une liberté apostolique et une grande constance. A la mort de Pie IV, il fut élu Pape, contre l’attente générale ; mais, sauf l’extérieur, il ne changea rien à sa manière de vivre. Il eut un zèle incessant pour la propagation de la foi, une sollicitude infatigable pour le rétablissement de la discipline ecclésiastique, une vigilance assidue pour l’extirpation des erreurs, une bienfaisance inépuisable pour soulager les nécessités des indigents, un courage invincible pour défendre les droits du siège apostolique.

Sixième leçon. Le sultan des Turcs, Sélim, dont les succès avaient accru l’audace, ayant réuni une flotte nombreuse près des îles Cursolaires, fut vaincu, grâce à Pie V, et plus encore au moyen des prières adressées à Dieu qu’au moyen des armes. Ce Pontife connut cette victoire par une révélation divine à l’heure même où elle fut obtenue, et il l’annonça aux personnes qui se trouvaient avec lui. Il préparait une nouvelle expédition contre les Turcs lorsqu’il tomba gravement malade ; il supporta avec une grande patience de très cruelles douleurs, et étant arrivé à l’extrémité, reçut les sacrements selon l’usage, puis rendit son âme à Dieu dans une paix profonde, l’an mil cinq cent soixante-douze, âgé de soixante-huit ans, après avoir siégé six ans, trois mois et vingt-quatre jours. Son corps est l’objet d’une grande vénération de la part des fidèles dans la basilique de Sainte Marie-Majeure. Dieu opéra de nombreux miracles en faveur de ceux qui recouraient à l’intercession de Pie V, et ces prodiges ayant été prouvés juridiquement, il a été inscrit au nombre des Saints par le Souverain Pontife Clément XI.


Tombeau de Pie V, Rome, Santa Maria Maggiore.

Dom Guéranger, l’Année Liturgique

Déjà de nombreux Pontifes ont paru sur le Cycle, où ils forment une éclatante constellation près du Christ ressuscité qui, en ces jours, donna à Pierre leur prédécesseur les clefs du ciel. Anicet, Soter, Caïus, Clet et Marcellin, tenaient en main la palme du martyre ; Léon seul avait combattu sans répandre son sang ; mais son grand cœur n’eût pas reculé devant ce suprême témoignage. Or voici qu’en ce jour un émule de Léon, donné à l’Église dans ces derniers siècles, vient s’unir à lui et se mêler au groupe triomphant. Comme Léon, Pie V a lutté avec ardeur contre l’hérésie ; comme Léon, il a sauvé son peuple du joug des barbares.

La vie entière de Pie V a été un combat. Dans les temps agités où il fut placé au gouvernail de la sainte Église, l’erreur venait d’envahir une vaste portion de la chrétienté, et menaçait le reste. Astucieuse et souple dans les lieux où elle ne pouvait développer son audace, elle convoitait l’Italie ; son ambition sacrilège était de renverser la chaire apostolique, et d’entraîner sans retour le monde chrétien tout entier dans les ténèbres de l’hérésie. Pie défendit avec un dévouement inviolable la Péninsule menacée. Avant d’être élevé aux honneurs du pontificat suprême, il exposa souvent sa vie pour arracher les villes à la séduction. Imitateur fidèle de Pierre Martyr, on ne le vit jamais reculer en présence du danger, et partout les émissaires de l’hérésie s’enfuirent à son approche. Placé sur la chaire de saint Pierre, il sut imprimer aux novateurs une terreur salutaire, il releva le courage des souverains de l’Italie, et, par des rigueurs modérées, il vint à bout de refouler au delà des Alpes le fléau qui allait entraîner la destruction du christianisme en Europe, si les États du Midi ne lui eussent opposé une barrière invincible. Le torrent de l’hérésie s’arrêta. Depuis lors, le protestantisme, réduit à s’user sur lui-même, donne le spectacle de cette anarchie de doctrines qui eût désolé le monde entier, sans la vigilance du Pasteur qui, soutenant avec un zèle indomptable les défenseurs de la vérité dans tous les États où elle régnait encore, s’opposa comme un mur d’airain à l’envahissement de l’erreur dans les contrées où il commandait en maître.

Un autre ennemi, profitant des divisions religieuses de l’Occident, s’élançait en ces mêmes jours sur l’Europe, et l’Italie n’allait être que sa première proie. Sortie du Bosphore, la flotte ottomane se dirigeait avec fureur sur la chrétienté ; et c’en était fait, si l’énergique Pontife n’eût veillé pour le salut de tous. Il sonne l’alarme, il appelle aux armes les princes chrétiens. L’Empire et la France, déchirés par les factions que l’hérésie a fait naître dans leur sein, entendent l’appel, mais ils restent immobiles ; l’Espagne seule, avec Venise et h petite flotte papale, répondent aux instances du Pontife, et bientôt la croix et le croissant se trouvent en présence dans le golfe de Lépante. Les prières de Pie V décidèrent la victoire en faveur des chrétiens, dont les forces étaient de beaucoup inférieures à celles des Turcs. Nous retrouverons ce grand souvenir sur le Cycle, en octobre, à la fête de Notre-Dame du Rosaire. Mais il faut rappeler aujourd’hui la prédiction que fit le saint Pape, sur le soir de la grande journée du 7 octobre 1 571. Depuis six heures du matin jusqu’aux approches de la nuit, la lutte durait entre la flotte chrétienne et la flotte musulmane. Tout à coup le Pontife, poussé par un mouvement divin, regarda fixement le ciel ; il se tint en silence durant quelques instants, puis se tournant vers les personnes qui étaient présentes : « Rendons grâces à Dieu, leur dit-il ; la victoire est aux chrétiens. » Bientôt la nouvelle arriva à Rome ; et dans toute la chrétienté on ne tarda pas à savoir qu’un Pape avait encore une fois sauvé l’Europe. La défaite de Lépante porta à la puissance ottomane un coup dont elle ne s’est jamais relevée ; l’ère de sa décadence date de cette journée fameuse.

Les travaux de saint Pie V pour la régénération des mœurs chrétiennes, l’établissement de la discipline du concile de Trente, et la publication du Bréviaire et du Missel réformés, ont fait de son pontificat de six années l’une des époques les plus fécondes dans l’histoire de l’Église. Plus d’une fois les protestants se sont inclinés d’admiration en présence de ce vigoureux adversaire de leur prétendue réforme. « Je m’étonne, disait Bacon, que L’Église Romaine n’ait pas encore canonisé ce grand homme. » Pie V ne fut, en effet, placé au nombre des Saints qu’environ cent trente ans après sa mort : tant est grande l’impartialité de l’Église Romaine, lors même qu’il s’agit de décerner les honneurs de l’apothéose à ses chefs les plus respectés.

La gloire des miracles couronna dès ce monde le vertueux Pontife : nous rappellerons ici deux de ses prodiges les plus populaires. Traversant un jour, avec l’ambassadeur de Pologne, la place du Vatican, qui s’étend sur le sol où fut autrefois le cirque de Néron, il se sent saisi d’enthousiasme pour la gloire et le courage des martyrs qui souffrirent en ce lieu dans la première persécution. Il se baisse, et prend dans sa main une poignée de poussière dans ce champ du martyre, foulé par tant de générations de fidèles depuis la paix de Constantin. Il verse cette poussière dans un linge que lui présente l’ambassadeur ; mais lorsque celui-ci, rentré chez lui, ouvre le linge, il le trouve tout imprégné d’un sang vermeil que l’on eût dit avoir été versé à l’heure même : la poussière avait disparu. La foi du Pontife avait évoqué le sang des martyrs, et ce sang généreux reparaissait à son appel pour attester, en face de l’hérésie, que l’Église Romaine, au XVIe siècle, était toujours celle pour laquelle ces héros avaient donné leur vie sous Néron.

La perfidie des hérétiques tenta plus d’une fois de mettre fin à une vie qui laissait sans espoir de succès leurs projets pour l’envahissement de l’Italie. Par un stratagème aussi lâche que sacrilège, secondés par une odieuse trahison, ils enduisirent d’un poison subtil les pieds du crucifix que le saint Pontife avait dans son oratoire, et sur lequel il collait souvent ses lèvres. Pie V, dans la ferveur de sa prière, se prépare à donner cette marque d’amour au Sauveur des hommes sur son image sacrée ; mais tout à coup, ô prodige ! Les pieds du crucifix se détachent de la croix, et semblent fuir les baisers respectueux du vieillard. Pie V comprit alors que la malice de ses ennemis avait voulu transformer pour lui en instrument de mort jusqu’au bois qui nous a rendu la vie.

Un dernier trait encouragera les fidèles, par l’exemple du grand Pontife, à cultiver la sainte Liturgie dans le temps de l’année où nous sommes. Au lit de la mort, jetant un dernier regard sur l’Église de la terre qu’il allait quitter pour celle du ciel, et voulant implorer une dernière fois la divine bonté en faveur du troupeau qu’il laissait exposé à tant de périls, il récita d’une voix presque éteinte cette strophe des Hymnes du Temps pascal : « Créateur des hommes, daignez, en ces jours remplis des allégresses de la Pâque, préserver votre peuple des assauts de la mort [1]. » Ayant achevé ces paroles sacrées, il s’endormit paisiblement dans le Seigneur.

Saint Pie V est une des premières gloires de l’Ordre de Saint-Dominique ; nous emprunterons donc au Bréviaire de ce saint Ordre les Répons et les Hymnes qu’il consacre à la louange de l’illustre Pontife.

RÉPONS.

R/. Au moment où ce nouveau Moïse priait Dieu, les mains étendues, sur la colline, Amalec si perfide envers Israël était battu sur la mer près de Lépante ; * Et la victoire remportée était révélée à Pie, alléluia. V/. Il étendit la verge du Rosaire, et les cruels ennemis furent submergés. * Et la victoire remportée était révélée à Pie, alléluia.

R/. Les Agneaux de cire blanche qui ont reçu la bénédiction de Pie apportent la santé aux malades ; les armes meurtrières reculent devant eux : * Ceux qui les portent évitent l’atteinte du plomb mortel, alléluia. V/. Leur présence multiplie la farine, arrête la flamme des incendies, apaise la fureur des flots. * Ceux qui les portent évitent l’atteinte du plomb mortel, alléluia.

R/. Parcourant le cirque où combattirent les anciens martyrs de Rome, il opère un miracle éclatant * Sous les veux d’un peuple nombreux, alléluia. V/. Il prend sur le sol du Vatican une poignée de poussière, et la présente tout imbibée de sang à un ambassadeur chrétien, * Sous les yeux d’un peuple nombreux, alléluia.

R/. Il veut un jour baiser les pieds du Christ sur son crucifix ; mais l’image retire ses pieds pour conserver la vie au pieux serviteur du Christ ; * Elle refuse de recevoir ses baisers dans l’endroit qu’une main perfide a souillé de poison, alléluia. V/. Je ne cherche ma gloire que dans la croix du Seigneur ; à elle seule je prodigue les marques de mon amour. * L’image refuse de recevoir ses baisers dans l’endroit qu’une main perfide a souillé de poison, alléluia.

HYMNE

Que l’orgue fasse entendre ses joyeux concerts à l’honneur de Pie ; que tous les nuages se dissipent devant l’allégresse de ce jour sacré.

Sous le nom de Michel, on le vit terrasser le dragon dans la lutte ; sous le nom de Pie, il sut réprimer l’adversaire impie.

Il fut le bouclier de l’Église dans les périls qui l’assaillaient ; sa forte épée moissonna les sectateurs de l’hérésie.

Imitateur du zèle de Phinéès, il veilla pour la défense des murs de la cité sainte ; il rÉpoussa les barbares qui allaient envahir le sol chrétien, et détourna le cimeterre que la rage du Turc avait tiré contre les fidèles.

Il rétablit avec sollicitude la règle des mœurs, et opposa une barrière invincible au progrès de la secte impie.

Il ne tint pas renfermées dans ses coffres les richesses de l’État ; mais il sut épuiser le trésor dans les nécessités publiques.

Père rempli de bonté envers les pauvres, sa main les secourut avec profusion ; par ses largesses il nourrit un peuple que la disette avait réduit à l’extrémité.

Créateur des hommes, daignez, en ces jours remplis des allégresses de la Pâque, préserver votre peuple des assauts de la mort.

Amen.

L’Hymne suivante est exposée, près du tombeau de saint Pie V, à Sainte-Marie-Majeure, pour servir d’expression à la piété des pèlerins envers le saint Pape.

HYMNE.

Le mépris des hommes pour le culte de Dieu a déchaîné le fléau de la guerre ; la vengeance a suivi le crime, et le châtiment s’apprête à fondre sur la terre.

Dans le péril où nous sommes, quel autre habitant des cieux pourrions-nous invoquer, ô Pie, qui soit pour nous d’un secours plus efficace ?

Nul homme, ô bienheureux Pontife, ne s’est dévoué avec plus d’ardeur que toi à procurer sur la terre la gloire du grand Dieu ;

Nul défenseur n’a plus vaillamment détourné le joug auquel les barbares allaient asservir les nations chrétiennes.

Plus puissant encore au ciel, jette un regard sur ceux qui t’implorent ; apaise les discordes entre les citoyens : repousse les fureurs de l’ennemi.

Obtiens que la terre recouvre les douceurs de la paix ; rendus à la sécurité, nous chanterons d’un cœur plus joyeux nos cantiques à la louange de Dieu.

A vous la gloire, heureuse Trinité, Dieu unique ! à vous honneur et puissance dans les siècles des siècles !

Amen.

Pontife du Dieu vivant, vous avez été sur la terre « le mur d’airain, la colonne de fer [2] », dont parle le Prophète ; et votre constance indomptable a préservé de la violence et des embûches de ses nombreux ennemis le troupeau qui vous avait été confié. Loin de désespérer à la vue des dangers, votre courage s’est élevé comme la digue que l’on bâtit toujours plus haute, à mesure que les eaux de l’inondation arrivent plus menaçantes. Par vous les flots envahissants de l’hérésie se sont enfin arrêtés ; par vous l’invasion musulmane a été refoulée, et l’orgueil du croissant abaissé. Le Seigneur vous fit l’honneur de vous choisir pour être le vengeur de sa gloire et le libérateur du peuple chrétien ; recevez, avec nos actions de grâces, l’hommage de nos humbles félicitations. Par vous l’Église, au sortir d’une crise terrible, recouvra sa beauté. La vraie réforme, celle qui s’accomplit par l’autorité, fut appliquée sans faiblesse par vos mains aussi fermes qu’elles étaient pures. Le culte divin, renouvelé par la publication des livres de la sainte Liturgie, vous dut son progrès et sa restauration ; et tant d’œuvres si fécondes s’accomplirent dans les six années de votre court et laborieux pontificat.

Maintenant, ô saint Pontife, écoutez les vœux de l’Église militante dont les destinées furent un moment déposées entre vos mains. En mourant vous imploriez pour elle, au nom du Sauveur ressuscité, la protection contre les périls auxquels elle était encore exposée ; voyez à quel état le débordement de l’erreur a réduit de nos jours la chrétienté presque tout entière. Pour faire face à tous les ennemis qui l’assiègent, l’Église n’a plus que les promesses de son divin fondateur ; tous les appuis visibles lui manquent à la fois ; il ne lui reste plus que les mérites de la souffrance et les ressources de la prière. Unissez, ô saint Pontife, vos supplications aux siennes, et montrez que vous aimez toujours le troupeau de votre Maître. Protégez dans Rome la Chaire de votre successeur, en butte aux plus violentes et aux plus astucieuses attaques. Les princes et les peuples conspirent d’accord contre le Seigneur et contre son Christ ; déjouez les projets d’une usurpation sacrilège, d’une impiété qui prétend faire mentir les oracles divins. Détournez les fléaux qui menacent l’Europe si ingrate envers sa mère, si indifférente aux attentats commis contre celle à qui elle doit tout. Illuminez les aveugles, confondez les pervers ; obtenez que la foi éclaire enfin tant d’intelligences égarées qui prennent l’erreur pour la vérité, les ténèbres pour la lumière.

Au milieu de cette nuit si sombre et si menaçante, vos regards, ô saint Pontife, discernent les brebis fidèles ; bénissez-les, soutenez-les, accroissez leur nombre. Attachez-les au tronc de l’arbre qui ne peut périr, afin qu’elles ne soient pas dispersées par la tempête. Rendez-les toujours plus fidèles à la foi et aux traditions de la sainte Église : c’est leur seule force au milieu de ces courants d’erreur qui menacent de tout entraîner. Maintenez toujours dans l’unité sacrée nos Églises de France, qui ont donné au monde un si noble exemple de fidélité à l’esprit catholique, en répudiant les œuvres malheureuses d’une époque de confusion, pour embrasser de nouveau les rites que vous aviez sanctionnés de votre autorité suprême. Conservez à l’Église le saint Ordre dans lequel vous fûtes élevé pour de si hautes destinées ; propagez dans son sein la race de ces hommes puissants en œuvres et en paroles, zélés pour la foi et pour la sanctification des âmes, tels que nous les admirons dans ses annales, tels que nous les vénérons sur les autels. Enfin, souvenez-vous, ô Pie, que vous avez été le Père du peuple chrétien, et continuez d’exercer encore cette noble prérogative sur la terre, par votre puissante intercession, jusqu’à ce que le nombre des élus soit arrivé à son complément.

[1] Voici la strophe telle que la prononça saint Pie V, et telle qu’elle était de son temps dans le Bréviaire :

Quaesumus, auctor omnium,

In hoc paschali gaudio,

Ab omni mortis impetu

Tuum defende populum.

Dans la correction des Hymnes sous Urbain VIII, cette strophe a été totalement changée : Ut sis perenne mentibus, etc.

[2] Jerem. I, 18.


Pierre Le Gros le Jeune. Portrait du Pape Pius V , Santa Maria Maggiore, Rome.


Bhx Cardinal Schuster, Liber Sacramentorum

Le nom de Frère Michel Ghislieri — Pie V — orne le frontispice du Missel et du Bréviaire romains, parce que c’est sous son autorité que s’acheva la révision des livres liturgiques expressément réservée au Saint-Siège par le Concile de Trente. Outre ces mérites dans le domaine de la liturgie, saint Pie V a la gloire d’avoir été le Pape de la réforme que depuis deux siècles déjà, appelaient en vain les Pontifes ses prédécesseurs, les conciles, un grand nombre d’évêques et de saints de cette époque si complexe qu’on appelle communément la Renaissance.

Saint Pie V est donc le Pape de la réforme ecclésiastique ; non pas en ce sens qu’il fût le premier à la vouloir et à l’inaugurer, puisque, quand il monta sur le trône de saint Pierre, le Concile de Trente était déjà terminé depuis un certain temps. Mais il fut le Pape de la réforme en tant que, par son autorité et par son exemple, il mit définitivement la Curie romaine et l’épiscopat tout entier sur la voie de ce réveil salutaire de l’esprit ecclésiastique, que plusieurs de ses prédécesseurs, tout en le désirant dans leur cœur, n’avaient pas su soutenir, faute de courage et de constance.

On s’étonne que saint Pie V, de famille modeste, et pauvre religieux dominicain, ait pu s’élever si haut pour le bien de l’Église. Mais c’était un saint, et les instruments de sa puissance étaient la recherche de la seule gloire de Dieu et la prière assidue. Par celle-ci surtout il triompha de l’insolence des Turcs, et il sanctifia le peuple confié à ses soins.

Le saint Pontife sortit pour la dernière fois du Vatican le 21 avril 1572, huit jours avant sa mort, et ce fut une scène admirable.

Quoique malade, il voulut en ce jour visiter pour la dernière fois les sept basiliques principales de Rome, dans l’espérance, disait-il, d’en revoir sous peu les martyrs au ciel. De la basilique de Saint-Paul, il parcourut à pied presque tout le long et mauvais chemin qui conduit à Saint-Sébastien. Arrivé enfin, à bout de forces, à Saint-Jean, ses familiers le supplièrent de monter en litière, ou de remettre le reste du pèlerinage au lendemain. Il répondit en latin : Qui fecit totum, Ipse perficiat opus, et continua sa route.

Il arriva le soir seulement au Vatican, où, s’étant reposé quelque peu, il se fit lire les sept psaumes de la pénitence et le récit de la Passion du Seigneur, n’ayant même plus la force d’enlever son camauro [3] quand il entendait prononcer le saint Nom de Jésus.

Le 28 avril, il essaya de célébrer la messe mais n’y parvint pas. Muni des sacrements, il rendit sa sainte âme à. Dieu le soir du Ier mai, et ses dernières paroles furent une invocation liturgique du Bréviaire :

Quaesumus, Auctor omnium,

In hoc Paschali gaudio,

Ab omni mortis impetu Tuum defende populum.

Sixte-Quint transporta son corps dans une chapelle de Sainte-Marie-Majeure, où on le vénère encore aujourd’hui. Le rochet dont il est revêtu fut donné à Pie VII par Napoléon Ier.

La messe est celle du Commun des Confesseurs Pontifes, Státuit [4]. Seule la première collecte, trop sensiblement marquée de préoccupations historiques, est propre.

Saint Pie V avait coutume de répéter cette belle oraison jaculatoire, en baisant son crucifix, au milieu des souffrances de la maladie qui le conduisit au tombeau : Domine, adauge dolorem, dum adaugeas et patientiam.

Il est dit dans la relation faite par les auditeurs de Rote en vue de procéder à sa canonisation, qu’un témoin oculaire et quatre témoins auriculaires rapportèrent le fait suivant : Un jour, un ambassadeur du roi de Pologne, sur le point de rentrer dans son pays, rencontra saint Pie V sur la place de Saint-Pierre et lui demanda des reliques qu’il lui avait promises. Le Pape descendit alors de sa litière et, ayant ramassé un peu de terre, l’enveloppa dans un mouchoir qu’il remit au diplomate. Celui-ci, croyant à ure moquerie, ne dit rien, mais, arrivé chez lui, dénoua le linge et le vit tout taché de sang. Effrayé de ce prodige, il courut de nouveau chez le Pontife pour lui raconter ce qui était arrivé. Saint Pie V répondit : « Nous savions bien que le sol Vatican est tout détrempé du sang des martyrs, et c’est pourquoi nous avons défendu qu’on donne ici des jeux publics. » — Il ne suffit pas de résider à Rome, il faut y vivre avec foi, si l’on veut en goûter toute la beauté sacrée.

[3] Coiffure spéciale du Pape, appelée aussi clémentine ou papaline.

[4] Avant le nouveau Commun des Souverains Pontifes en 1942.

Statua di Pio V posta davanti al collegio Ghislieri, di Pavia nel 1567. opera di Francesco Nuvolone. La statua è eretta di fronte al Collegio e riporta la seguente iscrizione: PIO V P.M. COLLEGY GHISLERY CONDITORI MARCH. PIVS ALEX. FRAT. RAYMOND. PRIOR GHISLERY ANNO MDCXCVI P.P. BECCARIA P.P. PRAEFECTO


Dom Pius Parsch, le Guide dans l’année liturgique

La chrétienté doit à saint Pie V le missel et le bréviaire.

Saint Pie V. — Jour de mort : 1er Mai 1572. Tombeau : dans l’église Sainte-Marie-Majeure, à Rome. Vie : Pie V (précédemment frère Michel Ghislieri) est le dernier pape qui ait été canonisé. Il fut d’abord dominicain et travailla beaucoup pour le maintien de la pureté de la foi. Il fut élevé en 1566 sur la Chaire de Saint-Pierre. Il travailla sans relâche à faire appliquer les réformes du concile de Trente. Grande aussi est son importance dans le domaine de la sainte liturgie. Il publia en 1566 le catéchisme romain, ouvrage important qui se trouve aujourd’hui dans les mains de tous les prêtres. Par la publication du bréviaire (1567) et du missel (1570), il établit l’unité de la liturgie dans l’Église romaine. On sait que, grâce à ses efforts et surtout à ses prières, la flotte chrétienne remporta sur les Turcs la victoire de Lépante (6 octobre 1570). C’est à cette occasion que fut instituée la fête du Rosaire. Dans sa vie privée, saint Pie V fut un modèle de piété et d’ascèse. — La messe est du commun des Souverains Pontifes (Si diligis). L’oraison propre fait ressortir que « Dieu a choisi le saint pape Pie pour la rénovation du culte divin ». Nous pouvons, aujourd’hui, placer le travail de l’apostolat liturgique sous le patronage du saint pape, ami de la liturgie.

Sa dernière sortie — Rien n’est émouvant comme la dernière sortie du saint pape. Il franchit la porte du Vatican, la dernière fois, le 21 avril 1572, dix jours avant sa mort. Bien que déjà malade, il voulut visiter les sept églises principales de Rome. Il espérait, comme il le disait, voir bientôt les martyrs au ciel. Il suivit à pied la longue et mauvaise route qui va de Saint-Paul à Saint-Sébastien. Quand il arriva enfin, épuisé, au Latran, son entourage le pria de monter dans une chaise à porteurs ou bien de remettre la fin de son pèlerinage au lendemain. Il répondit : Qui fecit totum, ipse perficiat opus (que celui qui a tout fait achève l’œuvre), et il continua son chemin. Ce n’est que vers le soir qu’il rentra au Vatican. Il se fit encore lire les sept psaumes de la pénitence et l’histoire de la Passion de Jésus. Il n’avait plus la force, en entendant le nom de Jésus, d’enlever sa camaura (calotte). Le 28 avril, il essaya de célébrer la sainte messe, mais il ne le put pas. Muni des derniers sacrements, il rendit son âme à Dieu, le 1er mai. Ses dernières paroles furent une prière du bréviaire.

Pour que nos cœurs goûtent sans fin

En toi, Jésus, la joie pascale,

Préserve de la mort fatale

Ceux que lava ton sang divin.



Pope Saint Pius V

Also known as

Antonio Ghisleri

Giovanni Michele Ghisleri

Michael Ghisleri

Michele Ghislieri

Memorial

30 April

1 May (RomeItaly)

5 May (pre-1969)

Profile

Born to impoverished Italian nobility, the son of Paolo Ghislieri and Domenica Augeria. Worked as a shepherd as a boy. Received an excellent training in piety and holiness, including a scholastic education from a Dominican friar; he joined the Order himself in 1518, taking the name Michele. Studied in BolognaItalyOrdained in 1528 in the diocese of GenoaItalyTeacher of philosophy and divinity in GenoaProfessor of theology in PaviaItaly for sixteen years. Master of novices and prior of several Dominican houses, working for stricter adherence to the Order‘s Rule. Inquisitor in Como and BergamoItaly. Commissary general of the Roman Inquisition in 1551. On 4 September 1556 Michele was consecrated Bishop of Nepi e SutriItaly against his will. Inquisitor in Milan and Lombardy in 1556. Created cardinal on 15 March 1557. Grand inquisitor on 14 December 1558. Part of the conclave of 1559 that elected Pope Pius IVBishop of MondoviItaly on 17 March 1560. As bishop, Michael worked to lead his flock with words and examples, and served as a continual messenger encouraging personal piety and devotion to God. Chosen 225th pope in 1566.

Upon his ascension to the papacy, Pius V immediately faced the task of enacting the reforms of the Council of Trent. New seminaries were opened, a new breviary, new missal, and new catechism were published; foundations were established to spread the Faith and preserve the doctrine of the Church. Pius spent much time personally working with the needy. He built hospitals and used the papal treasury to care for the poor. Pius faced many difficulties in the public forum, both in the implementation of the Tridentine reforms and in interaction with other heads of state. At the time of his death he was working on a Christian European alliance to break the power of the Islamic states.

Born

17 January 1504 at Bosco, diocese of AlessandriaLombardyItaly as Antonio Ghisleri

Papal Ascension

elected 7 January 1566

crowned 17 January 1566

Died

1 May 1572 in RomeItaly, apparently of a renal disorder caused by kidney stones

buried in the chapel of San Andrea, Saint Peter’s basilica, Vatican City

Beatified

1 May 1672 by Pope Clement X

Canonized

22 May 1712 by Pope Clement XI

Patronage

Bosco MarengoItaly

Additional Information

Book of Saints, by Father Lawrence George Lovasik, S.V.D.

Book of Saints, by the Monks of Ramsgate

Catholic Encyclopedia

Lives of the Saints, by Father Alban Butler

New Catholic Dictionary

Pictorial Lives of the Saints

Roman Martyrology1914 edition

Saints of the Day, by Katherine Rabenstein

Short Lives of the Saints, by Eleanor Cecilia Donnelly

Beatifications

books

Our Sunday Visitor’s Encyclopedia of Saints

other sites in english

Breviarium S.O.P.

Cardinals of the Holy Roman Church, by Salvador Miranda

Catholic Culture

Catholic Forum

Catholic Herald

Catholic-Hierarchy.Org

Catholic Ireland

Catholic News Agency

Catholic Online

Christian Iconography

Cradio

Father George Rutler

Father Steve Grunow

Franciscan Media

Independent Catholic News

Saints Stories for All Ages

uCatholic

Vultus Christi

Wikipedia

images

Wikimedia Commons: Tomb of Pope Pius V

audio

The PopeCast

video

YouTube PlayList

e-books

Sword of Saint Michael: Saint Pius V, by Lillian Browne-Olf

sitios en español

Martirologio Romano2001 edición

sites en français

Abbé Christian-Philippe Chanut

Fête des prénoms

fonti in italiano

Cathopedia

L’Enciclopedia Italiana

Santi e Beati

Wikipedia

nettsteder i norsk

Den katolske kirke

MLA Citation

“Pope Saint Pius V“. CatholicSaints.Info. 16 April 2021. Web. 30 April 2021. <https://catholicsaints.info/pope-saint-pius-v/>





Pope St. Pius V

(MICHELE GHISLERI).

Born at Bosco, near Alexandria, Lombardy, 17 Jan., 1504 elected 7 Jan., 1566; died 1 May, 1572. Being of apoor though noble family his lot would have been to follow a trade, but he was taken in by the Dominicans of Voghera, where he received a good education and was trained in the way of solid and austere piety. He entered the order, was ordained in 1528, and taught theology and philosophy for sixteen years. In the meantime he was master of novices and was on several occasions elected prior of different houses of his order in which he strove to develop the practice of the monastic virtues and spread the spirit of the holy founder. He himself was an example to all. He fasted, did penance, passed long hours of the night in meditation and prayer, traveled on foot without a cloak in deep silence, or only speaking to his companions of the things of God. In 1556 he was madeBishop of Sutri by Paul II. His zeal against heresy caused him to be selected as inquisitor of the faith in Milan andLombardy, and in 1557 Paul II made him a cardinal and named him inquisitor general for all Christendom. In 1559 he was transferred to Mondovì, where he restored the purity of faith and discipline, gravely impaired by thewars of Piedmont. Frequently called to Rome, he displayed his unflinching zeal in all the affairs on which he was consulted. Thus he offered an insurmountable opposition to Pius IV when the latter wished to admit Ferdinand de'Medici, then only thirteen years old, into the Sacred College. Again it was he who defeated the project ofMaximilian II, Emperor of Germany, to abolish ecclesiastical celibacy. On the death of Pius IV, he was, despite his tears and entreaties, elected pope, to the great joy of the whole Church.

He began his pontificate by giving large alms to the poor, instead of distributing his bounty at haphazard like his predecessors. As pontiff he practiced the virtues he had displayed as a monk and a bishop. His piety was not diminished, and, in spite of the heavy labours and anxieties of his office, he made at least two meditations a day on bended knees in presence of the Blessed Sacrament. In his charity he visited the hospitals, and sat by the bedside of the sick, consoling them and preparing them to die. He washed the feet of the poor, and embraced thelepers. It is related that an English nobleman was converted on seeing him kiss the feet of a beggar covered with ulcers. He was very austere and banished luxury from his court, raised the standard of morality, laboured with his intimate friend, St. Charles Borromeo, to reform the clergy, obliged his bishops to reside in their dioceses, and the cardinals to lead lives of simplicity and piety. He diminished public scandals by relegating prostitutes to distant quarters, and he forbade bull fights. He enforced the observance of the discipline of the Council of Trent, reformed the Cistercians, and supported the missions of the New World. In the Bull "In Coena Domini" he proclaimed the traditional principles of the Roman Church and the supremacy of the Holy See over the civil power.

But the great thought and the constant preoccupation of his pontificate seems to have been the struggle against the Protestants and the Turks. In Germany he supported the Catholics oppressed by the heretical princes. InFrance he encouraged the League by his counsels and with pecuniary aid. In the Low Countries he supportedSpain. In England, finally, he excommunicated Elizabeth, embraced the cause of Mary Stuart, and wrote to console her in prison. In the ardour of his faith he did not hesitate to display severity against the dissidents whennecessary, and to give a new impulse to the activity of the Inquisition, for which he has been blamed by certainhistorians who have exaggerated his conduct. Despite all representations on his behalf he condemned the writings of Baius, who ended by submitting.

He worked incessantly to unite the Christian princes against the hereditary enemy, the Turks. In the first year of his pontificate he had ordered a solemn jubilee, exhorting the faithful to penance and almsgiving to obtain the victory from God. He supported the Knights of Malta, sent money for the fortification of the free towns of Italy, furnished monthly contributions to the Christians of Hungary, and endeavoured especially to bring Maximilian,Philip II, and Charles I together for the defence of Christendom. In 1567 for the same purpose he collected from all convents one-tenth of their revenues. In 1570 when Solyman II attacked Cyprus, threatening all Christianityin the West, he never rested till he united the forces of Venice, Spain, and the Holy See. He sent his blessing to Don John of Austria, the commander-in-chief of the expedition, recommending him to leave behind all soldiers ofevil life, and promising him the victory if he did so. He ordered public prayers, and increased his own supplications to heaven. On the day of the Battle of Lepanto, 7 Oct., 1571, he was working with the cardinals, when, suddenly, interrupting his work opening the window and looking at the sky, he cried out, "A truce to business; our great task at present is to thank God for the victory which He has just given the Christian army". He burst into tears when he heard of the victory, which dealt the Turkish power a blow from which it never recovered. In memory of this triumph he instituted for the first Sunday of October the feast of the Rosary, and added to the Litany of Loreto the supplication "Help of Christians". He was hoping to put an end to the power ofIslam by forming a general alliance of the Italian cities Poland, France, and all Christian Europe, and had begun negotiations for this purpose when he died of gravel, repeating "O Lord, increase my sufferings and my patience!" He left the memory of a rare virtue and an unfailing and inflexible integrity. He was beatified byClement X in 1672, and canonized by Clement XI in 1712.

Sources

MENDHAM, Life and Pontificate of St. Pius V (London, 1832 and 1835); Acta SS., I May; TOURON, Hommes illustres de l'ordre de St.-Dominique, IV; FALLOUX, Histoire de S. Pie V (Paris, 1853); PASTOR, Gesch. der Papste, ARTAUD DE MONTOR, History of the Popes (New York, 1867); Pope Pius V, the Father of Christendom in Dublin Review, LIX (London, 1866), 273.

Lataste, Joseph. "Pope St. Pius V." The Catholic Encyclopedia. Vol. 12. New York: Robert Appleton Company, 1911. 9 Apr. 2015 <http://www.newadvent.org/cathen/12130a.htm>.

Transcription. This article was transcribed for New Advent by Albert Judy, O.P.

Ecclesiastical approbation. Nihil Obstat. June 1, 1911. Remy Lafort, S.T.D., Censor. Imprimatur. +John Cardinal Farley, Archbishop of New York.

Copyright © 2020 by Kevin Knight. Dedicated to the Immaculate Heart of Mary.



Ecstasy of St. Pius V; painting by Baldassarre Croci (1602-1603); Basilica of Santa Maria degli Angeli, Assisi, Italy


Pope St. Pius V

Antonio Ghislieri was born of poor parents near Alessandria on January 17, 1504. His education began with the Dominicans, and he entered the Dominican order at age 15, taking the name Michael, and became a priest in 1528.

Pope Pius V was a professor of philosophy and theology for years, and served his order and the Church in several high offices: Provincial Superior; Inquisitor at Corno and Bergamo; Bishop of Sutri and Nepi; cardinal; Grand Inquisitor, Bishop of Mondovi and elected Pope Pius V in a modest ceremony on January 17, 1566, his 62nd birthday,

In 1571 a huge Muslim fleet threatened Christendom. Don Juan of Austria led an outnumbered Christian fleet to fight the Muslim navy. Pope Pius V entrusted the Christian fleet to Our Lady.

On October 7, 1571, the Christian fleet won a decisive battle in the Bay of Lepanto. Pope Pius V wished to institute a special feast to honor the Blessed Virgin’s assistance in securing the victory and the safety of Christendom. The feast was to be celebrated on October 7, and Pope Pius V called it the feast day of Our Lady of Victory.

Two years later Pope Gregory XIII changed the name of the feast day to Our Lady of the Rosary as it was through the praying of the rosary that the battle had been won.

October is the month of the Most Holy Rosary. Numerous popes and saints have acclaimed the efficacy of the Rosary. It is, indeed, a most powerful spiritual weapon. Pope John XXIII called the Rosary “The Psalter of the poor.” Theologians have called the Rosary, “The school of contemplation” because it introduces the faithful to meditative prayer.

Among Pope Pius V’s numerous merits were his fervent Marian devotion and the institution of the feast of Our Lady of the Rosary.

Pope John Paul II endorsed his predecessor in the Chair of Peter and petitioned, “May the apostolic zeal, the constant pursuit of holiness, and the love of the Virgin, which characterized the life of Saint Pius V, stimulate all.”

Pope John Paul II then challenged us to imitate Pope Pius V’s Marian devotion by rediscovering the simple and profound prayer of the rosary. “Thanks to the fervent recitation of the rosary, extraordinary graces can be obtained through the intercession of the Lord’s heavenly Mother.”

Pope Pius V was a great reformer, committed to eradicating simony, the buying or selling of ecclesiastical pardons or offices, and nepotism from the Roman Curia. To numerous relatives who rushed to Rome with the hope of some privilege, Pope Pius V gave comment that a relative of the pope can consider himself sufficiently rich if he is not indigent.

Pope Pius V published the catechism of the Council of Trent and an improved edition of the Missal and Breviary. The Pontiff tried to make Rome truly a holy city and punished immorality severely. The rigid discipline that Pope Pius V imposed on the Church was the constant norm of his own life.

Pope Pius V promoted several pastoral reforms in the wake of the Council of Trent: The obligation of residence for bishops, the cloister of religious, celibacy and holiness of life of priests, bishops’ pastoral visits, the increase of missions, and the correction of liturgical books.

Pope Pius V excommunicated Queen Elizabeth I in 1570, an act which heightened the persecution of Catholics in England, but it also did much to strengthen Catholics.

A man of great austerity and prayer, Pope Pius V died on May 1, 1572. He suffered much, his prayer was: “Lord increase my pains, but increase my patience too.”

He was canonized in 1712. On his feast day, May 5, Romans still gather at his shrine to venerate a great pope and a holy man.


Statue of St Pius V in St. Nicholas' church in Germete (Germany). Context: file:St. Nikolaus Germete Pietà (1).jpg.

Figur des hl. Pius V. in St. Nikolaus (Germete). Umgebung der Staute: file:St. Nikolaus Germete Pietà (1).jpg.



Pope Saint Pius V, C.P.

(also known as Michael Ghislieri)

Feast Day: May 5th

    People who know nothing else about Pius V are quite apt to remember him as the Pope of the Rosary, recalling his remarkable connection with the Battle of Lepanto.

    Antonio Michael was born into the distinguished but impoverished Ghisleri. His parents could not afford to educate their alert little boy, who seemed far too talented to be a shepherd. One day, as he was minding his father's small flock, two Dominicans came along the road and fell into conversation with him. Recognizing immediately that he was both virtuous and intelligent, they obtained permission from his parents to take the child with them and educate him. He left home at age 12 and did not return until his ordination many years later.

    After a preliminary course of studies, he received the Dominican habit at the priory of Voghera at age 14 and, as a novice, was sent to Lombardy. Here, for the first time, he met the well-organized forces of heresy which he was to combat so successfully in later years.

    After his ordination in 1528, he went home to say his first Mass, and he found that Bosco had been razed by the French. There was nothing left to tell him if his parents were alive or dead. He finally found them, however, in a nearby town. After he said Mass, he returned to a career that would keep him far from home for the rest of his life. He began as a lector in theology and philosophy for 16 years.

    Then he served as novice-master, than as prior of several convents, Michael proved to be a wise and charitable administrator. He was made inquisitor at Como, Italy, where many of his religious brethren had died as martyrs to the heretics. By the time of Michael's appointment there, the heretics' chief weapon was the printed word; they smuggled books in from Switzerland, causing untold harm by spreading them in northern Italy. The new inquisitor set himself to fight this wicked traffic, and it was not the fault of the heretics that he did not follow his brethren to martyrdom. They ambushed him several times and laid a number of complicated plots to kill him, but only succeeded in making him determined to explain the situation more fully to the pope in Rome.

    He arrived in Rome on Christmas Eve, tired, cold, and hungry, and here it was not the heretics that caused him pain, but his own brothers in Christ. The prior of Santa Sabina saw fit to be sarcastic and inhospitable to the unimportant looking friar, who said he was from Lombardy. The pope knew very well who he was, however, and immediately gave him the commission of working with the heretics in the Roman prisons.

    He was a true father to these unfortunates, and he brought many of them back to the faith. One of his most appealing converts was a young Franciscan, a converted Jew of a wealthy family, who had lapsed into heresy through pride in his writing. Michael proceeded to straighten out his thinking, to give him the Dominican habit, and to assure him of his personal patronage, thus securing for the Church a splendid Scripture scholar and writer.

    In 1556, Michael was chosen bishop of Nepi and Sutri. The next year he was named inquisitor general against the Protestants in Italy and Spain and was appointed cardinal, in order, as he said, that irons should be riveted to his feet to prevent him from creeping back into the peace of the cloister. In 1559, Pope Pius IV made him bishop of the war-depleted Piedmont see of Mondovi, to which he soon brought order. Insofar as possible, Michael continued to adhere to the Dominican Rule.

    He constantly opposed nepotism. Michael opposed Pius IV's attempt to make 13-year-old Ferdinand de'Medici a cardinal, and defeated the attempt of Emperor Maximilian II of Germany to abolish clerical celibacy.

    January 7, 1565, when the papal chair was vacant following the death of Pius IV, the cardinals, chiefly through the influence of Saint Charles Borromeo, elected Cardinal Ghislieri pope. With great grief, he accepted the office and chose the name Pius V. Charles Borromeo had backed Michael during the election, trusting that he would act as a much-needed reformer.

    His judgment proved true: on Pius's coronation, the money usually distributed to the crowds was given to the hospitals and the poor, and money for a banquet for the cardinals and other dignitaries was given to poor convents. When someone criticized this, he observed that God would judge us more on our charity to the poor than on our good manners to the rich. Such an attitude was bound to make enemies in high places, but it endeared him to the poor, and it gave right-thinking men the hope that here was a man of integrity, and one who could help to reform the clergy and make a firm stand against the Lutheran heresy.

    There were massive problems of immediate urgency during the brief reign of Pius V. From within, the peace of the Church was disturbed by the several heresies of Luther, Calvin, and the Lombards, and by the need for clerical reform. In addition, England was tottering on the brink of a break with Rome. The Netherlands were trying to break away from Spain and had embraced Protestantism. The missions across the sea needed attention. And all through the Mediterranean countries, the Turkish were ravaging Christian cities, creeping closer to world conquest. In the six years of his reign, Pope Pius V had to deal with all these questions--any one of which was enough to occupy his entire time.

    One of Pius's first actions was to demand that bishops should live in their dioceses and parish priests in their parishes. His efforts at regulating his see embraced issues ranging from the abolition of bullfighting, bear-baiting and prostitution, to cleaning out the Roman curia and eliminating nepotism, to cutting down the activities of bandits. He insisted that Sunday must be hallowed. Once a month he held a special court for anyone who felt they had been treated unjustly. He also brought in shipments of corn during a famine at his own expense. 

    In his personal life he continued to be a devout mendicant friar; as pope he set himself to enforce the decrees of the Council of Trent with energy and effect. The catechism ordered by the Council of Trent was completed during his rule (1566), and he ordered translations made. The breviary reformed (1568) and missal (1570). He also commissioned the best edition to date of the writings of Saint Thomas Aquinas; it was he who made Thomas a Doctor of the Church in 1567.

    His was a rigorous character; he made full use of the Inquisition and his methods of combating Protestantism were ruthless. Pius had hoped to convert Queen Elizabeth of England. The unfortunate Mary Queen of Scots enjoyed his sympathy and encouragement. He sent reassuring letters to her, and once, at a time when no priest was allowed to go near her, he granted her special permission to receive Holy Communion by sending her a tiny pyx that contained consecrated Hosts. It was he who finally had to pronounce excommunication on Elizabeth of England in 1570, after he had given her every possible chance of repentance.

  Pope Pius V had a high estimate of papal power in secular matters. When he excommunicated Elizabeth I, he absolved her subjects of the allegiance to her as queen. Some would say that this served only to endanger the Catholics in her realm, but essentially the attempt to save the souls of his flock was the prominent concern, however, many were accused of treason and martyred. That he also came into conflict with Philip II of Spain shows with what consistency he applied his principles.

    He encouraged the new society founded by Saint Ignatius of Loyola and established the Jesuits in the Gregorian University. He consecrated three Jesuit bishops for India, gave Saint Francis Borgia his greatest cooperation, and helped to finance missionaries to China and Japan. He built the church of Our Lady of the Angels for the Franciscans and helped Saint Philip Neri in his establishment of the Oratory. Probably the act for which he will be longest remembered in his leadership at the time of the Battle of Lepanto.

    In 1565, the Knights of Saint John defended Malta against a tremendous attack by the Turkish fleet and lost nearly every fighting man in the fortress. It was the pope who sent encouragement and money with which to rebuild their battered city. The pope called for a crusade among the Christian nations and appointed a leader who would be acceptable to all. He ordered the Forty Hours Devotion to be held in Rome, and he encouraged all to say the Rosary.

    When the Christian fleet sailed out to meet the enemy, every man on board had received the sacraments, and all were saying the Rosary. The fleet was small, and numerically it was no match for the Turkish fleet, which so far had never met defeat. They met in the Bay of Lepanto on Sunday morning, October 7, 1565. After a day of bitter fighting, and, on the part of the Christians, miraculous help, the Turkish fleet--what was left of it--fled in disgrace, broken and defeated, its power crushed forever.

    Before the victorious fleet returned to Rome, the pope had knowledge of the victory through miraculous means. He proclaimed a period of thanksgiving; he placed the invocation, "Mary, Help of Christians" in the Litany of Loreto and established the feast in commemoration of the victory. It was almost the last act of his momentous career for he fell victim to a painful illness that killed him in less than a year. He was attempting to form an alliance of the Italian cities, France, Poland, and other Christian nations of Europe to march against the Turks when he died. He is enshrined at Santa Maria Maggiore in Rome.

    Although he was criticized for 'wanting to turn Rome into a monastery,' Saint Pius had the respect of the Roman people, who knew his personal goodness and concern for everybody's welfare. He gave large sums to the poor, lived a life of austerity and piety, and personally visited the sick in hospitals. Pius V is remembered as one of the most important popes of the Counter-Reformation (Attwater, Benedictines, Bentley, Delaney, Dorcy, White).

     Born: in Bosco (near Alessandria), Italy, on January 17, 1504

     Died: May 1, 1572

     Papal Ascension: elected January 7, 1566; crowned January 17, 1566

     Beatified: May 1, 1672 by Pope Clement X

     Canonized: On May 22, 1712, Pope Clement XI enrolled him in the catalogue of the Saints

    Representation: In art, he is shown reciting a rosary; or with a fleet in the distance; or with the feet of a crucifix   withdrawn as he tried to kiss them (White).


Prayers/Commemorations

First Vespers:

Ant.  By pious deeds he merited the name of Pius, and from henceforth, all generations shall call him blessed, alleluia.

V. Pray for us, Blessed Pius, alleluia.

R. That we may be made worthy of the promises of Christ, alleluia.

Lauds:

Ant. Pius, admirable pastor, mindful of thy flock intercede for the interest of the faithful before the Supreme Judge, alleluia.

V. The just man shall blossom like the lily, alleluia.

R. And shall flourish forever before the Lord, alleluia

Second Vespers:

Ant. He that exalteth the humble, hath exalted Pius and placed him in the apostolic see, alleluia.

V. Pray for us blessed Pius, alleluia.

R. That we may be made worthy of the promises of Christ, alleluia.

Prayer:

Let us Pray: O God who, to crush the enemies of Thy Church and to restore divine worship, didst deign to elect Blessed Pius to the office of Supreme Pontiff, grant that we may be defended by his watchful guardianship, and be so attentive to Thy service that , overcoming, the wiles of all enemies, we may enjoy eternal peace. through Christ our Lord. Amen.

Saint Pope Pius V had vision of Battle of Lepanto on 7th October, 1571 in his work-room



St. Pius V., Pope and Confessor

The two original most authentic lives of St. Pius V. are those written by Jerom Catena, secretary to the Cardinal of Alexandria, and consultor to several congregations in Rome, in Italian, highly approved by Sextus V.; the other in Latin, by Ant. Gabutio, superior of the Regular Clerks of St. Paul, much commended by Clement VIII. The titles of these two works are, Hieron. Catena Vita del gloriosissimo Papa Pio V. and Raccolta di Littere di Papa Pio V. Gabutii de Vitâ Pii V. libri 6. Bzovius in his annals on Pius V. adds to this latter several particulars. See his Pius V., also Archangelo Caraccio, Brevis Narratio Gestorum Pii V. Minorelli, Ord. Prædic. Vita S. Pii V. Romæ, 1712. Apostolicarum Pii Quinti Epistolarum libri 5, operâ Fr. Gaubau. Ant. 1649. Paul. Alex. Maffei, Vita di Pio V. Feuillet, Vie du Pape Pie V. Galesini Translatio Corporis Pii V. a Sixto V. celebrata. Agatio di Somma, whose Italian life of this saint was translated into French by Dom. Felibien in 1672. Touron, b. 28, t. 4, p. 306, and the remarks of Henschenius, ad 5, Maij. t. 1, p. 617.

A.D. 1572.

MICHAEL GHISLERI, known afterwards by the name of Pius V. was born at Bosco, a little town in the diocess of Tortona, on the 27th of January, 1504. He was descended of a noble Bolognese family, but considerably reduced in its splendour and fortunes. In his tender years the most perfect maxims of piety were instilled into him, and he never swerved in the least from those principles during the whole course of his life. He studied grammar under the care of the Dominican friars at Voghera; and giving himself up entirely to the most fervent exercises of religion, took the habit of that Order when he was only fifteen years of age. He was sensible that faint and languishing endeavours never deserve to find the inestimable treasure of true virtue, which they undervalue; they are sure to lose ground, and at length to yield under the repeated assaults of the enemy: whereas fervour breaks down all obstacles in the pursuit of perfection, as so many shadows, and courageously marches on, reckoning all labours the sweetest pleasures, and esteeming as nothing whatever leads not to this great end. It was the young novice’s holy ambition to surpass all others in humility, modesty, and the exercises of mortification, obedience, and devotion. In everything he did, he set no bounds to the ardour of his desires to please God, and accomplish his holy will in the most perfect manner. Thus all his actions were perfect sacrifices of his heart, and the meanest were enhanced by the fervour of his intention. To his studies he joined assiduous prayer, watching, fasting, and the exercises of penance and charity. After the uninterrupted fatigue of the day, it was his sweet refreshment to pour forth his soul in tears and devout prayer or meditation, for several hours before the altar, or in his cell. Having prepared himself by a long and fervent retreat, he was ordained priest, at Genoa, in 1528. He taught philosophy and divinity sixteen years, and was long employed in instructing the novices, and in forming them to piety, and in governing different houses of his Order: in all which offices, he laboured effectually to revive the spirit of its holy founder. He never accepted of any priory but by compulsion, and with tears. No one would he ever allow to absent himself from the choir, or to go out of the convent without some urgent necessity. Constant devotion and study he called the double breast from which religious persons draw a spiritual nourishment, which maintains in them the love of God and contempt of the world. Though he went often to Milan to hear the confession of the Marquis of Guast, governor of the Milanese, he could never be persuaded to buy a cloak to defend him from the rain, saying: “Poor followers of the gospel ought to be content with one tunic.” His journey he performed on foot, in recollection and strict silence, unless he opened his mouth to speak to his companion something on God. Pope Paul IV. in 1556, promoted him to the united bishoprics of Nepi and Sutri, in the ecclesiastical state, notwithstanding the tears he shed in endeavouring most earnestly to decline that dignity. Under his care these diocesses soon assumed a new face. In 1557, he was created cardinal by the same pope under the title of St. Mary upon the Minerva, though generally known by that of the Alexandrian cardinal, from Alexandria, a city in Lombardy, a few miles distant from the place of his birth. His dignities served to render his humility and other virtues more conspicuous, but produced no alteration in his furniture, table, fasts, or devotions. He was most scrupulously cautious in the choice of his few necessary domestics, admitting none but persons of most exemplary piety, and he treated them as his children rather than as his servants. Pope Paul IV. dying in 1559, he was succeeded by Pius IV. of the family of Medicis, who translated our good cardinal to the bishopric of Mondovi, in Piedmont, a church reduced by the wars to a deplorable and calamitous condition. The saint hastened to his new flock; and by his zealous exhortations and other endeavours, re-established peace and union, reformed abuses, and restored the splendour of that church.—But an order of his holiness recalled him to Rome for the dispatch of certain public affairs of the church. When Pius IV. proposed to the sacred college the promotion of Prince Ferdinand of Medicis, only thirteen years old, to the dignity of cardinal, our saint opposed the motion with such vigour, that he made himself admired by the whole consistory for his zeal and prudence. The Emperor Maximilian II. wrote to Pope Pius IV. to desire that priests might be allowed to marry, as a means that might facilitate the return of the modern sectaries to the communion of the church. The whole sacred college saw the inconveniencies of such an abolition of the most holy and ancient canons; but none spoke more vigorously against it than our saint. Though charity will allow all condescension that is possible, here it seemed very unseasonable, on many accounts, to abandon so sacred a spiritual law; and this in favour of men, who had shown no disposition towards a reconciliation with the Catholic church, except she would give up many other points, not only of discipline, but also of her faith and doctrine.
Pope Pius IV. after a tedious illness, expired in the arms of St. Charles Borromeo, on the 9th of December, 1565, having filled the chair almost six years. St. Charles, when he saw that the pious cardinal Sirlet, who was first proposed, could not be chosen, united the suffrages of the conclave in favour of our saint, testifying an entire confidence in his virtue. All others applauded the choice, except the pope elect; who, having in vain opposed it by tears and entreaties, at length, for fear of resisting the call of God, gave his consent, on the 7th of January, 1566, and took the name of Pius. The largesses usually bestowed by the popes, at their coronation, on the people of Rome, he converted into alms, to avoid the disorders of intemperance, &c. to which they are liable. He accordingly directed the sums usually expended on such occasions, to be distributed among the poor in the hospitals and elsewhere. He, in like manner, sent to the poorer convents in the city the thousand crowns usually employed in an entertainment for the cardinals, ambassadors, and lords who assisted at the ceremony. His first care was to regulate his family in such a manner, that it might be a model of virtue, and he induced the cardinals to do the like in their respective houses. He forbade the public exhibition of the sights of wild beasts, as savouring too much of inhumanity; and published very severe regulations against excesses in taverns, and against detraction committed in public assemblies, and reestablished a strict observance and execution of the laws. By rigorous edicts, he banished numbers of lewd women under pain of corporal punishment, if found afterwards within the city: others he confined to an obscure part of Rome, under the same penalty if they were seen elsewhere. He said mass every day, (and usually with tears,) unless hindered by sickness; he made daily two meditations on his knees before a crucifix, and called prayer the comfort and support of a pastor amidst the hurry of affairs. His tenderness for the poor and his charities, are not to be expressed: but nothing appeared more admirable in him than his sincere and profound humility. An English Protestant gentleman was converted, by seeing the condescension and affection with which he kissed the ulcers of the feet of a certain poor man. His rigorous fasts and abstemiousness he would scarcely ever mitigate, even on account of sickness. He published the catechism, and the decrees of the council of Trent, which he laboured strenuously to carry into immediate execution; and made many other useful regulations, extending his solicitude to every part of Christendom, particularly the eastern missions. He generously assisted the knights of Malta, when they were besieged by the most formidable armies of the Turks, and by his liberalities enabled them to repair their breaches after their victories, and to build the new impregnable city of Valette, in 1566. 1 The rebellion raised in France under Charles IX. obliged him to exert his vigilance in protecting the city and territory of Avignon against the stratagems of Coligny. He purged the ecclesiastical state of assassins and robbers, but rejected the perfidious proposal of one who offered to invite the chief captain of the robbers to dinner, and then to deliver him up. His severity, which was necessary for the public tranquillity, did not make him forget that mercy, wherever it can be allowed to take place, is to be the favourite inclination of a disciple of Christ. A certain Spaniard had composed a bitter and seditious pasquinade, filled with notorious slanders against his holiness, for which the magistrate had confiscated his estate, and condemned him to death: but the pope granted him a free pardon with this mild request, that when he should see him fall into any fault, he would admonish him of it. By a bull dated the 1st of October, 1567, he condemned several erroneous propositions ascribed to Michael Baius of Lovain, some of which that doctor denied to have been advanced by him, others he with great humility retracted. To recompense the zeal of Cosmus of Medicis, duke of Florence, he granted him by a bull the title of Grand Duke, and crowned him as such at Rome in 1569, though the emperor refused for some time to acknowledge that new title. By a great number of wise regulations he endeavoured to extirpate various scandals and abuses: in a brief, by which he strongly enforces the canons relating to the respect due to holy places, amongst other things, he forbids any either to give or ask an alms in churches, but only at the doors; which is commanded by several councils to prevent an occasion of distractions and an abuse contrary to the silence and respect due to the house of prayer. Certain privileges granted to particular confraternities, seem to have given occasion in some places to too great a neglect of these wholesome and necessary canons.
Notwithstanding his attention to the public affairs, the good pope did not forget that the exercises of an interior life are the means by which our souls must maintain and improve the spirit of holy charity, and by it sanctify our exterior actions. Prayer and holy meditation were his delight; for he well knew that the fire of charity will soon be extinguished in the heart unless it be continually nourished by new fuel. St. Pius joined to prayer assiduous mortification, and large alms. He often visited the hospitals, washed the feet of the poor, kissed their ulcers, comforted them in their sufferings, and disposed them for a Christian death. He gave twenty thousand crowns of gold to the hospital of the Holy Ghost, and great and frequent charities to other hospitals; he founded a distribution of dowries for the marriage of poor women, and made many most useful pious foundations to perpetuate the honour of God and the salvation of souls, particularly for the instruction of youth in the Christian doctrine, which he earnestly recommended to all pastors by an express bull, in 1571. In the time of a great famine in Rome, he imported corn at his own expense from Sicily and France, to the value of above one hundred thousand gold crowns; a considerable part of which he distributed among the poor, gratis, and sold the rest to the public much under prime cost. Frugal in all things that regarded himself, he was enabled by his good economy to make many useful foundations for promoting virtue and religion, and to relieve the distressed by incredible general alms-deeds and public benefactions, exclusively of the large daily demands which particular charities made upon him. He was a great encourager of learning and learned men; and to him the schools are indebted for the most accurate edition of the works of St. Thomas Aquinas, which appeared in 1570. He wrote to queen Mary Stuart, in 1570, to comfort her during her long imprisonment suffered for religion.
Selimus II. emperor of the Turks, pursuing the ambitious and boundless designs of his father Solyman, proposed nothing less to himself than to overrun all Christendom with his arms, and to add all the western kingdoms to his empire. Though he was himself an effeminate tyrant, enervated by drunkenness and debaucheries, he was long successful in his wars, by the conduct of veteran soldiers and experienced generals, who had been trained up by his warlike father. Flushed with victories and elated with pride, when Italy was afflicted with a famine, and the great arsenal of Venice had been lately almost entirely destroyed by a dreadful fire, he haughtily demanded of that republic the peaceable surrender of the isle of Cyprus, by way of satisfaction for pretended injuries; though in reality for the sake of its excellent wine, with which liquor he was extremely besotted, though forbidden by the koran, threatening that in case of refusal he would force it from them. Having all things in readiness beforehand, the infidels immediately invaded the island, took Nicosia by storm, in 1570, after a siege of forty-eight days, and in 1571, Famagusta by capitulation, after having battered that city with above 1,500,000 cannon shot, during a siege of seventy-five days. Notwithstanding the articles of an honourable capitulation had been ratified by the most solemn oaths, the Bashaw Mustapha, by an unheard of treacherous perfidy, put to most cruel deaths all the brave Venetian officers of the place; and caused the valiant Venetian governor Brigadin, after cutting off his ears and nose, with a thousand insults, blasphemies, and torments continued or repeated for many days, to be flayed alive in the market-place: all which he suffered with admirable patience, and in great sentiments of piety, expiring when his skin was torn off to his waist. Alarmed at the danger which threatened all Christendom, St. Pius entered into a league with Philip II. king of Spain, and the Venetians, in order to check the progress of the Mahometans; the other Christian princes excusing themselves from acceding to it, on account of domestic broils. This alliance was ratified in May, 1571; and to avoid occasions of dissension among the princes who were engaged, the pope was declared chief of the league and expedition, who appointed Mark Antony Colonna general of his gallies, and Don John of Austria generalissimo of all the forces. The army consisted of twenty thousand good soldiers, beside seamen; and the fleet of one hundred and one great gallies, some tall ships, and a considerable number of galliots and small vessels. The pope, together with his apostolic benediction, sent to the general a prediction of certain victory, with an order to disband all soldiers who seemed to go only for the sake of plunder, and all scandalous and riotous persons, whose crimes might draw down the divine indignation upon their arms.
The Christians sailed directly from Corfu, and found the Turkish fleet at anchor in the harbour of Lepanto. As soon as the Turks saw the Christian fleet so near, they reinforced their troops from the land, and sailed out in order of battle, Don John kept the centre, and had for seconds Colonna and the Venetian general Venieri: Andrew Doria commanded the right wing, and Austin Barbarigo the left. Peter Justiniani, who commanded the gallies of Malta, and Paul Jourdain were posted at the extremities of this line. The Marquess of Sainte Croix had a body of reserve of sixty vessels ready to sustain or relieve any part in danger of being overpowered. John of Cordova, with a squadron of eight vessels, scoured before, to spy and give intelligence; and six Venetian galeasses formed an avant-guard to the fleet. A little after sunrise the Turkish fleet, consisting of three hundred and thirty sail of all sorts, appeared in sight, almost in the same order of battle, only, according to their custom, in form of a crescent. They had no squadron of reserve, and therefore their line being much wider, they far outfronted the Christians, which is a great advantage in battle. Hali was in the centre, facing Don John of Austria: Petauch was his second; Louchali and Siroch commanded the two wings, against Doria and Barbarigo. Don John gave the signal of battle, by hanging out the banner sent him from the pope, on which the image of Christ crucified was embroidered. The Christian generals harangued their soldiers in few words, then made a sign for prayers; at which the soldiers fell on their knees before a crucifix, and continued in that posture in fervent prayer till the fleets drew near to each other, when at a second signal the battle began. The Turks bore down with great rapidity on the Christians, being assisted by a brisk gale of wind, which promised them the greatest advantage possible, especially as they were superior in numbers, and in the extent of their front. But the wind, which, before was very strong, fell just as the fight began, was succeeded by a calm, and this soon after by a high wind, entirely favourable to the Christians; which carried the smoke and fire of their artillery upon the enemy, almost blinded them; and at length quite bore them down. The battle was most obstinate and bloody, and the victory the most complete that ever was gained over the Ottoman empire. After three hours’ fight, with equal advantage, the left wing, commanded by Barbarigo, got the better, and sunk the galley which Siroch was in, who had fought to admiration. His loss so dispirited his squadron, that, being vigorously pressed by the Venetians, it gave way, and made towards the coast. Don John, seeing this advantage of his right wing, was animated with new courage, doubled his fire, and killed Hali, the Turkish general, boarded his galley, pulled down his flag, and cried, Victory: after which it was no longer a fight, but a perfect slaughter in the centre; the Turks suffering themselves to be killed without making any resistance. Louchali, indeed, by his numbers and wider front, kept Doria and the right wing at a distance, till the Marquess of Sainte Croix coming up to join him, the Turk made all the sail he could, and escaped by flight, with thirty gallies, all the rest being either taken or sunk. 2 This battle was fought on the 7th of October, 1571, and continued from about six in the morning till evening, when the approaching darkness and the roughness of the sea obliged the Christians to betake themselves to the next havens. The Turks, with their haughty emperor, were seized with the utmost consternation at the news of their dreadful overthrow: and the city of Constantinople was as much alarmed as if the enemy had been at the gates: many of the inhabitants carried their treasures to the Christians to keep for them, as if the town had been already in their hands. The infidels, who, elated by their rapid conquests in the East, had already swallowed up, in their imagination, Italy, and all the rest of Christendom, were taught by this defeat that the tide of their victories was stemmed. God, who has set bounds to the raging billows of the sea, and who weighs in his hand the globe of the universe as a grain of sand, fixes limits to states and empires, and governs their revolutions. By abandoning many flourishing nations to the infidels, he has given a terrible instance of his justice, by which he admonishes others whom he has hitherto spared, though, perhaps, more guilty, to fear his anger, and by sincere repentance to sue for mercy, whilst it is yet offered them. It is owing to his clemency towards the remaining part of Christendom, that he bridled the fury of these most fierce and barbarous infidels, in the very height of their pride and prosperity. From that time the Turks 3 have gradually weakened themselves by their own domestic policy, and have at present reason to dread the arms of those Christian powers, to whom their very name was formerly a terror. In the battle at Lepanto, the infidels lost thirty thousand men, with their general, Hali, and above two hundred ships and galleys, besides ninety that were stranded, burnt, or sunk. There were taken one hundred and sixteen pieces of great cannon, two hundred and fifty-six smaller, and five thousand prisoners, with a great number of officers of rank, among whom were two sons of Hali, nephews to the grand signior. The booty was exceeding great; for the Turkish fleet was laden with the plunder of many merchantmen, and of several islands: fifteen thousand slaves, that were found chained on board their gallies, were set at liberty.
The holy pope from the beginning of the expedition, had ordered public prayers and fasts, and had not ceased to solicit heaven, with uplifted hands, like Moses on the mountain, besides afflicting his body by watching and fasting. At the hour of the battle the procession of the rosary, in the church at the Minerva, was pouring forth solemn prayers for the victory. The pope was then conversing with some cardinals on business: but, on a sudden, left them abruptly, opened the window, stood some time with his eyes fixed on the heavens, and then shutting the casement, said: “It is not now a time to talk any more upon business; but to give thanks to God for the victory he has granted to the arms of the Christians.” This fact was carefully attested, and authentically recorded, both at that time and again in the process for the saint’s canonization. 4 In consequence of this miraculous victory, the pope ordered the festival of the rosary to be kept on the first Sunday of October, in perpetual thanksgiving to God, and in the Litany of our Lady inserted those words: succour of Christians. He caused a triumph to be decreed to Don John, which was graced with many illustrious prisoners; and he bestowed honours and gratifications on other generals and officers. The year following he was preparing to pursue the advantage gained by this great victory, when he died of the stone, on the 1st of May, 1572, being sixty-eight years, three months, and fifteen days old, having governed the church six years and almost four months. He had suffered from January the sharpest pains with heroic patience. He was beatified by Clement X. in 1672, and canonized by Clement XI. in 1712. His precious remains lie in the church of St. Mary Major. Many miracles are recorded by Gabutius. Henschenius has added a relation of many others approved by the auditors of the Rota under Urban VIII. in 1629. 5
The greatest danger in a public elevated station is, as St. Bernard pathetically put his disciple, whom he saw raised to the popedom, in mind of, lest, in the hurry of external concerns, we should forget to give sufficient attention to those of our own souls, and lose ourselves in the wilderness or tumult of distracting thoughts and employments. But those who have their whole time at their own disposal, yet have their eyes always abroad, and live, as it were, without themselves, are truly foolish. Every one’s first and principal business is included within himself, in his own heart. It is so deep, that we shall always find in it exercise enough, and shall never be able to sound it: only he, who tries the thoughts and reins, can thoroughly know it. What have we to do to concern ourselves so much with the wars of states, and the quarrels of private persons? But it is infinitely both our duty and our interest to take cognizance of the contests between the flesh and the spirit within our own breasts: to appease this intestine war, by teaching the flesh to be in subjection, placing reason on its throne, and making God reign sovereignly in our hearts. It is not so slight a task as men generally seem to imagine, to keep our domestic kingdom in good order, and to govern wisely and holily those numerous people which are contained in this little state, that is to say, that multitude of affections, thoughts, opinions and passions which easily raise tumults in our hearts. Those who are charged with the care of others, are obliged to reserve to themselves leisure for pious meditation, prayer, and self-examination, and diligently to watch over their own souls. “He who is bad to himself, to whom will he be good?” 6
Note 1. The knights of Malta, or of St. John of Jerusalem, were originally called knights hospitallers, instituted by certain merchants of Amalphi, in the kingdom of Naples, who, trading in the Levant, obtained leave of the Caliph of the Saracens, to build a house at Jerusalem, for themselves and pilgrims, on paying an annual tribute. Soon after, they founded a church in honour of St. John Baptist, with an hospital for sick pilgrims; from which they took their name. The valiant and most pious prince, Godfrey of Bouillon, who took Jerusalem, in 1099, exceedingly favoured these hospitallers, who, in the reign of Baldwin I. king of Jerusalem, in 1104, added to their three religious vows another, by which they obliged themselves to defend the pilgrims in the Holy Land from the insults of the Saracens. From that time they became a military Order of knights, and wore for their badge a cross, with eight points. In 1187, Saladin, the Caliph of Syria and Egypt, wrested Jerusalem, for the last time, from the Christians, after the kingdom of the Latins had maintained itself there eighty-nine years, under eight kings. The knights retired to Acon, or Acre, anciently called Ptolemais, on the sea-coast in Palestine, till that strong fortress was taken by storm, by the Saracens, in 1291. From which time they resided in Cyprus, till, in 1310, they gallantly took Rhodes from those infidels, and the year following defended it against their furious assaults, being relieved by the seasonable succours brought by the brave Amedeus IV. count of Savoy. The Turks having vanquished the Saracens, and embraced their superstition, and Mahomet II. having taken Constantinople by storm, in 1453, under Constantine Paleologus, the last Grecian emperor, these knights became more than ever the bulwark of Christendom. Under the conduct of the valiant grandmaster, Aubusson, in 1480, they bravely defended their isle for two months against the victorious army, of above one hundred thousand men, of Mahomet II. the greatest warrior of all the Turkish emperors, who conquered the two empires of Constantinople and Trebizonde, twelve kingdoms, and two hundred cities. But Solyman II. surnamed the Magnificent, after a gallant defence made by the knights, rendered himself master of this strong fortress by the treachery of the chancellor of the Order, in 1522; and the grand master, Villiers l’Isle-Adam, after prodigies of valour, was obliged to seek a new retreat. The Emperor Charles V. gave the knights the isle of Malta, in 1530. Solyman II. in 1566, bent the whole strength of his empire against this small island; but after a vigorous siege of four months his army was shamefully repulsed by the most memorable defence that is recorded in history, under the conduct of the grand-master, John de Valette, assisted by the munificence chiefly of Pope Pius V. The Turks retreated with eighty thousand men, when the grand-master had only six thousand. The knights of this Order are obliged to make proof of their being nobly descended for four generations, both by the father and mother’s side, and upon their admission pay two hundred and fifty crowns in gold to the treasury of the Order. They make the three religious vows, consequently can never marry; and add a fourth, never to make peace with the infidels. They observe certain constitutions borrowed from the rule of the regular canons of St. Austin. Formerly this Order consisted of eight languages or nations; but the English, which was the sixth, was extinguished by King Henry VIII. Each language is divided into certain grand priories; and every grand priory into several commanderies. Servant-knights prove their nobility; but not for four descents. The chaplains must also be of noble extraction. The Donnes or Demi-Crosses are not strictly members of the body; may marry, and wear a gold cross of three branches; those of the knights having four. The grand-master is chosen by the priors. There are servants of the office who are employed in the hospitals. The chief end of this military Order is to defend the innocent, and protect and cover Christendom from the insults of the Mahometans; in imitation of the Macchabees, who, with the zeal of martyrs, defended the people of God in the old law.
Raymund du Puy was the first grand-master after they commenced knights. He drew up the statutes of the Order, and died in 1160. Several saints which this Order has produced are honoured at Malta; on whom see Le Martyrologe des Chevaliers de Malte, par M. Goussancour, two tombes. And as to its many great heroes, and the glorious military exploits achieved by them, read the history of Malta by Abbé Vertot, though in this he has not equalled the reputation of his other works, and has failed not only in the style, but also in sentiments and exactitude.
The knights of Malta are obliged, after their profession, to wear a white cross or star with eight points, sewed on the left side of their cloak or coat. But before their vows, they wear a gold cross, with eight points, enamelled with white, hanging at a black riband. The knights may defer their vows, and seldom make them till sure of a commandery. The languages of Malta now subsisting are called, of Provence, Auvergne, France, Italy, Arragon, Germany, and Castille. France alone having three languages, it is the most powerful in the Order. In Spain other military religious Orders nourish, as those of Alcantara and Calatrava, instituted upon the taking of those towns from the Moors; they are subject to the Cistercian rule, but the knights are not hindered by their vow from marrying once. In Portugal that of Avis is likewise under the Cistercian rule: it was re-established after the victory of Evora, over the Moors, and confirmed by Innocent IV. in 1234.
The knights templars, of whom we sometimes make mention, were instituted by seven gentlemen at Jerusalem, in 1118, to defend the holy places and pilgrims from the insults of the Saracens, and keep the passes free for such as undertook the voyage of the Holy Land. They took their name from the first house which was given them by King Baldwin II: situated near the place where anciently the temple of Solomon stood. By the liberality of princes, immense riches suddenly flowed into this Order, by which the knights were puffed up to a degree of insolence which rendered them insupportable even to the kings who had been their protectors; and Philip the Fair, king of France, resolved to compass their ruin. They were accused of treasons and conspiracies with the infidels, and of other enormous crimes, which occasioned the suppression of the Order by a decree of Pope Clement V., and the general council of Vienne, in 1312. The year following the grand-master, who was a Frenchman, was burnt at Paris, and several others suffered death, though they all with their last breath protested their innocence as to the crimes that were laid to their charge. These were certainly much exaggerated by their enemies, and doubtless many innocent men were involved with the guilty. A great part of their estates was given to the knights of Rhodes or Malta.
The Teutonic knights owe their establishment to certain German gentlemen from Bremen and Lubec, at the siege of Acon or Acre in Palestine, who instituted this Order in imitation of the knights templars and hospitallers. It was approved by Calixtus II, in 1192. The Teutonic knights conquered, in 1250, the infidels of Prussia, whom the Polanders had not been able to subdue, and built the cities of Elbing, Marienbourg, Thorn, Dantzic, and Koningsburg. The Poles disputed several of these territories with them. At length Albert, marquis of Brandenbourg, grand-master, embracing Lutheranism with several of the knights, quitted the title of grand-master, and drove the Order out of Prussia, which he left to the house of Brandenbourg. From which time the Order is reduced to a few poor commanderies, and the grand-master resides at Margentheim or Mariendal in Franconia. [back]
Note 2. See Gratiani’s History of Cyprus. [back]
Note 3. The Turks derive their pedigree from a Scythian nation of Great Tartary, not from the Turcomans in Armenia and Assyria, nor from Turkistan, in Great Tartary, as some have fancied; though both those nations seem also of Scythian extraction. The original country of the Turks, according to Prince Cantemir, was Chuter or Kitaia, that is, Great Tartary, in the provinces above the Caspian sea, which was as inexhausted a hive in sending out numberless swarms, as the European Scythia and Sarmatia. The Turci were anciently a most numerous and powerful nation, spread in European Scythia, now Muscovy, near the Volga, where, from the time of the Emperor Mauritius, they are often mentioned by Constantine Porphyrogeneta, (l. de regendo imperio, ad Romanum Filium: et l. de Legationibus,) and by other Byzantine historians. They were also dispersed wide in Asia, above the Caspian sea; and this was perhaps the original country of the Turci, whence some tribes had passed into Europe. M. de Guignes (Histoire Générale des Huns, des Turcs, &c., t. 3,) shows, that the Huns came originally from the eastern part of Tartary, that borders upon China, and that by wars with the Chinese, and various domestic revolutions, they were driven by several migrations to the West, some to the Volga, others about the Caspian sea. They were afterwards called Turks. Among the Asiatic Turks, or Tartars, Gingischan, (which word, in the Mogul language, signifies king of kings,) a prince of the Ogusian Tartars, about the year 1200, conquered Mogul and Persia, and entirely overthrowing this last empire, erected upon its ruins a new one, comprising all the East, so far as was known to the Greeks. This great conqueror dying in 1224, one of his sons succeeded him in Persia, another in Mogul, and a third in part of Tartary; in other places, his governors made themselves independent. The Turks are descended of another branch of these Ogusian or Gingischan Tartars. The example of Gingischan excited Soliman Shah, prince of Nera, a city on the coast of the Caspian sea, and head of a wandering tribe of the same Tartars, to tread in his steps. With fifty thousand select soldiers, he passed Mount Caucasus, and, bending his course towards Asia, overran several countries in 1211; but was drowned in attempting to pass the Euphrates on horseback, in 1219. His sepulchre is shown near Aleppo, and held by the Turks in great veneration to this day. His sons often served with their forces under the Saracen sultans, who were then masters of the eastern parts of the Grecian empire: sometimes with them, and sometimes alone, they plundered the provinces of the Greeks, and about that time renounced idolatry to embrace Mahometism, the superstition of the Saracens. Othman, one of the descendants of Soliman Shah, rendered great services to Aladin, the Saracen sultan of Iconium, till that prince, compelled by intestine commotions, abandoned his dominions, and fled to the Emperor Michael Palæologus, who kept him in perpetual imprisonment. Upon this revolution, Othman easily obtained the sovereignty of Aladin’s country, and laid the foundation of the Turkish monarchy at Iconium, about the year 1300. He afterwards conquered Bithyna, and took the city of Prusa, in 1326, where he fixed his residence. From him is the imperial Turkish family called Othmans or Ottomans. Tamerlane, the founder of a great empire in Tartary, a generous and valiant prince, to defend the Grecian empire against the perpetual encroachments of the Turks, fell upon the latter, took their sultan Bajazet, and kept him prisoner in an iron cage, having defeated him, not near Prusa, as the Greeks suppose, but near the banks of the Euphrates, as Prince Cantemir proves, from the unanimous consent of all Turkish and other oriental monuments. Notwithstanding this check, the Turks extended their conquests over both the Saracens and Greeks, till Mahomet II. took Constantinople, in 1453, and Trebizond, in 1456. The Persians called both the Gingischan Scythians, by whom they were conquered, and these Othmans, by the same name—Turks; which name is given the latter by all foreigners. This account of the original of the Turkish nation is given us by Prince Demetrius Cantemir, in his History of the Othman Empire, printed in 1743. It is drawn from the Turkish and oriental memoirs, and agrees with what is recorded by Chalcondylas, the only historian among the Greeks who deserves credit concerning the first transactions of this nation. Prince Cantemir observes, that the Turks own the Crim Tartars to be descended from the same Ogusian tribe, by a younger branch, to that of the Othmans; and the Turks have often declared that if the Othman family fail, that of Crim Tartary is to succeed to their empire. [back]
Note 4. See Card. Lambertini, afterwards Benedict XIV. de Beatif. and Canoniz. Sanctor. t. 1, p. 524. [back]
Note 5. Bolland, t. 1, Maij. pp. 714, 719. [back]
Note 6. Eccl. xiv. 5. [back]
Rev. Alban Butler (1711–73).  Volume V: May. The Lives of the Saints.  1866.

Pius V, OP Pope (RM)
(also known as Michael Ghislieri)

Born in Bosco (near Alessandria), Italy, on January 17, 1504; died May 1, 1572; canonized in 1712; feast day formerly on May 5.


People who know nothing else about Pius V are quite apt to remember him as the Pope of the Rosary, recalling his remarkable connection with the Battle of Lepanto.

Antonio Michael was born into the distinguished but impoverished Ghisleri. His parents could not afford to educate their alert little boy, who seemed far too talented to be a shepherd. One day, as he was minding his father's small flock, two Dominicans came along the road and fell into conversation with him. Recognizing immediately that he was both virtuous and intelligent, they obtained permission from his parents to take the child with them and educate him. He left home at age 12 and did not return until his ordination many years later.

After a preliminary course of studies, he received the Dominican habit at the priory of Voghera at age 14 and, as a novice, was sent to Lombardy. Here, for the first time, he met the well-organized forces of heresy which he was to combat so successfully in later years.

After his ordination in 1528, he went home to say his first Mass, and he found that Bosco had been razed by the French. There was nothing left to tell him if his parents were alive or dead. He finally found them, however, in a nearby town. After he said Mass, he returned to a career that would keep him far from home for the rest of his life. He began as a lector in theology and philosophy for 16 years.

Then he served as novice-master, than as prior of several convents, Michael proved to be a wise and charitable administrator. He was made inquisitor at Como, Italy, where many of his religious brethren had died as martyrs to the heretics. By the time of Michael's appointment there, the heretics' chief weapon was the printed word; they smuggled books in from Switzerland, causing untold harm by spreading them in northern Italy. The new inquisitor set himself to fight this wicked traffic, and it was not the fault of the heretics that he did not follow his brethren to martyrdom. They ambushed him several times and laid a number of complicated plots to kill him, but only succeeded in making him determined to explain the situation more fully to the pope in Rome.

He arrived in Rome on Christmas Eve, tired, cold, and hungry, and here it was not the heretics that caused him pain, but his own brothers in Christ. The prior of Santa Sabina saw fit to be sarcastic and inhospitable to the unimportant looking friar, who said he was from Lombardy. The pope knew very well who he was, however, and immediately gave him the commission of working with the heretics in the Roman prisons.

He was a true father to these unfortunates, and he brought many of them back to the faith. One of his most appealing converts was a young Franciscan, a converted Jew of a wealthy family, who had lapsed into heresy through pride in his writing. Michael proceeded to straighten out his thinking, to give him the Dominican habit, and to assure him of his personal patronage, thus securing for the Church a splendid Scripture scholar and writer.

In 1556, Michael was chosen bishop of Nepi and Sutri. The next year he was named inquisitor general against the Protestants in Italy and Spain and was appointed cardinal, in order, as he said, that irons should be riveted to his feet to prevent him from creeping back into the peace of the cloister. In 1559, Pope Pius IV made him bishop of the war-depleted Piedmont see of Mondovi, to which he soon brought order. Insofar as possible, Michael continued to adhere to the Dominican Rule.

He constantly opposed nepotism. Michael opposed Pius IV's attempt to make 13-year-old Ferdinand de'Medici a cardinal, and defeated the attempt of Emperor Maximilian II of Germany to abolish clerical celibacy.

January 7, 1565, when the papal chair was vacant following the death of Pius IV, the cardinals, chiefly through the influence of Saint Charles Borromeo, elected Cardinal Ghislieri pope. With great grief, he accepted the office and chose the name Pius V. Charles Borromeo had backed Michael during the election, trusting that he would act as a much-needed reformer.

His judgment proved true: on Pius's coronation, the money usually distributed to the crowds was given to the hospitals and the poor, and money for a banquet for the cardinals and other dignitaries was given to poor convents. When someone criticized this, he observed that God would judge us more on our charity to the poor than on our good manners to the rich. Such an attitude was bound to make enemies in high places, but it endeared him to the poor, and it gave right-thinking men the hope that here was a man of integrity, and one who could help to reform the clergy and make a firm stand against the Lutheran heresy.

Pope Saint Pius

There were massive problems of immediate urgency during the brief reign of Pius V. From within, the peace of the Church was disturbed by the several heresies of Luther, Calvin, and the Lombards, and by the need for clerical reform. In addition, England was tottering on the brink of a break with Rome. The Netherlands were trying to break away from Spain and had embraced Protestantism. The missions across the sea needed attention. And all through the Mediterranean countries, the Turkish were ravaging Christian cities, creeping closer to world conquest. In the six years of his reign, Pope Pius V had to deal with all these questions--any one of which was enough to occupy his entire time.

One of Pius's first actions was to demand that bishops should live in their dioceses and parish priests in their parishes. His efforts at regulating his see embraced issues ranging from the abolition of bullfighting, bear-baiting and prostitution, to cleaning out the Roman curia and eliminating nepotism, to cutting down the activities of bandits. He insisted that Sunday must be hallowed. Once a month he held a special court for anyone who felt they had been treated unjustly. He also brought in shipments of corn during a famine at his own expense.

In his personal life he continued to be a devout mendicant friar; as pope he set himself to enforce the decrees of the Council of Trent with energy and effect. The catechism ordered by the Council of Trent was completed during his rule (1566), and he ordered translations made. The breviary reformed (1568) and missal (1570). He also commissioned the best edition to date of the writings of Saint Thomas Aquinas; it was he who made Thomas a Doctor of the Church in 1567.

His was a rigorous character; he made full use of the Inquisition and his methods of combatting Protestantism were ruthless. Pius had hoped to convert Queen Elizabeth of England. The unfortunate Mary Queen of Scots enjoyed his sympathy and encouragement. He sent reassuring letters to her, and once, at a time when no priest was allowed to go near her, he granted her special permission to receive Holy Communion by sending her a tiny pyx that contained consecrated Hosts. It was he who finally had to pronounce excommunication on Elizabeth of England in 1570, after he had given her every possible chance of repentance.

Pius V had a high estimate of papal power in secular matters, though sometimes showing little talent for dealing with them. When he excommunicated Elizabeth I, he absolved her subjects of the allegiance to her as queen. This served only to endanger the Catholics in her realm, however, and many were accused of treason and martyred. (It is interesting to note that Elizabeth II visited Pope John XXIII at the Vatican on Pius V's original feast day, May 5, nearly four centuries later.) That he also came into conflict with Philip II of Spain shows with what consistency he applied his principles.

He encouraged the new society founded by Saint Ignatius of Loyola and established the Jesuits in the Gregorian University. He consecrated three Jesuit bishops for India, gave Saint Francis Borgia his greatest cooperation, and helped to finance missionaries to China and Japan. He built the church of Our Lady of the Angels for the Franciscans and helped Saint Philip Neri in his establishment of the Oratory. Probably the act for which he will be longest remembered in his leadership at the time of the Battle of Lepanto.

In 1565, the Knights of Saint John defended Malta against a tremendous attack by the Turkish fleet and lost nearly every fighting man in the fortress. It was the pope who sent encouragement and money with which to rebuild their battered city. The pope called for a crusade among the Christian nations and appointed a leader who would be acceptable to all. He ordered the Forty Hours Devotion to be held in Rome, and he encouraged all to say the Rosary.

When the Christian fleet sailed out to meet the enemy, every man on board had received the sacraments, and all were saying the Rosary. The fleet was small, and numerically it was no match for the Turkish fleet, which so far had never met defeat. They met in the Bay of Lepanto on Sunday morning, October 7, 1565. After a day of bitter fighting, and, on the part of the Christians, miraculous help, the Turkish fleet--what was left of it--fled in disgrace, broken and defeated, its power crushed forever.

Before the victorious fleet returned to Rome, the pope had knowledge of the victory through miraculous means. He proclaimed a period of thanksgiving; he placed the invocation, "Mary, Help of Christians" in the Litany of Loreto and established the feast in commemoration of the victory. It was almost the last act of his momentous career for he fell victim to a painful illness that killed him in less than a year. He was attempting to form an alliance of the Italian cities, France, Poland, and other Christian nations of Europe to march against the Turks when he died. He is enshrined at Santa Maria Maggiore in Rome.

Although he was criticized for 'wanting to turn Rome into a monastery,' Saint Pius had the respect of the Roman people, who knew his personal goodness and concern for everybody's welfare. He gave large sums to the poor, lived a life of austerity and piety, and personally visited the sick in hospitals. Pius V is remembered as one of the most important popes of the Counter-Reformation (Attwater, Benedictines, Bentley, Delaney, Dorcy, White).

In art, he is shown reciting a rosary; or with a fleet in the distance; or with the feet of a crucifix withdrawn as he tried to kiss them (White).

SOURCE : http://www.saintpatrickdc.org/ss/0430.shtml

Reliquiario a busto, San Pio V, Santa Maria Novella


San Pio V (Antonio Ghislieri) Papa

30 aprile - Memoria Facoltativa

Bosco Marengo, Alessandria, 27 gennaio 1504 - Roma, 1 maggio 1572

(Papa dal 17/01/1566 al 01/05/1572)

Antonio Michele Ghislieri, religioso domenicano, creato vescovo e cardinale, svolse compiti di alta responsabilità nella Chiesa. Divenuto papa col nome di Pio V, operò per la riforma della Chiesa in ogni settore, sulle linee tracciate dal Concilio tridentino. Pubblicò i nuovi testi del Messale (1570), del Breviario (1568) e del catechismo romano. (Mess. Rom.)

Etimologia: Pio = devoto, religioso, pietoso (signif. Intuitivo)

Emblema: Tiara, Camauro, Bastone Pastorale

Martirologio Romano: San Pio V, papa, che, elevato dall’Ordine dei Predicatori alla cattedra di Pietro, rinnovò, secondo i decreti del Concilio di Trento, con grande pietà e apostolico vigore il culto divino, la dottrina cristiana e la disciplina ecclesistica e promosse la propagazione della fede. Il primo di maggio a Roma si addormentò nel Signore.

(1 maggio: A Roma, anniversario della morte di san Pio V, papa, la cui memoria si celebra il giorno precedente a questo).

San Pio V, al secolo Antonio (in religione Michele) Ghislieri (Bosco Marengo, 27 gennaio 1504 - Roma, 1º maggio 1572), è il Papa della Controriforma, della battaglia di Lepanto, del catechismo romano, del breviario romano riformato e del messale romano.

Negli anni di preparazione al sacerdozio, insieme a una solida formazione teologica, facilitata da una fervida intelligenza, manifestò quella austerità di vita che sempre lo caratterizzò. Nel 1528 ricevette l’ordinazione sacerdotale a Genova e già a quel tempo si distinse per la forza del suo credo: a Parma sostenne trenta proposte a supporto del seggio pontificio contro le eresie che si scagliavano contro di esso.

Come rettore di vari conventi domenicani si distinse per la rigida e santificante disciplina imposta, e ricevette la nomina di inquisitore della città di Como. Giunto a Roma nel 1550 divenne Commissario generale dell’Inquisizione romana.  Paolo IV (1476-1559) lo nominò vescovo di Sutri e Nepi nel 1556; fu in seguito creato cardinale con il titolo di Santa Maria sopra Minerva (1557). Nel 1558 divenne Grande Inquisitore e due anni dopo vescovo di Mondovì.

Il 7 gennaio 1566, fu inaspettatamente eletto Papa grazie ad un accordo stabilito fra i cardinali Carlo Borromeo (1538-1584) e Alessandro Farnese (1520-1589). La sua elezione fece tremare la Curia romana e non solo quella. Serietà e inflessibilità iniziarono immediatamente: niente festeggiamenti e sontuosi banchetti per solennizzare l’elezione pontificia.

Cercò, con ogni mezzo, di migliorare i costumi della gente emettendo bolle, punendo l’accattonaggio, vietando le dissolutezze del carnevale, cacciando da Roma le prostitute, condannando i fornicatori e i profanatori dei giorni festivi. Per i bestemmiatori furono previste sanzioni economiche e corporali. Difese strenuamente il vincolo matrimoniale, infliggendo punizioni agli adulteri. Ridusse il costo della corte papale, impose l’obbligo di residenza dei vescovi e affermò l’importanza del cerimoniale. Le sue decisioni furono di enorme importanza: rafforzò gli strumenti della Controriforma per combattere l’eresia ed il Protestantesimo e diede nuovo impulso all’Inquisizione romana.

Risoluto e onesto, piemontese tutto d’un pezzo, fu rigido oppositore del nepotismo. Ai numerosi parenti accorsi a Roma con la speranza di ottenere da lui qualche privilegio e beneficio economico, Pio V disse che un parente del Papa può considerarsi sufficientemente ricco se non conosce la miseria.

Fu lui, l’11 aprile 1567, a dare  il titolo di dottore della Chiesa a san Tommaso d’Aquino (1225-1274). Nel 1568 lo stesso titolo fu concesso anche a quattro Padri della Chiesa d’Oriente: sant’Atanasio (295 ca.- 373), san Basilio Magno (329-379), san Giovanni Crisostomo (344/354-407) e san Gregorio Nazianzeno (329 – 390 ca.). Da questi suoi atti si evince la sua ferma volontà di custodire in sommo grado l’integrità della Fede e di difendere la Chiesa dagli avversari e dalle eresie, ben sapendo che il consenso nei suoi confronti avrebbe ricevuto duri colpi: la sua intransigenza e il suo zelo gli valsero molti nemici in tutta Europa e oltre. Celebri sono rimaste le volgari pasquinate dileggianti la sua persona.

Fu coraggioso difensore dei diritti giurisdizionali della Chiesa e per questo si scontrò con Filippo II di Spagna (1527-1598). Durante le guerre di religione in Francia, sostenne i cattolici contro gli ugonotti, mentre in Inghilterra appoggiò la cattolica Maria Stuarda (1542-1587) contro l’anglicana Elisabetta I (1533-1603), che scomunicò nel 1570 con la bolla Regnans in Excelsis.

Non ebbe paura della violenza musulmana e preoccupato delle mire geopolitiche dei turchi, promosse la «Lega Santa» dei principi cristiani contro la mezzaluna, unendosi in alleanza con Genova, Venezia e Spagna. Le forze navali della Lega si scontrarono, il 7 ottobre 1571, con la flotta ottomana nelle acque al largo di Lepanto, riportando una memorabile vittoria, che si verificò grazie, soprattutto, alla crociata di Rosari che erano stati recitati per ottenere l’aiuto divino. La vittoria venne comunicata “in tempo reale”: Pio V ebbe, infatti, una visione, dove vide cori di Angeli intorno al trono della Beata Vergine che teneva in braccio il Bambino Gesù e in mano la Corona del Rosario. Dopo l’evento prodigioso – era mezzogiorno – il Papa diede ordine che tutte le campane di Roma suonassero a festa e da quel giorno viene recitato l’Angelus a quell’ora. Due giorni dopo un messaggero portò la notizia dell’avvenuto trionfo delle forze cristiane. Il 7 ottobre del 1571 venne celebrato il primo anniversario della vittoria di Lepanto con l’istituzione della «Festa di Santa Maria della Vittoria», successivamente trasformata nella «Festa del Santissimo Rosario».

San Pio V nella sua vita non cercò mai altri interessi che quelli del Regno di Dio e prima di spirare dichiarò ai cardinali, radunati intorno al suo letto: «Vi raccomando la santa Chiesa che ho tanto amato! Cercate di eleggermi un successore zelante, che cerchi soltanto la gloria del Signore, che non abbia altri interessi quaggiù che l’onore della Sede Apostolica e il bene della cristianità».

Autore: Cristina Siccardi

San Pío V, por Pedro de Ávila (1678-1742); capilla y retablo dedicados en la iglesia de San Pablo, Valladolid.


Tra le più grandi glorie del Piemonte rifulge il grande pontefice San Pio V, al secolo Antonio Michele Ghisleri, nativo di Bosco Marengo (Alessandria) ove vide la luce il 27 gennaio 1504 da una nobile famiglia. Per sopravvivere fece il pastore, finché all’età di quattordici anni entrò tra i Domenicani di Voghera. Nel 1519 professò i voti solenni a Vigevano, poi completò gli studi presso l’università di Bologna e nel 1528 ricevette l’ordinazione presbiterale a Genova. Per ben sedici anni insegnò filosofia e teologia e successivamente fu priore nei conventi di Vigevano e di Alba, rigorosissimo con sé stesso e con i confratelli nell’osservanza religiosa. Nominato poi inquisitore a Como, spiegò ogni sua forza per arrestare le dottrine protestanti che segretamente venivano introdotte in Lombardia. Il suo intelligente vigore non tardò ad attirare l’attenzione del cardinale Giampietro Carata, che ottenne la sua nomina a commissario generale del Sant’Uffizio. Quando egli divenne papa col nome di Paolo IV, elesse il Ghisleri prima vescovo di Sutri e Nepi, ed in seguito cardinale nel 1557, con l’incarico di inquisitore generale di tutta la cristianità.

Dopo l’elezione di Pio IV, nel 1560 il Cardinal Ghisleri fu nominato vescovo di Mondovì, ma ben presto dovette far ritorno a Roma per occuparsi di otto vescovi francesi accusati di eresia. Non ebbe rapporti assai cordiali con il nuovo papa, del quale disapprovava con rude indipendenza l’indirizzo mondano e nepotista.
Alla sua morte, proprio Ghisleri fu chiamato a succedergli, per suggerimento di San Carlo Borromeo, nipote del papa defunto. Il giorno dell’incoronazione, anziché far gettare monete al popolo come consuetudine, in novello Pio V preferì soccorrere a domicilio molti bisognosi della città di Roma. Anche da papa continuò a vestire il bianco saio domenicano, a riposare sopra un pagliericcio, a cibarsi di legumi e frutta, dedicando l’intera sua giornata al lavoro e alla preghiera.

Poi V godette subito dell’ammirazione e del rispetto di tutti per la pietà, l’austerità e l’amore per la giustizia. Ritenendo opportuna i cardinali la presenza di un nipote del papa nel collegio dei Principi della Chiesa, convinsero il pontefice a conferire la porpora al domenicano Michele Bonelli, figlio di sua sorella, affinché lo aiutasse nel disbrigo degli affari. A un figlio di suo fratello concesse l’ingresso nella milizia pontificia, ma lo cacciò dal territorio dello Stato non appena seppe che coltivava illeciti amori. Colpì inoltre senza pietà gli abusi della corte pontificia, dimezzando le inutili bocche da sfamare e nominando un’apposita commissione per vigilare sulla cultura ed i costumi del clero, che a quel tempo lasciavano molto a desiderare.
Nell’attuazione delle disposizioni impartite dal Concilio di Trento fu coadiuvato da Monsignor Niccolò Ornamelo, già braccio destro di San Carlo a Milano. Ai sacerdoti vennero interdetti la simonia, gli spettacoli, i giochi, i banchetti pubblici e l’accesso alle taverne. Ai vescovi fu imposto un previo esame di accertamento circa la loro idoneità, la residenza, pena la privazione del loro titolo, la fondazione dei seminari e l’erezione delle cosiddette Confraternite di catechismo.

Nella curia Pio V organizzò la Penitenzieria, creò la Congregazione dell’Indice per l’esame dei libri contrari alla fede, intervenne personalmente alle sessioni del Tribunale dell’Inquisizione e talvolta concesse udienza al popolo per ben dieci ore consecutive. Le sue maggiori attenzioni erano rivolte ai poveri che ascoltava pazientemente e confortava anche con aiuti pecuniari. Il papa era compiaciuto di poter partecipare alle manifestazioni pubbliche della fede nonostante le torture della calcolosi, di far visita agli ospedali, di curare egli stesso i malati e di esortarli alla rassegnazione. Suggerì ai Fatebenefratelli di aprire un nuovo ospizio a Roma. Durante la carestia del 1566 e le epidemie che seguirono, fece distribuire ai bisognosi somme considerevoli ed organizzare i servizi sanitari. Al fine di reperire le ingenti somme necessarie, provvedette a sopprimere qualsiasi spesa superflua, addirittura facendo adattare alla sua statura gli abiti dei suoi predecessori. Con una simile austerità di vita il papa riuscì nonostante tutto ad imporsi sugli avversari e ad indurre gli altri prelati e dignitari della curia romana ad un maggiore spirito di devozione e penitenza.

Per l’uniformità dell’insegnamento, secondo le indicazioni del Concilio Tridentino, che aveva richiesto fosse redatto un testo chiaro e completo della dottrina cristiana, Pio V ne affidò la redazione a tre domenicani e lo pubblicò nel 1566. L’anno seguente proclamò San Tommaso d’Aquino “Dottore della Chiesa”, obbligando le Università allo studio della Somma Teologica e facendo stampare nel 1570 un’edizione completa e accurata di tutte le opere teologiche del santo. In campo liturgico si deve alla lungimiranza di questo pontefice la pubblicazione del nuovo Breviario e del nuovo Messale, cioè il celebre rito della Messa ancor oggi conosciuto proprio con il nome di San Pio V. In ambito musicale inoltre nominò il Palestrina maestro della cappella pontificia. Suo merito fu anche quello di promuovere l’attività missionaria con l’invio di religiosi nelle “Indie orientali e occidentali” ed un pressante invito agli spagnoli a non scandalizzare gli indigeni nelle loro colonie.

Al fine di contrastare l’immoralità dilagante fra il popolo romano, il pontefice punì l’accattonaggio e la bestemmia, vietò il combattimento di tori ed i festeggiamenti carnevaleschi, espulse da Roma parecchie cortigiane. Per sottrarre i cattolici alle usure degli ebrei favorì i cosiddetti Monti di Pietà, relegando gli ebrei in appositi quartieri della città. Pur non avendo una particolare attitudine per l’amministrazione dello stato, non trascurò il benessere dei suoi sudditi costruendo nuove strade ed acquedotti, favorendo l’agricoltura con bonifiche, adeguando le fortezze di difesa e curando assai gli ospedali. Contemporaneamente al lavoro di pubblica amministrazione, Pio V agiva con grande energia sul fronte della difesa della purezza della fede: sotto il suo pontificio infatti Antonio Paleario e Pietro Carnesecchi, già protonotari apostolici, subirono l’estremo supplizio per aver aderito al protestantesimo e gli Umiliati furono soppressi, poiché a Milano avversavano le riforme operate dal Borromeo. Inoltre scomunicò e “depose” la regina Elisabetta I d’Inghilterra, rea della morte della cugina Maria Stuart e di aver così aggravato l’oppressione dei cattolici inglesi.
Inviò in Germania come legato pontificio Gian Francesco Commendone, tentando di impedire che l’imperatore Massimiliano II potesse sottrarsi alla giurisdizione della Santa Sede. Inviò in Francia proprie milizie contro gli Ugonotti tollerati dalla regina Caterina de’ Medici. Il re spagnolo Filippo II fu esortato da Pio V a reprimere il fanatismo anabattista nei Paesi Bassi. Michele Baio, professore all’Università di Lovanio e precursore del giansenismo, meritò la condanna delle proprie tesi eretiche. San Pietro Canisio, su incarico papale, confutò le Centurie di Magdeburgo, prima tendenziosa storia ecclesiastica redatta dai protestanti.

Ma l’episodio più celebre della vita di questo grande pontefice, unico piemontese ad essere stato elevato al soglio di Pietro in duemila anni di cristianesimo, è sicuramente il suo intervento in favore della battaglia di Lepanto. Per stornare infatti la perpetua minaccia che i Turchi costituivano contro il mondo cristiano, il santo papa s’impegnò tenacemente per organizzare un lega di principi, in particolare dopo la presa di Famagosta eroicamente difesa dal veneziano Marcantonio Bragadin nel 1571 che, dopo la resa, fu scuoiato vivo. Alle flotte pontificie si unirono quelle spagnole e veneziane, sotto il supremo comando di Don Giovanni d’Austria, figlio naturale dell’imperatore Carlo V. Il fatale scontro con i Turchi, allora all’apogeo della loro potenza, avvenne il 7 ottobre 1571 nel golfo di Lepanto, durò da mezzodì sino alle cinque pomeridiane e terminò con la vittoria dei cristiani. Alla stessa ora Pio V, preso da altri impegni, improvvisamente si affacciò alla finestra, rimase alcuni istanti in estasi con lo sguardo rivolto ad oriente, ed infine esclamò: “Non occupiamoci più di affari. Andiamo a ringraziare Dio perché la flotta veneziana ha riportato vittoria”. A ricordo del felice avvenimento che cambiò il corso della storia, fu introdotta la festa liturgica del Santo Rosario, al 7 ottobre, preghiera alla quale sarebbe stata attribuita dal papa la vittoria. Il senato veneto infatti fece dipingere la scena della battaglia nella sala delle adunanze con la scritta: “Non la forza, non le armi, non i comandanti, ma il Rosario di Maria ci ha resi vittoriosi!”.

Pio V era però ormai spossato da una malattia, l’ipertrofia prostatica, di cui per pudicizia preferì non essere operato. Radunati i cardinali attorno al suo letto di morte, rivolse loro alcune raccomandazioni: “Vi raccomando la santa Chiesa che ho tanto amato! Cercate di eleggermi un successore zelante, che cerchi soltanto la gloria del Signore, che non abbia altri interessi quaggiù che l’onore della Sede Apostolica e il bene della cristianità”. Spirò così il 1° maggio 1572. La sua salma riposa ancora oggi nella patriarcale basilica di Santa Maria Maggiore in Roma. Papa Clemente X beatificò il suo predecessore cent’anni dopo, il 27 aprile 1672, e solo Clemente XI lo canonizzò poi il 22 maggio 1712.

Autore:
Fabio Arduino



Pietro Papaleo (Italy, 1642-1718. Saint Pie V Ghislieri, circa 1712, Los Angeles County Museum of Art  

Pio V, santo

Antonio Ghislieri nacque a Bosco (oggi Bosco Marengo, Alessandria), diocesi di Tortona, nel Ducato di Milano, il 17 gennaio 1504 da Paolo e Domenica Augeria. La famiglia, presente nell'area fin dal XIV secolo, era di modesta estrazione sociale. Dopo i primi studi nel paese natale, Ghislieri entrò a quattordici anni nel convento domenicano di S. Maria della Pietà a Voghera, facente parte della Congregazione riformata di Lombardia, dove assunse il nome di Michele. Trascorse l'anno di noviziato nel convento di S. Pietro Martire a Vigevano e il 18 maggio 1521 pronunciò i voti. Presso lo "Studium" conventuale Ghislieri compì la sua formazione e nel 1528 a Genova ricevette l'ordinazione sacerdotale. Secondo tutti i biografi, avrebbe frequentato lo "Studium" generale domenicano di Bologna prima di questo evento; tuttavia T. Porcacchi, il più antico estensore di una Vita del pontefice, posticipa l'ascrizione allo Studio felsineo e un documento settecentesco la data al 20 dicembre 1529. Una solida preparazione teologica rigidamente tomista e l'assenza, di contro, di una cultura giuridica e letteraria costituirono il bagaglio teorico e intellettuale del domenicano. Lettore di teologia, negli anni Trenta del secolo Ghislieri insegnò in alcuni conventi dell'Ordine, tra cui sicuramente quello di S. Tommaso a Pavia. In questo e nel successivo decennio rivestì le cariche di procuratore e poi di priore nel convento di Vigevano; detenne il priorato anche a Soncino (dove, tuttavia, non portò a termine il mandato), ad Alba e, una seconda volta, a Vigevano. Secondo G. Catena, ad Alba Ghislieri accettò contro il proprio volere la cura del monastero femminile di S. Maria Maddalena e, per Maffei, ne difese l'edificio durante un saccheggio da identificare, probabilmente, con quello compiuto dalle truppe francesi nel 1537. Sempre Catena tramanda che Ghislieri predicò in diverse Quaresime e che in alcuni Capitoli provinciali dell'Ordine fu nominato giudice per dirimere le controversie. Durante la permanenza a Pavia o a Vigevano, fu confessore del governatore di Milano A. d'Avalos, marchese del Vasto (il quale spirò nel 1546). Nel luglio 1539 Ghislieri fu temporaneamente assegnato al convento di S. Secondo sull'isola veneziana di Sant'Erasmo e il motivo del trasferimento deve verosimilmente essere collegato all'incendio che solo un mese prima aveva distrutto gli edifici conventuali e alle operazioni di ricostruzione. Di dubbio fondamento è la notizia, riportata da Porcacchi, che Ghislieri sia stato chiamato alla carica di definitore in un Capitolo della "Provincia utriusque Lombardia" tenutosi a Roma: fu piuttosto il suo superiore a Pavia, Sante da Mantova, a partecipare con tale qualifica all'assise generale riunita a Roma nel 1542. Egli, l'11 ottobre di quell'anno, nominò Ghislieri commissario e vicario inquisitoriale per la città e la diocesi di Pavia, assegnando così al domenicano le prime responsabilità in un ambito della vita ecclesiastica e religiosa che ne avrebbe segnato l'esistenza, fino a confondersi con essa, e sarebbe stato determinante per l'ascesa nella gerarchia dell'Ordine e della Chiesa. Nel 1543, a Parma, in S. Pietro Martire, Ghislieri pronunciò le conclusioni pubbliche del Capitolo provinciale. In tale occasione - secondo quanto ricorda Catena - sostenne trentasei tesi, la maggior parte delle quali riguardò la confutazione delle dottrine riformate e la difesa della Chiesa, in perfetta aderenza alle direttive impartite nel marzo precedente da Paolo III, il quale, in vista delle assemblee periferiche di alcuni Ordini regolari, tra cui i Domenicani, aveva intimato di provvedere all'estirpazione della "eresia luterana". Nel 1550 il Capitolo provinciale riunito a Cesena nominò Ghislieri inquisitore a Como. Il domenicano subentrava al confratello A. Vacanni, il quale, a partire dal 1549, era stato protagonista di un acceso conflitto con la cittadinanza e con il Capitolo del duomo. Inseritosi in una situazione esasperata, Ghislieri rifiutò di sottostare alla volontà dei canonici e si ritrasse da ogni impegno che fosse di vincolo alla sua azione, ignorando le disposizioni emanate l'anno prima dalla comunità cittadina e confermate dal governatore di Milano, F. Gonzaga, sulla conduzione dei processi d'Inquisizione. Non mancarono, di riflesso, gli episodi di ostruzionismo, tra i quali si potrebbe annoverare l'opposizione dei canonici al sequestro, ordinato da Ghislieri, di dodici casse di libri eretici provenienti da Poschiavo e destinate ad alcune località di rilievo nella geografia ereticale. Il fatto, tramandato da Catena con riferimenti fortemente simbolici alla futura azione inquisitoriale del frate, è privo, comunque, della conferma di fonti documentarie contemporanee. Il domenicano si rivolse direttamente al Sant'Uffizio e, alla metà di luglio del 1550, alcuni membri del Capitolo furono citati come sospetti di eresia. Ghislieri, dunque, si era fatto portavoce di un doppio principio: l'autorità esclusiva del papa in materia di fede e nella persecuzione dell'eterodossia, da cui discendeva direttamente quella dell'inquisitore, e l'identificazione tra l'eretico e chi ostacolava l'opera dell'Inquisizione. All'inizio di ottobre, Gonzaga - che riteneva "che la cosa in sé fusse di puoco momento et procedesse più presto per garra, quale è fra esso inquisitore et li canonici, cha che gli fusse fondamento di heresia" (F. Chabod, p. 434) - ordinò a Ghislieri, per il tramite del podestà di Como, di presentarsi in Consiglio segreto tre giorni più tardi, ma sul momento rifiutò d'incontrare il frate. Sotto la pressione di alcune manifestazioni di violenza e informato di un possibile arresto da parte del governatore, Ghislieri lasciò Como con la protezione di B. Odescalchi, informatore laico dell'Inquisizione. In novembre, Ghislieri si recò a Bergamo su incarico del papa e dei cardinali inquisitori per raccogliere informazioni sul vescovo V. Soranzo che, in agosto, era stato oggetto di esplicite accuse di eresia. La notizia dell'inchiesta esasperò gli animi e culminò, anche in questo caso, in un'azione dimostrativa: il 5 dicembre 1550 il convento domenicano di S. Stefano, residenza dell'inquisitore e luogo di detenzione degli imputati, fu preso d'assalto. Ghislieri si mise in salvo con l'aiuto del conte G.G. Albani, si diresse alla volta di Roma, dove arrivò, secondo la tradizione, la vigilia di Natale, e consegnò ai cardinali del Sant'Uffizio l'incartamento relativo al vescovo che al momento della fuga aveva affidato al francescano A. Glianio. A Bergamo, il domenicano aveva condotto anche il procedimento contro il presunto eretico G. Medolago - un'esperienza che, per l'ambasciatore veneziano a Roma P. Tiepolo, avrebbe contribuito a segnare in negativo i rapporti tra Ghislieri, ormai pontefice, e la Repubblica di Venezia, ma di cui, però, la scarsità documentaria impedisce la datazione precisa. Arrestato dopo una prima condanna risalente al 1537, cui era sfuggito col concorso di familiari e amici riparando a Venezia, Medolago non abiurò davanti a Ghislieri e, ancora una volta, riuscì a sottrarsi, per breve tempo, alla detenzione, cosicché il domenicano dovette accontentarsi della solenne confessione dei responsabili della fuga. Il biografo Catena racconta anche che nel corso del 1550 Ghislieri si sarebbe recato a Coira su incarico dell'Inquisizione romana per appurare la fondatezza delle accuse di eresia mosse dall'arciprete di Sondrio B. von Salis contro il vescovo Th. Planta e che avrebbe dimostrato l'indegnità del prelato. Eletto alla fine del 1548, questi nella primavera del 1550 aveva ottenuto l'approvazione papale, ma venne effettivamente accusato di comportamenti eterodossi e di avere abbracciato le idee riformate. Giulio III fu indotto, pertanto, a inviare in Valtellina un emissario dell'Inquisizione. Secondo un decreto del Sant'Uffizio, il 15 aprile Antonino da Lenno fu incaricato di esaminare i testi contro il vescovo: potrebbe essere, dunque, costui, piuttosto che Ghislieri, che non è menzionato da alcuna fonte o ricostruzione storica indipendente da Catena, l'anonimo inquisitore domenicano residente a Morbegno di cui alla fine di agosto Planta neutralizzò l'indagine attraverso un formale divieto dei Grigioni. Il 24 marzo 1551 Soranzo fu arrestato dopo una seduta dell'Inquisizione. I cardinali del Sant'Uffizio avevano nei suoi confronti le idee molto chiare: "et pensano che lui sia un capo dal qual se habbi a nominar molti complici, et credono torgli il vescovado" (P. Paschini, Venezia, p. 75). In aprile Ghislieri tornò a Bergamo dove raccolse ulteriori testimonianze, sequestrò due casse di libri nella residenza di campagna della mensa episcopale e dallo studio del prelato prelevò tutti i documenti che giudicò di rilievo. Le autorità veneziane reagirono con sdegno a un'iniziativa intrapresa "senza farne intendere cosa alcuna né a noi né alli nostri Rettori" e per il "proceder suo molto sinistro et alieno da ogni termine di giustitia et honestà" (L. Chiodi, p. 472). Prima del 22 maggio, tuttavia, silenziosamente come era arrivato, Ghislieri lasciò la città e si portò a Roma. Le ottime capacità investigative e le grandi doti di tenacia e determinazione conquistarono la stima del cardinale G.P. Carafa, il quale, respinte tutte le proposte avanzate dal generale dei Domenicani, F. Romeo, suggerì a Giulio III di sostituire il defunto commissario generale dell'Inquisizione T. Scullica con Ghislieri. Il 3 giugno 1551 il papa sancì la nomina e il 9 il frate prese parte alla sua prima seduta del Sant'Uffizio. Il nuovo incarico gli consentì di svolgere un ruolo attivo nel prosieguo della causa contro il vescovo di Bergamo e nel grande castello accusatorio che il cardinale Carafa, fin dal pontificato di Paolo III, stava costruendo in modo segreto contro i cardinali R. Pole e G. Morone, contro diversi vescovi e prelati (Soranzo, appunto, P.A. di CapuaG. Grimani) e contro altri personaggi, come il protonotario fiorentino P. Carnesecchi. Sospettati di aver abbracciato le idee eterodosse diffuse di J. de Valdés e di avere contatti con individui dal profilo dottrinale luterano, costoro erano sostenitori di una visione radicalmente diversa da quella di Carafa anche per quanto riguardava le riforme ecclesiastiche, il sistema delle alleanze politiche e l'atteggiamento nei confronti dell'eresia. Nel 1552 Ghislieri assistette in qualità di commissario generale ad alcuni interrogatori su Morone, Soranzo, Carnesecchi e la loro cerchia e prese in consegna le lettere dell'eretico abiurato e delatore G.B. Scotti. Ghislieri condivideva evidentemente i convincimenti del cardinale napoletano e ne aveva fatto propri gli obiettivi assumendo una posizione diversa da quella degli altri membri domenicani del Sant'Uffizio. Dall'interno dell'Ordine, infatti, s'informò Giulio III delle indagini segrete e il papa, che già nel 1551 aveva annullato con una decisione politica i provvedimenti contro Soranzo e Planta, le interruppe, recuperò gli incartamenti attraverso F. Romeo, il vicario S. Usodimare e il maestro del Sacro Palazzo G. Muzzarelli e sottopose alla propria autorizzazione tutti gli atti contro cardinali e vescovi. Ma diverse testimonianze contro Morone e gli altri inquisiti rimasero nelle mani di Carafa e nel 1553 Ghislieri raccolse nuove prove. Nel 1554, poi, quando Giulio III concesse a Soranzo di rientrare in possesso del vescovato, l'inquisitore di Bergamo fra Adelasio e Ghislieri accusarono il vicario G. Agosti, il quale due anni più tardi subì un forzato allontanamento. Fin dall'inizio Ghislieri si distinse per essere l'elemento più esigente del Sant'Uffizio e quello meno disposto ad assumere un atteggiamento duttile verso l'autorità civile come metteva in luce nel febbraio 1552 il nunzio L. Beccadelli, scrivendo al cardinale inquisitore M. Cervini in risposta alle accuse di tepidezza mosse contro l'Inquisizione veneziana: "ho avuto [...] lettere [...] del commissario fra' Michele, alle quali io cerco di satisfare quanto posso. E perché qualche volta o il commissario [o] questi suoi rispondenti di qua hanno le voglie ardenti che non si ponno così eseguire, io non vorrei, con non piacere a loro, far danno a me" (P. Paschini, Venezia, p. 93). Quale fosse, d'altronde, l'immagine che il domenicano aveva del proprio compito, lo rivela egli stesso nelle lettere indirizzate agli inquisitori locali: al genovese G. Franchi, ad esempio, scrisse nel 1556 "che chi vol servire a Dio in questo santo offitio non convien temere minaccie ma haver sol'Iddio, la verità et la giustitia davanti agl'occhi" (Genova, Biblioteca Universitaria, E.VII.15, c. 67). Con l'ascesa al soglio pontificio, nel maggio 1555, di Paolo IV Carafa, Ghislieri acquisì rapidamente crescenti responsabilità, segno del rapporto privilegiato che si era stabilito tra i due uomini non solo per l'appartenenza del domenicano alla "familia" del cardinale napoletano, ma anche per l'intensa frequentazione e le lunghe, esclusive conversazioni in cui si erano sempre intrattenuti. L'attività del Sant'Uffizio ricevette un nuovo impulso e dal giugno ripresero segretamente le indagini contro il cardinale Morone. Il 1° settembre Ghislieri e l'assessore G.B. Bizzoni furono investiti dei medesimi poteri riservati dei cardinali in materia d'Inquisizione e ottennero la facoltà di agire contro qualunque ecclesiastico e di ordinare la tortura dei rei, dei complici e dei testimoni. Ghislieri fu anche chiamato a presiedere la commissione di soli membri dell'Inquisizione che il papa incaricò di preparare l'Indice dei libri proibiti. Due anni più tardi, il catalogo fu presentato al pontefice in una versione a stampa, ma non ricevette l'approvazione, perché, malgrado la condanna comminata in modo indiscriminato ai testi editi da stampatori riformati, la selezione non fu ritenuta adeguata ai parametri di severità intesi dal papa. Ghislieri aveva enunciato il limite che, a suo avviso, era invece opportuno non oltrepassare in una lettera che L. von Pastor data al giugno 1557: "Di prohibire Orlando, Orlandino, Cento novelle et simili altri libri, più presto daressimo da ridere ch'altrimente, perché simili libri non si leggono come cose a qual si habbi da credere, ma come fabule et come si legono ancor molti libri de gentili, come Luciano, Lucretio et altri simili; nondimeno, se ne parla a la congregatione de theologi, et poi a sua santità et alli reverendissimi" (ibid., c. 76v). L'Indice del 1557 è, comunque, un testo estremamente significativo, perché esito di una riflessione tutta interna al Sant'Uffizio sulla censura e sull'organizzazione del controllo e della repressione, di cui furono incaricati, non a caso, gli inquisitori locali. Il 20 gennaio 1556 Ghislieri prese parte alla seduta d'insediamento della commissione per la riforma generale della Curia, che, nelle intenzioni del papa, avrebbe dovuto costituire una sorta di concilio generale e partecipò ai lavori nella sezione teologica insieme al gesuita D. Laínez, al francescano F. Peretti (v. Sisto V) e al cardinale C. Carafa. Fu comunque un'esperienza di breve durata, che Paolo IV aveva concepito in modo strumentale alla politica estera e che fu rapidamente accantonata a vantaggio, dall'autunno successivo, di un organo dalle dimensioni ridotte e composto di soli membri dell'Inquisizione, tra cui naturalmente Ghislieri. Il 4 settembre egli fu nominato vescovo di Nepi e Sutri, quindi prefetto del palazzo dell'Inquisizione. Pochi mesi più tardi, il 15 marzo 1557, alla terza promozione, Ghislieri ricevette la porpora e Paolo IV gli assegnò la chiesa di S. Maria sopra Minerva, appositamente elevata a titolo cardinalizio, che in seguito, nel 1561, l'Alessandrino - come venne soprannominato - scambiò con S. Sabina. Alla fine di maggio del 1557 il cardinale Morone fu arrestato, contemporaneamente furono imprigionati i presuli G.T. Sanfelice e A. Centani; furono citati Soranzo, che non si mosse dal rifugio veneziano, il vescovo di Modena E. Foscarari e, alla fine di ottobre, P. Carnesecchi, il quale, accampando ragioni di salute, rifiutò a sua volta di lasciare Venezia. Nella causa contro il cardinale milanese, cui era stato assegnato insieme ai cardinali S. Rebiba, S. Reumano e V. Rosario, Ghislieri condusse personalmente l'esame del prelato. Queste iniziative nei confronti di personaggi dalla collocazione politica filoimperiale coincisero con il conflitto bellico tra Paolo IV e gli Asburgo. A tale riguardo, il cardinale prese le distanze dalle scelte del Carafa e "parlando col papa sopra le cose della pace, gli disse che non occoreva Giubileo per pregare per la pace, stando in sua mano il farla, dove Sua Santità gli rispose bruscamente scazziandoselo dinanzi con parole molto brutte, dicendogli 'frate sfratato lutherano'" (L. von Pastor, Storia dei papi, VI, p. 650). La concezione di Ghislieri dei fini cui improntare le relazioni con i principi stranieri e dei mezzi più appropriati si coglie con precisione nel contributo al dibattito sulla legittimità o meno dell'abdicazione di Carlo V e della successione del fratello Ferdinando al trono imperiale. Nel maggio del 1558 Ghislieri, che era stato nominato tra i cardinali e i canonisti incaricati di pronunciarsi in merito, si fece interprete, insieme a G. Sirleto, di una posizione in linea con l'ostilità papale agli Asburgo ma non priva di una consapevole duttilità. Egli, infatti, subordinava in modo rigoroso il riconoscimento pontificio e l'accettazione dell'ambasciatore incaricato di prestare obbedienza ad un radicale mutamento della politica religiosa dell'Impero che assicurasse il pieno sostegno alla causa cattolica e la lotta ai riformati. Se questo era, dunque, l'unico obiettivo che dovesse orientare le scelte politiche del sovrano-pontefice e, allo stesso tempo, la sola via attraverso cui un monarca potesse ottenere il favore del papa, il conflitto tra Stati cattolici non giovava che ai nemici della Chiesa. Proseguiva, frattanto, l'attività dell'Inquisizione. Nel 1558 Ghislieri diresse il processo postumo contro G. Savonarola voluto da Paolo IV. Si trattò di un'operazione complessa che Ghislieri condusse con discrezione e abilità impegnando l'Ordine domenicano al proprio fianco nella salvaguardia della figura del frate ferrarese e, contemporaneamente, nel sostegno al procedimento contro Morone. Non fu, tuttavia, questa un'occasione in cui Ghislieri assunse una posizione morbida sul piano dei principi, poiché la figura di Savonarola fu esaminata sotto il profilo meramente disciplinare e il cardinale osteggiò ogni tentativo di richiamare le ragioni dottrinali del frate, fossero pure fondate su indiscusse autorità: "et se san Bernardo dice questo, bisognia censurare ancora lui che non dice bene ogni cosa", ebbe infatti modo di replicare "quasi gridando" (M. Firpo-P. Simoncelli, p. 221). Sempre nel 1558 fu arrestato il vescovo G.F. Verdura, membro del gruppo valdesiano meridionale e già citato nel 1552. In aprile Soranzo fu condannato in contumacia e la sede episcopale bergamasca fu dichiarata vacante, ma la morte del presule, meno di un mese dopo, concluse l'annosa vicenda. In autunno giunse a Roma il domenicano E. Foscarari, che nel corso dell'anno aveva cercato di trasmettere a Morone carte che potessero scagionarlo, e fu citato il vescovo P.A. di Capua, che Giulio III aveva fatto liberare nel 1553 dopo la purgazione canonica. Il 14 dicembre 1558 il papa in Concistoro disse "che i luterani nimici della santa Chiesa crescono e che bisogna provederci et far un inquisitor generale con suprema facoltà" (M. Firpo-D. Marcatto, Il processo inquisitoriale del card. Giovanni Morone, V, p. 403) e nominò Ghislieri "ad vitam". Nel gennaio 1559 Foscarari fu arrestato e in aprile Carnesecchi, già dichiarato contumace, scomunicato e privato dei benefici ecclesiastici, fu condannato. In questa fase d'intensa attività, che divenne sempre più frenetica a mano a mano che le condizioni fisiche del papa peggioravano e appariva sempre più concreto il problema della elezione di un successore, Ghislieri svolse un ruolo di primo piano ovvero, come aveva scritto nel dicembre 1557 il residente fiorentino B. Gianfigliazzi a Carnesecchi, "fa el tutto" (Idd., I processi inquisitoriali di Pietro Carnesecchi, p. XVIII). L'esperienza del cardinale, infatti, facilitava uno sforzo investigativo orientato a definire la rete di rapporti degli inquisiti, più che le singole posizioni dottrinarie, secondo un'operazione ideologica che era "ripensamento del passato prossimo della Chiesa cattolica e conseguente, lucida volontà di una sua ricostruzione" (P. Simoncelli, Inquisizione romana, p. 70). Nell'agosto del 1559 Paolo IV morì e ancor prima che il papa esalasse l'ultimo respiro la folla prese d'assalto il palazzo dell'Inquisizione, saccheggiando e "portandone libbri, scritture et ogn'altra cosa" (R. Rezzaghi, p. 549), e liberò i prigionieri. Il cardinale Morone entrò in conclave il 4 settembre e il processo contro di lui fu bruciato con l'autorizzazione di Ghislieri, che anche durante la sede vacante restò in carica, a tutti gli effetti, come sommo inquisitore. Nel suo primo conclave Ghislieri aderì al partito dei Carafa, che intendeva essere un'alternativa agli schieramenti di parte francese e asburgica, e sostenne inizialmente il nipote del defunto papa, Antonio, quindi Giovan Angelo Medici, che fu eletto il 26 dicembre. Pio IV, figura politicamente gradita alla Spagna, ma non filoimperiale, era allineato, tuttavia, su posizioni distanti da quelle degli "intransigenti", che lo avevano votato seguendo le direttive di C. Carafa, tanto da essere incorso sotto Paolo IV in accuse di eresia. Il 1° gennaio 1560, su commissione del papa, Ghislieri pronunciò la pubblica assoluzione di E. Foscarari: fu il segnale che lo stile adottato dall'Inquisizione durante il precedente regno avrebbe dovuto essere moderato e che l'ambito d'azione si sarebbe limitato d'ora in avanti esclusivamente al foro interno (11 gennaio). A Ghislieri, confermato nel suo ruolo di inquisitore maggiore, Pio IV affiancò i cardinali F. Pacheco, G. Puteo, B. Scotti e R. Pio da Carpi. Fin dal gennaio, gli "Avvisi" rilevano il conflitto in atto tra Ghislieri e il pontefice: il cardinale, "caporale e spaventevole giudice de la Inquisitione, [...] hora da papa Pio intendendo che non vuole che in cause di religione si proceda per via di spioni né che si guarda certe cose minime, domandava licentia di ritirarsi à suoi bisogni per doi o tre mesi, poiché ad ogni modo per la Inquisitione poco doveva essere adoperato; il papa sorridendo rispose dargli volentieri licentia di ritirarsi e per tre mesi, e se gli piacesse, per sempre" (M. Firpo-D. Marcatto, I processi inquisitoriali di Pietro Carnesecchi, p. XLV). Il 6 marzo 1560 Ghislieri firmò la sentenza assolutoria del cardinale Morone e nei mesi successivi fu la volta di M. Galeota, di G.F. Verdura, di G.T. Sanfelice e di altri arrestati durante il precedente pontificato. Sempre in marzo Ghislieri e B. Scotti furono incaricati di compiere la revisione della Vulgata e il 27 marzo Pio IV conferì a Ghislieri il vescovato di Mondovì, preferendo il cardinale al candidato proposto dal duca Emanuele Filiberto. Nel rivolgersi per la prima volta al Capitolo, Ghislieri raccomandò di "invigilare et avvertire insieme col R.do Vicario nostro, dove si scuoprano persone infette o sospette nelle cose di santa Fede et Religione, pigliandone buona informatione con quella maggior diligenza, prudenza et destrezza che sia possibile [...]; et di quanto succedera me ne farete avvisato pienamente" (G. Grassi, p. 75, 11 luglio 1560). Tra la seconda metà del 1560 e la prima del 1561 si svolse il processo contro i nipoti di Paolo IV, occasione per liberare i rancori contro gli esiti rovinosi della politica estera antiasburgica del papa e contro i rigori dell'Inquisizione. Nella deposizione rilasciata ai cardinali, Ghislieri narrò di essere stato aggressivamente accusato da Paolo IV per avergli taciuto il comportamento dei congiunti, ma di aver respinto ogni responsabilità in quanto all'oscuro dei fatti. In tal modo, egli prese ad un tempo le distanze dai Carafa e da quanti, come il cardinale Rebiba, furono coinvolti nella loro caduta e non aggravò la situazione accusatoria dei processati. In luglio, fu aggregato al collegio giudicante per le accuse di eresia mosse contro C. Carafa. Nel maggio 1560, intanto, Ghislieri aveva cominciato una nuova istruttoria contro P. Carnesecchi: contrariamente alle aspettative dell'inquisito, con prolungati, metodici interrogatori il cardinale trasformò quella che avrebbe dovuto essere una mera formalità, a legittimazione della sentenza assolutoria voluta dal papa, nell'opera di ricostituzione del materiale documentario perduto nell'incendio del Sant'Uffizio. In novembre, Carnesecchi tentò di accelerare il procedimento proponendo a Pio IV, attraverso il duca Cosimo de' Medici, di far giudicare il suo caso da due cardinali, recusando, tuttavia, come pregiudizievoli R. Pio da Carpi e Ghislieri. Risaputosi ciò, quest'ultimo reagì con prontezza e costrinse il papa a rimangiarsi la promessa di presiedere egli stesso la causa del fiorentino. Dopo questo fatto Pio IV provvide a nominare tra gli inquisitori del Sant'Uffizio anche G. Seripando - il quale già in settembre aveva sostituito Ghislieri nella revisione della Bibbia - per bilanciare la profonda influenza del domenicano e neutralizzarne il rigido tomismo dottrinario. Nel febbraio 1561 l'ambasciatore veneziano da Mula, incaricato di esortare la concessione del pallio al patriarca di Aquileia G. Grimani, riferiva al Senato che il papa aveva dichiarato in toni drammatici la sua impotenza a riguardo ("S. Maria, ormai non potrete comprendere che abbiamo le mani legate [...] Dio volesse che ce lo lasciassero fare i cardinali, che lo faremmo volentieri"; P. Simoncelli, Inquisizione romana, p. 71 n. 203) e, per giustificare il rifiuto, aveva ordinato a Ghislieri di dare lettura dell'incartamento inquisitoriale relativo al prelato. La vicenda rivela il grande potere di selezione e orientamento che i cardinali inquisitori, e tra tutti Ghislieri, erano in grado di esercitare sulle nomine ecclesiastiche e sulla composizione della gerarchia e individua proprio nel controllo su questo ambito, che per il papa avrebbe dovuto essere fuori dagli obiettivi primari del Sant'Uffizio, il centro del conflitto tra Pio IV e l'istituzione. Il 4 giugno 1561 Pio IV decretò l'assoluzione di Carnesecchi e Ghislieri la proclamò, pur avendo desiderato l'abiura del protonotario e continuando a essere convinto della sua eterodossia. Poche settimane più tardi, il 29 giugno, il cardinale lasciò Roma per recarsi nella diocesi di Mondovì. Questa decisione, tuttavia, non si era resa opportuna solo in ragione degli eventi romani: il 5 giugno, infatti, Emanuele Filiberto aveva stipulato a sorpresa con i valdesi del Ducato l'accordo di Cavour e, pertanto, la visita assunse un carattere d'impellenza e un significato più ampio di quello che avrebbe avuto altrimenti. Come anticipava il cardinale C. Borromeo al nunzio sabaudo, infatti, Ghislieri avrebbe avuto, oltre che sulla propria diocesi, "una general sopraintendentia a quelle degli altri ancora in tutto cotesto stato" (Nunziature di Savoia, p. 67), e non solo per le questioni di eresia, alle quali era stato deputato con particolari facoltà in luglio. Ma, soprattutto, Ghislieri avrebbe dovuto indurre il duca a rompere l'accordo di giugno e a ritrattare alcuni decreti che sottraevano agli ecclesiastici la giurisdizione ordinaria e delegata. Giunto a Mondovì il 7 agosto, Ghislieri con grande rapidità ordinò la visita pastorale e la compì personalmente in alcuni luoghi. Dopo un primo incontro formale col duca, il cardinale gli si rivolse con una lettera per esortarlo a revocare l'editto sul foro competente, a soddisfare alcune pretensioni del vescovato monregalese e a corrispondere a una richiesta personale: "et poiché nella Diocesi mia ritrovo alcuni ministri secolari non molto affezionati alle cose cattoliche, et poco fidi nell'esecuzione del Sant'Officio, supplico Vostra Altezza Serenissima si degni farmi grazia d'uno dei suoi Bargelli, commettendoli ch'abbi ad eseguire, quanto da me gli sarà imposto nella Diocesi mia, et fuori della Diocesi ancora" (Lettera del cardinale, p. 255). Il silenzio del duca e la palese inanità dell'azione diplomatica indussero Ghislieri a rinunciare ad un prolungamento della visita; a metà ottobre, deluso al punto da meditare la rinuncia del vescovato a favore di F. Spinola, ripartì per Roma, dove giunse alla fine di novembre. In questa brevissima esperienza di governo episcopale diretto, dunque, Ghislieri agì a partire dal peculiare ruolo di inquisitore e fu dominato dalla preoccupazione di assicurare il pieno esercizio dell'attività del Sant'Uffizio, su cui si era attribuito fin dall'inizio del mandato l'esclusivo controllo. Negli anni seguenti, Ghislieri seguì e diresse le missioni dei padri gesuiti N. Bobadilla e C. Rodriguez tra i valdesi della Calabria e della Puglia. Fu l'occasione per confrontare ed esprimere due visioni divergenti del modo di condurre l'opera convertitrice, che Ghislieri intendeva rigorosa e mirata ("doppoi che noi haveremo usato la dolcezza, vedendo che non giovi, si usarà poi la severità, con l'esterminio di quella città et di tutta quella generatione"; M. Scaduto, p. 44, Ghislieri a C. Rodriguez, 8 settembre 1563), e della figura dell'inquisitore ("altro è la persona di confessore, altro è di giudice: il confessore crede tutto quello che li viene detto; il giudice ha sempre sospetto il reo della verità, et massime in hoc genere causarum"; ibid., p. 45). Anche a Trento, durante l'ultima fase del concilio, giungeva l'eco dell'attività dell'Inquisizione e della sorda prova di forza che Ghislieri aveva ingaggiato sul terreno delle scritture processuali con il cardinale Morone, capo della Legazione pontificia. Alla morte del cardinale Puteo, avvenuta nell'aprile 1563, Ghislieri fu informato della presenza degli atti relativi al procedimento contro il cardinale tra gli effetti personali del defunto e inviò a prelevarli l'assessore G.B. Bizzoni. In autunno, ogni tentativo di Morone di rientrare in possesso delle carte presentate a propria difesa, tra cui l'Apologia redatta durante la detenzione, fu destinato al fallimento. Ghislieri - come aveva previsto l'agente del cardinale - si giustificò con il papa dicendo che "le scritture stavano meglio ne l'ufficio de l'Inquisitione che in mano d'altri et che a nessun modo haveva pensato male di lei [Morone], perché essendogli amico et havendo sottoscritta la sententia, procurerebbe il dishonore proprio" (M. Firpo-D. Marcatto, Il processo inquisitoriale del card. Giovanni Morone, II, p. 149). Sempre in aprile furono citati otto vescovi francesi, tra cui J. de Monluc, F. de Noailles e A. Caracciolo, negoziatori col cardinale O. de Coligny detto di Châtillon al colloquio di Poissy, contro i quali l'Inquisizione aveva acquisito prove della fede ugonotta. Nel Concistoro del 22 ottobre Ghislieri affrontò apertamente la questione: lamentò la contumacia dei presuli, presentò le accuse e le testimonianze e chiese la condanna di Caracciolo, Monluc e L. d'Albret, eretici notori, e la sospensione ecclesiastica degli altri. Pio IV ordinò ai cardinali inquisitori di leggere l'incartamento e di decidere quali prelati dovessero essere trattati da eretici e quali da contumaci, quindi su istanza del fiscale pronunciò la sentenza, la cui promulgazione fu rimandata, tuttavia, al momento in cui i cardinali avessero valutato gli atti. Per quanto riguarda gli esiti del concilio, nel Concistoro del 26 gennaio 1564 Ghislieri e G.B. Cicada, unici tra i cardinali, sollevarono obiezioni alla ratifica dei decreti tridentini dato che, a loro avviso, il trasferimento ai vescovi della facoltà di assolvere in foro interno alcuni delitti contro la fede, altrimenti riservata al papa, costituiva una menomazione delle competenze dell'Inquisizione romana. Pio IV, tuttavia, considerò deleteria per l'autorità dell'assise conciliare e della Chiesa la messa in discussione o l'approvazione parziale dei decreti e procedette alla loro promulgazione. In questa fase del pontificato i rapporti tra Ghislieri e il papa raggiunsero il punto più negativo. Nella prima metà dell'anno il cardinale fu privato dell'alloggio in Vaticano. In giugno un decreto varato dagli inquisitori generali in una seduta in cui Ghislieri era assente per ragioni di salute gli riconobbe la facoltà di ordinare la carcerazione e di sbrigare la corrispondenza, purché rendesse conto alla prima occasione di quanto operato. Inoltre la composizione del Sant'Uffizio fu ritoccata, come già era avvenuto nell'ottobre 1562 e si sarebbe ripetuto nel 1565: alla fine di luglio l'ambasciatore veneziano G. Soranzo informava il Senato "che la somma dell'Inquisizione non è più in mano dell'ill.mo Alessandrino; ma sua Santità ha deputato sette cardinali con egual autorità" (P. Paschini, Venezia, p. 144). Segni dell'espansione e del riequilibrio delle forze all'interno dell'istituzione, ma anche della sua perdurante autorità, si riscontrano nella Congregazione deputata al concilio che Pio IV istituì il 2 agosto nominandovi otto cardinali, sette dei quali appartenevano all'Inquisizione, e tra essi naturalmente Ghislieri. Di fronte al marcato ridimensionamento di potere, Ghislieri stabilì di ritirarsi nella sua diocesi, ma la perdita, ad opera dei pirati, di tutto il mobilio spedito in Piemonte per mare e le condizioni fisiche estremamente precarie, tali da indurlo a predisporre il sepolcro in S. Maria sopra Minerva, lo convinsero a posticipare la visita alla fine dell'anno, quindi alla primavera successiva, e poi a rinunciarvi del tutto. Alla morte di Pio IV (9 dicembre 1565), il 20 dicembre si aprì il conclave. La candidatura del cardinale Morone cadde rapidamente ad opera di Ghislieri, il quale, secondo la prassi inaugurata da Carafa, si presentò in conclave con il processo contro il cardinale "che diceva di haver ivi in seno" e che "si tien per fermo che porti continuamente nella sacchozza" (M. Firpo, Inquisizione romana, p. 198). D'altronde, Morone aveva visto declinare fin dagli anni 1559-1560 a vantaggio di Ghislieri il favore di Filippo II, il quale autorizzò l'ambasciatore spagnolo L. de Requenses a individuare il candidato che rispondesse alle caratteristiche volute dal re e si affidò interamente al giudizio di C. Borromeo. Il cardinal nepote, fallite le candidature di A. FarneseG. Ricci e Sirleto, scelse Ghislieri tra quattro candidati proposti dal cardinale Farnese. Il sostegno della Spagna fu dunque determinante per il prevalere di Ghislieri, sebbene fosse stato più sfumato che in altre occasioni. Forse non fu ininfluente nella scelta anche la precaria salute dell'Alessandrino, che per tutto il primo anno del pontificato fu ritenuto prossimo alla morte. Il 7 gennaio 1566, a sessantadue anni circa, Ghislieri fu eletto papa e assunse il nome del predecessore in segno di omaggio al cardinale che ne aveva determinato l'ascesa al soglio pontificio. Il 17 gennaio P. fu incoronato e dieci giorni più tardi ebbe luogo la solenne cerimonia della presa di possesso. L'episodio più rimarcabile, oltre alla razionale e ordinata distribuzione di elemosine e all'inedito attraversamento del Campidoglio da parte del corteo, fu il lungo, inatteso colloquio che il papa intrattenne con F. Borgia, generale dei Gesuiti. Gli uomini di cui P. si circondò furono sperimentati compagni della sua attività nell'Inquisizione, come il segretario G. Rusticucci e il teatino M.A. Maffei, o uomini legati a Paolo IV, quali i cardinali S. Reumano, V. Vitelli, S. Rebiba e B. Scotti. Questi ultimi due, insieme a G.F. Gambara e a F. Pacheco, furono deputati all'Inquisizione, il cui organico fu ridimensionato in tal misura nel primo decreto varato dal papa il 17 gennaio. In questa fase di riassestamento degli equilibri concistoriali attorno al nuovo pontefice, l'apparente preponderanza di Reumano indusse Farnese ed altri membri del Collegio a chiedere la nomina di un cardinal nepote. Il 6 marzo P. chiamò a tale incarico il pronipote "ex sorore" Michele Bonelli, anch'egli domenicano, del tutto inesperto delle questioni di governo e per questo motivo fedele esecutore della volontà del papa, al quale avrebbe dovuto sottoporre tutti i suoi atti, pena la nullità. P., infatti, mostrò subito grande autonomia di giudizio e di azione: secondo Cusano, "si governava secondo le sue massime theologiche" (L. von Pastor, Storia dei papi, VIII, p. 44 n. 3). D'altro canto, la partenza per Milano di Borromeo, la morte alla fine di aprile di Reumano e il ritiro nell'ombra di Farnese e Vitelli lasciarono rapidamente il papa in grado di operare in completa libertà. Entro pochi mesi, la macchina di governo era organizzata in modo minuzioso e funzionava a pieno regime: la settimana era scandita dagli incontri delle Congregazioni del Concilio, degli Studi, della Riforma del breviario, dell'Inquisizione e della Riforma del clero, alle cui ultime due P. partecipava personalmente, così come aveva fatto Paolo IV. Nel novembre 1566 le responsabilità del papa in politica estera poterono usufruire della consulenza di Morone, Farnese, M.A. da Mula, A. de Granvelle e G.F. Commendone, nominati membri della Congregazione per i Principi. La politica adottata da P. nei confronti della capitale si propose di offrire un emblema dell'applicazione dei decreti tridentini e del buon governo del principe cristiano. Nel febbraio 1566 egli dette nuovo impulso alla visita apostolica che si protraeva da circa due anni: fu completato l'esame delle parrocchie e in estate il pontefice compì personalmente la visita di S. Pietro, S. Spirito, S. Giovanni e S. Maria Maggiore. Si trattò del primo passo verso una radicale trasformazione della vita civile e religiosa della città. N. Ormaneto, uomo formato alla scuola del vescovo G.M. Giberti e vicario di Borromeo, fu "chiamato dal papa, dicono, per riformar Roma et suo distretto et anco a settembrio per adoperarlo nel Concilio provinciale che vuol fare" (B.A.V., Urb. lat. 1040, c. 252). Egli, insieme a T. Orfini, A. Binarini e G. Oliva, portò a termine l'indagine dei monasteri femminili e, dal settembre 1566, intraprese una nuova revisione delle parrocchie. Inoltre il cardinale vicario G. Savelli emanò un importante provvedimento che regolava la vita dei preti (Edictum super reformatione cleri Urbis). In qualità di "riformatore", a partire da ottobre Ormaneto si occupò anche di dare seguito alla volontà papale di imporre una nuova rigidezza ai costumi dei cardinali e di quanti frequentavano i Palazzi Apostolici. Già nel suo primo Concistoro, il 23 gennaio, P. aveva ordinato che ogni prelato lasciasse Roma per andare a risiedere presso la propria chiesa e aveva espresso il desiderio che i cardinali vescovi vi si trattenessero per almeno sei mesi. Egli nel quotidiano intendeva restare fedele allo stile consueto, per cui, come aveva anticipato in una lettera di dieci anni prima, "qualunque penserà di viver meco fa bisogno che pensi di far vita religiosa, che altrimenti non lo vorria né per parente né per amico, se ben mi fosse fratello" (E. Motta, p. 362). Alla metà del 1567 fu ridimensionato l'organico della Corte col licenziamento di centocinquanta persone e si ridusse la spesa sulle regalie; i 1.000 scudi impiegati ogni anno per il banchetto d'anniversario dell'incoronazione furono destinati a monasteri; negli anni successivi analoghi provvedimenti interessarono le guardie svizzere e i benefici con obbligo di residenza dei cortigiani. Anche i costumi della cittadinanza furono improntati ad una nuova severità: dal 1566 si susseguirono l'ordine ai medici di sospendere le cure dei malati se costoro rifiutavano i sacramenti; l'editto contro il perturbamento del culto; ripetute prescrizioni suntuarie; l'espulsione di zingari e vagabondi; l'inasprimento delle pene per il reato di adulterio. Le prostitute, falliti i tentativi di convertirne la vita e di indurle al matrimonio, nell'agosto del 1568 furono relegate in un'area di residenza coatta detta l'Hortaccio. Queste misure si combinarono con interventi tesi a fornire un adeguato supporto umano e materiale alla loro riuscita e ad assicurare una più stretta partecipazione della popolazione ai sacramenti e alla vita cristiana. Nei confronti della povertà si prevedettero razionali distribuzioni di viveri e denaro, ma soprattutto si aiutarono con cospicue donazioni del papa o con la difesa delle proprietà alcune delle istituzioni deputate all'assistenza, come il Monte di Pietà e gli ospedali di S. Pietro e di S. Spirito. Nel 1567 Ormaneto, il cardinale Alciati e il gesuita Toledo furono incaricati di procedere all'esame di tutti i confessori delle chiese di Roma. Nel 1569 si costituì una nuova commissione di visitatori delle parrocchie, i cui membri furono scelti dalla Congregazione dell'Oratorio. Nel 1571 si stabilì anche a Roma la Confraternita della dottrina cristiana, che riuniva società dedite alla catechesi dei ragazzi. Questa politica s'impiantò sulla rimarcata distinzione tra cristiani ed ebrei: il 19 aprile 1566 P. aveva ripristinato le norme antigiudaiche di Paolo IV (Romanus pontifex); l'anno seguente gli ebrei furono privati del diritto di proprietà su qualunque bene acquisito durante il precedente pontificato e le conseguenti requisizioni andarono a beneficio della Casa dei catecumeni e del Monte di Pietà; anche il tasso d'interesse sul prestito ebraico fu abbassato, quindi eliminato del tutto e, infine, il 26 febbraio 1569 fu decretata l'espulsione delle comunità dallo Stato della Chiesa, con l'eccezione delle città di Roma, Ancona e Avignone (Hebreorum gens sola). L'ultimo mercoledì di ogni mese P. dava udienza per ascoltare le lamentele sull'amministrazione della giustizia e l'operato dei tribunali. A partire dal 1566 e per tutto il pontificato si lavorò alla riforma delle istituzioni giudiziarie e degli uffici di Curia, ma non si oltrepassò lo stadio del progetto. Piuttosto furono alcuni organi ecclesiastici ad essere oggetto di misure destinate ad eliminare gli abusi. La Dataria fu sottoposta alla direzione di Maffei, pur con il controllo dei cardinali Reumano, Rebiba e Scotti, e il papa nell'aprile 1567 si riappropriò del diritto di assegnare chiese e benefici, concesso dai suoi predecessori ai cardinali. La Penitenzieria, di cui durante il pontificato Medici Ghislieri era stato il secondo al vertice, fu abolita, poi riformata con competenze limitate al foro interno e alle dispense d'irregolarità matrimoniali non di natura occulta con due atti del 18 maggio 1569 (In omnibus rebus e Ut bonus). Il Sant'Uffizio, invece, fu favorito dal papa: nell'aprile 1566, le entrate furono rimpinguate con l'attribuzione delle rendite della tenuta di Conca nella Marittima, pari a 3.000 scudi secondo Porcacchi, e il mese successivo gli fu assegnato un palazzo del valore di 6.000 scudi, quale nuova sede, per la cui ristrutturazione s'impiegò la manodopera della Fabbrica di S. Pietro; in seguito la Congregazione beneficiò di altre entrate occasionali, come i beni confiscati al fiscale A. Pallantieri, e di una salina. La politica finanziaria di P. fu fortemente condizionata dagli esosi obiettivi religiosi e diplomatici del pontefice. Egli puntò alla crescita delle entrate con strumenti fiscali (imposizioni sul clero regolare e sui consumi, gabelle sul pane e sulla carne) o di altra natura (erezione di Monti, vendita di uffici) e al recupero delle rendite ecclesiastiche fruite da privati, ciò che si espresse soprattutto nell'importante bolla del 29 marzo 1567 (Admonet nos) che dichiarava l'inalienabilità delle terre di pertinenza della Chiesa e il divieto di infeudarle. Effetto non secondario della bolla fu la fine del periodo del cosiddetto "grande nepotismo" col quale ai parenti dei pontefici erano state devolute fino ad allora ampie giurisdizioni. Questi provvedimenti sono il tratto più marcato del governo dello Stato di P., che restò ambito marginale e sussidiario rispetto all'amministrazione di Roma e della Chiesa. In un quadro segnato dall'assenza di misure riguardanti l'apparato burocratico e dalla tolleranza delle autonomie locali e baronali, infatti, la bolla del 1567 appare un'iniziativa volta ad affermare i diritti della Chiesa, piuttosto che a realizzare mutamenti in senso centralizzatore della compagine statuale. L'attività benefica e il mecenatismo di P. furono coerenti con il programma di severo rinnovamento religioso. Per onorare Paolo IV Carafa incaricò Pirro Ligorio di innalzare un solenne monumento in S. Maria sopra Minerva e in tal modo tributò il proprio riconoscimento ad altre personalità ecclesiastiche, come i cardinali R. Pio da Carpi e A. Carafa, sicché l'ambasciatore veneto Tiepolo poté concludere nel 1569 che il papa "piglia tutto il suo piacere a fabbricar tumuli per questo e per quello" (Le relazioni degli ambasciatori veneti, p. 196). Tutte le statue dell'antichità classica furono eliminate dai palazzi papali; in Vaticano fece erigere solo la torre Pia, dotata di tre cappelle. Alcuni luoghi di culto romani conservano i suoi interventi: la Cappella Sistina e S. Giovanni in Laterano, dei quali fece restaurare il soffitto, S. Maria degli Angeli, S. Maria in Traspontina, SS. Domenico e Sisto, che fece costruire con l'annesso convento delle Domenicane. All'Istituto delle neofite delle Domenicane della Ss. Annunziata assegnò nel 1566 la chiesa di S. Basilio nel Foro di Augusto e il complesso che fece ristrutturare a sue spese. A livello urbanistico il papa provvide a far ripristinare l'acquedotto dell'Acqua Vergine e altre fonti di approvvigionamento idrico che servivano le aree più popolose e attive, come quella di piazza del Popolo e Campo Marzio. Ancor più emblematiche furono alcune delle imprese avviate fuori dello Stato pontificio. Nel paese natale P. fece costruire un convento che assegnò ai Frati Predicatori (1° agosto 1566); nella annessa chiesa, destinata ad accogliere le spoglie del pontefice, Vasari realizzò l'altare maggiore e un ignoto autore (probabilmente G. Buzi) il sepolcro. Nel gennaio 1567 il papa ideò la creazione di un collegio a Pavia dove ospitare giovani studenti; nel corso dell'anno furono acquistati alcuni stabili e il progetto fu affidato a P. Pellegrini, mentre il cardinale Borromeo avrebbe seguito i lavori; in novembre l'istituzione fu formalmente varata e si stabilì che avrebbe accolto per un periodo settennale di formazione ragazzi provenienti da Bosco, dal contado di Tortona e Alessandria, dalle diocesi di Vigevano, Alessandria e Pavia. Ad Assisi, infine, fu avviata la costruzione della basilica di S. Maria degli Angeli. Nei confronti dei familiari, che tenne sempre a distanza, si mantenne rigoroso, donando ai più stretti congiunti alcune modeste proprietà vincolate a fedecommessi e agevolando piuttosto attraverso il nipote la formazione dei più giovani presso il Collegio Germanico. A tal fine le rendite assai contenute di Bonelli furono accresciute e alla fine del 1568 il papa acconsentì a dargli il redditizio camerlengato, vacante per la morte del cardinale V. Vitelli. Tuttavia Bonelli dovette venderlo al cardinale Cornaro nel 1570 per contribuire alle spese della guerra contro i Turchi. Quanto stava realizzando in forme microcosmiche nella riforma della città di Roma, P. lo estese contemporaneamente a tutta la Chiesa. Fin dai primi momenti di regno, la volontà papale di dare compimento all'ideale tridentino fu comunicata con un'enciclica ai vescovi francesi e spagnoli e il testo conciliare fu inviato in MessicoGuatemalaHonduras e Venezuela insieme all'annuncio della sua elezione. L'attività pastorale fu attentamente seguita attraverso l'opera di appositi visitatori apostolici: nel 1566 T. Orfini, recandosi a prendere possesso del vescovato calabrese di Strongoli, ispezionò le chiese del Regno di Napoli e L. Marini, destinato alla sede episcopale di Alba, fece altrettanto lungo l'Italia centrosettentrionale. Nel 1569 il patriarcato di Aquileia fu percorso ed esaminato da B. di Porcia. Anche Oltralpe si procedette nello stesso modo: l'arcivescovo di Sorrento, G. Pavesi, nella primavera 1566 fu incaricato di indagare lo stato della Chiesa e del clero nei Paesi Bassi al fine di predisporre adeguate misure in difesa del cattolicesimo e contro il diffondersi dell'eresia e il legato G.F. Commendone nel 1569 visitò i conventi della Germania meridionale. Nelle due creazioni cardinalizie del marzo 1568 e del maggio 1570, pur seguendo anche logiche di opportunità politica, P. dette un esplicito riconoscimento a quelle che a suo avviso erano le forme d'impegno ideali in seno alla Chiesa: la scelta monastica e quella inquisitoriale. Nella prima creazione ottennero la porpora quattro prelati ovvero D. de Espinosa, primo ministro spagnolo; G. Souchier, generale dei Cistercensi; A. Carafa e G.P. della Chiesa; nella seconda i francesi Ch. d'Angennes de Rambouillet e N. de Pellevé; gli spagnoli G. de Zuñiga Avellaneda e G. Cervantes; il generale dei Domenicani V. Giustiniani; quello dei Teatini P. Burali e quello dei Francescani F. Peretti; G. Aldobrandini; il segretario del papa G. Rusticucci; M.A. Maffei; G.G. Albani, conosciuto a Bergamo nel lontano 1550; il domenicano A. Bianchi, "socius" dell'inquisitore Ghislieri fin dal 1551, confessore del papa, commissario generale dell'Inquisizione e prefetto della Congregazione dell'Indice; G.A. Santori, anch'egli operante nel Sant'Uffizio; C. de Grassis, governatore di Roma; P.D. Cesi; G. Acquaviva. La nomina di A. Carafa coronò la revisione del processo intentato da Pio IV, l'annullamento della sentenza il 26 settembre 1567 e la solenne riabilitazione dei Carafa nel Concistoro del 1° ottobre, con cui P. intese sancire il profondo legame spirituale con Paolo IV. Il controllo sul reclutamento del clero e delle gerarchie ecclesiali, presupposto del rinnovamento del corpo della Chiesa, fu assicurato, da un lato, con la crescita del numero dei seminari (Milano, Modena, VicenzaNola, Napoli, Avellino), dall'altro lato, con l'esame dei presuli italiani e con la creazione nel 1567 di una commissione, composta da M.A. Maffei, G.A. Santoro e Feruffina, incaricata di vagliare coloro che sarebbero stati proposti in Concistoro per un vescovado o un'abbazia. Nel 1572, infine, fu istituita la Congregazione dei Vescovi e Regolari, un organo centrale affidato ai cardinali L. Madruzzo, G.A. Santoro, P. Burali e G. Aldobrandini che assunse competenze prima riservate ai presuli. Nella selezione episcopale fu rispettata l'opzione prevalsa in quella cardinalizia, favorendo i Domenicani e gli inquisitori (ad es. T. Scotti, E. Locatelli, G. Boldrini e C. Campeggi, che per i meriti acquisiti nel processo mantovano a E. Calandra avrebbe avuto la sede di Nepi e Sutri, già di Ghislieri). P. procedette anche alla riforma del clero regolare secondo le rigorose indicazioni provenienti dalla riflessione curiale, risalente al Consilium de emendanda ecclesia (1537), e dal concilio di Trento. A partire dal novembre 1566 i rami conventuali degli Ordini mendicanti furono soppressi e riuniti agli Osservanti o ad un Ordine affine. A tutti il papa impose la clausura, l'ufficiatura corale, la professione solenne e nel rispetto dei limiti d'età, il divieto di risiedere fuori dal convento e quello di passare da un Ordine all'altro (Regularium personarum, 24 dicembre 1566) e sancì l'uso della forza per imporre la riforma (Cum sicut, 15 giugno 1567). Fu inasprita la clausura dei conventi con gravi conseguenze su alcune forme d'impegno devozionale, quale, ad esempio, quella ideata da Angela Merici. Nel dicembre 1569 l'abbazia di S. Croce a Fontavellana fu tolta agli Avellaniti e ceduta ai Camaldolesi e nel 1571 l'Ordine degli Umiliati, alcuni dei quali erano stati ritenuti responsabili di un attentato contro Borromeo, loro cardinale protettore e riformatore, fu soppresso. Furono, d'altro canto, promossi organismi di recente costituzione: i Barnabiti, di cui P. fin dal 1560 era stato il protettore e di cui aveva seguito le conferenze, furono istituiti in Congregazione di Chierici Regolari e altrettanto avvenne per i Fratelli della Misericordia. I Domenicani, che avevano ottenuto dal papa la precedenza su tutti gli altri Ordini mendicanti (27 agosto 1566), furono deputati a gestire la devozione del Rosario (29 giugno 1567). Importante fu anche l'opera di preparazione ed edizione dei testi liturgici. Nel 1566 P. incaricò Sirleto di correggere e preparare per la stampa il Catechismo romano, già approntato nel 1565 da una commissione presieduta da Borromeo. Il cardinale rivide il testo, in gran parte opera sua, con L. Marini e il maestro del Sacro Palazzo T. Manriquez e in settembre fu pubblicato, senza che fosse stato accolto l'unico suggerimento del papa, cioè la divisione in capitoli e parti. Nel 1568 uscì il Breviario e due anni più tardi il Messale. Nel 1566 il papa costituì una commissione per riesaminare il Corpus Iuris Canonici; nel 1569 fu la volta di una Congregazione per l'edizione della Bibbia. Nel marzo del 1571, dopo che nell'autunno precedente il pontefice aveva incaricato Manriquez di correggere alcune categorie di opere, fu istituita una Congregazione per la revisione dell'Indice del 1564, che, alla morte di P., il successore Gregorio XIII avrebbe reso formalmente stabile e a cui furono deputati i cardinali Souchier, Bianchi, Giustiniani e Peretti. Nell'aprile 1572 questo organo ripristinò l'Indice paolino, che il concilio di Trento aveva mitigato. Nel 1567 P. nominò Tommaso d'Aquino dottore della Chiesa e nel 1570 ne promosse personalmente l'edizione delle opere; i quattro dottori della Chiesa d'Oriente furono equiparati ai corrispettivi d'Occidente. Il 1° ottobre 1567 P. condannò (Ex omnibus afflictionibus) oltre settanta tesi contenute nelle opere del teologo e scritturista M. Baio (de Bay), pur senza nominare il professore della facoltà di Lovanio. Su consiglio del cardinale Granvelle, la bolla non fu pubblicata, ma comunicata all'interessato attraverso il vicario del cardinale, il quale doveva procedere con mitezza nell'esecuzione. Baio si sottomise, ma poco più di un anno dopo indirizzò al papa un'apologia difendendo, per la loro fedeltà al pensiero di s. Agostino, le sole trenta tesi che riconosceva come proprie. Nondimeno, il 13 maggio 1569 P. confermò la condanna e impose l'abiura. Baio, allora, basandosi sulla mancanza di punteggiatura del testo della bolla e sulle conseguenti interpretazioni della condanna, si appellò al fatto di non essere stato censurato per il senso letterale delle proposizioni, ma poi cedette. La vertenza, tuttavia, proseguì, poiché il teologo fu nominato decano nel 1570 e si scatenò la controversia, cui dette il suo contributo tra i polemisti contrari a Baio anche R. Bellarmino, sicché il duca d'Alba decise di rendere pubblica la bolla di condanna e di farla giurare da tutti i professori della facoltà. L'opera di evangelizzazione delle aree extraeuropee ricevette un grande impulso soprattutto attraverso il fecondo rapporto tra P. e il generale della Compagnia di Gesù F. Borgia, che fin dall'inizio del regno si prestò ad affiancare il pontefice nell'organizzare e coordinare l'intensa attività. Nel corso del 1566 diversi gruppi di Gesuiti ricevettero la benedizione papale al momento della loro partenza per le missioni in Germania, Francia (dove nel 1568-1570 fu attivo A. Possevino) e altri paesi dell'Europa, nelle Indie Occidentali, dove si recavano per espressa volontà di Filippo II, e in Estremo Oriente. Risale a questo periodo la disposizione, comunicata a Borgia e da questi ai missionari delle Molucche, che condensa la posizione di P. sulle modalità di espansione del cattolicesimo: era opportuno battezzare solo coloro che si sarebbero potuti conservare alla religione cattolica, quindi rafforzarne la fede e poi procedere ad altre conversioni. In una fitta serie di messaggi rivolti alle autorità coloniali e allo stesso sovrano spagnolo, il papa completava il suo pensiero e definiva le responsabilità: il comportamento dei cattolici sarebbe stato per gli indigeni il modello concreto della vita cristiana, lo specchio dell'insegnamento dei missionari e pertanto avrebbe dovuto essere rigoroso ed esemplare, a livello sia individuale sia collettivo. D'altronde, per il pontefice "che si attenda alla conversione dell'infedeli" era "il fine per la quale fu a i re cattolici di Spagna concessa la conquista di quei paesi" (L. Lopetegui, p. 20). Nel maggio 1568, per il tramite del cardinale A. Crivelli, fece sapere a Borgia che avrebbe desiderato inviare nelle Indie Orientali e Occidentali alcuni membri della Compagnia quali visitatori del papa; dopo aver interpellato l'ambasciatore portoghese, fu deciso, comunque, di deputare per i possedimenti lusitani i vescovi locali, accompagnati da Gesuiti. Per quanto riguardava i domini coloniali spagnoli, invece, il papa aveva prospettato a Filippo di Spagna di nominare un nunzio, ma l'idea fu respinta dal governo. Dal progetto della primavera scaturì l'idea di costituire una Congregazione cardinalizia che affiancasse il pontefice nella guida spirituale di aree così lontane ed essa fu istituita il 23 luglio con i cardinali da Mula, Crivelli, Sirleto e Carafa. Sebbene dal gennaio dell'anno successivo si perdano le tracce dell'istituzione, la sua importanza risiede nel fatto di essere stata l'anticipatrice della Congregazione "de Propaganda Fide" costituita da Urbano VIII oltre mezzo secolo più tardi. Di riflesso, s'incaricò una analoga commissione per le aree europee sotto il dominio dei riformati, in modo particolare per la Germania, cui furono nominati Granvelle, Commendone, O. Truchsess e F. Baldo. Intrinsecamente legata al programma di riforma religiosa, di diffusione del cattolicesimo e di contrasto dell'eresia, la politica estera di P. fu improntata alla difesa della giurisdizione ecclesiastica dall'erosione dei poteri laici e all'alleanza di tutti i sovrani cattolici in una solidale lotta contro gli eterodossi e l'espansionismo turco, con la prospettiva sempre sottesa di arrivare fino alla liberazione di Gerusalemme. Tuttavia, fin dall'inizio gli obiettivi del pontefice non coincisero con quelli dei sovrani cattolici e solo in talune congiunture le soluzioni politiche incontrarono i desideri tutti spirituali di P. che, per indurre i monarchi ad assecondare le sue volontà, ricorse a incessanti pressioni diplomatiche e a generosi finanziamenti. Nel 1566 il papa confermò la Legazione di G.F. Commendone presso l'imperatore Massimiliano II. Il legato avrebbe dovuto impedire che la Dieta, prevista ad Augusta in febbraio, affrontasse questioni religiose stabilite dal concilio e di pertinenza della Chiesa, ottenere l'applicazione dei decreti tridentini almeno nelle diocesi della fascia alpina meridionale (Salisburgo, Costanza, Eichstätt, Augusta, Frisinga, PassauBressanone e Trento) e avviare i negoziati per una lega antiturca. Massimiliano II, tuttavia, considerando inopportuna la presenza del legato e dei gesuiti che lo accompagnavano, tentò di far richiamare Commendone, anche se la promessa di un aiuto finanziario del papa per la campagna contro i Turchi, che fu versato alla fine della Dieta, ammorbidì l'imperatore. In un contesto in cui anche i cattolici sostenevano l'equilibrio assicurato dalla pace di Augusta (1555) per evitare un aggravamento della propria posizione, l'accettazione negli Stati fedeli alla Chiesa di Roma dei decreti conciliari fu considerato uno splendido risultato, ancorché l'unico ottenuto dal legato. In primavera, con disappunto dell'imperatore, P. girò alla regina di Scozia il sussidio destinato a Massimiliano II, dato che l'attacco turco all'Impero non appariva imminente. Maria Stuart era sopravvissuta ad una congiura ordita dal marito e dai nobili riformati e attraverso il vescovo Chisholm aveva sollecitato l'aiuto del papa. In giugno P. creò nunzio in Scozia V. Lauro e gli affidò l'incarico di versare la somma destinata alla sovrana e di affrontare il problema della restaurazione cattolica nell'isola, nonostante i pareri dissenzienti dei Gesuiti scozzesi che consideravano più efficace affiancare a Maria un conterraneo in posizione di consigliere. Così come in Germania, i rapporti con la Francia erano condizionati dal problema ancora aperto dell'introduzione dei decreti tridentini. Carlo IX, cui il nunzio M. della Torre nel maggio 1566 aveva presentato le credenziali, rifiutò la promulgazione ufficiale e affidò a personaggi sospettati di aderire alle idee riformate o addirittura condannati per eresia, quali il cancelliere M. de l'Hospital e il vescovo di Valence, J. de Monluc, il compito di esaminare il problema. P., attento ad ottenere soprattutto l'applicazione concreta delle disposizioni conciliari, poté inviare, comunque, ai prelati francesi i brevi che imponevano loro l'osservanza e il re, cui era stato chiesto un particolare impegno nei riguardi della riforma del clero, anche per la facoltà di assegnare i vescovati e le abbazie del Regno riconosciutagli dal Concordato, acconsentì a decretare l'obbligo di residenza. Con grande chiarezza, P. individuava nell'adesione formale dei sovrani alle disposizioni tridentine l'unica via per assicurare uniformità religiosa al Regno e garantire la salvaguardia della fede e del trono, ma la politica religiosa della monarchia restava incerta e la presenza ugonotta alla corte e nel Consiglio della Reggenza era importante. Se in Spagna e nei Viceregni di Napoli e Milano Filippo II aveva accolto i decreti conciliari, alcune questioni giurisdizionali turbavano le relazioni tra la monarchia e il papato. P. e il nunzio G.B. Castagna non ottennero alcun risultato positivo alla ripetuta richiesta di abolire il "recurso de fuerza", che consentiva al governo spagnolo di opporsi a qualunque atto di un'autorità della Chiesa, agendo di conseguenza invece che limitandosi a segnalarlo. Contemporaneamente, però, Filippo II insistette con il papa per ottenere alcuni sussidi derivanti dalla proprietà ecclesiastica. In questo contesto, giunse a Roma, in settembre, la notizia dei disordini iconoclasti accaduti nelle Fiandre all'inizio di agosto. P., avvertito delle concessioni che sotto la spinta dell'insurrezione la reggente Margherita d'Asburgo aveva dovuto fare per ottenere la pacificazione temporanea del paese, tra cui vi era la libertà di culto calvinista nei luoghi dove era già stato autorizzato, protestò con Filippo II, il quale lo assicurò che mai avrebbe approvato tali misure. P. decise comunque di inviare a Madrid P. Camaiani, vescovo d'Ascoli, per spronare il sovrano a compiere un viaggio nei Paesi Bassi al fine di garantire con la sua presenza la risoluzione dello stato di crisi. Si trattava di un'idea a cui il papa aveva ripetutamente cercato di far aderire Filippo II, fin dall'inizio del pontificato, nella convinzione che "non andandovi di persona, si hanno quei Stati Bassi per persi quanto alla religione, et forsi di breve saranno non men persi quanto all'obbedienza verso Sua Maestà Cattolica e de quivi si perde la speranza che haver si può del ritorno alla fede catholica del regno d'Inghilterra, e di poter risanar la Francia, per li continui commerci che hanno alli negotii et mercantie" (B. de Meester, p. 33 n. 1). Per P., dunque, l'identità tra eterodossia e sovversione politica rendeva coincidenti gli obiettivi del papa e dei sovrani e, allo stesso tempo, la diffusione del dissenso religioso ben oltre le frontiere degli Stati e la solidarietà tra gli "eretici" doveva spingere all'alleanza i Regni cattolici. Di contro, il radicamento del cattolicesimo in un'area avrebbe giovato a tutte quelle vicine, come ebbe modo di scrivere a proposito delle diocesi meridionali dell'Impero, che, "ridotte in buono stato, serviranno per antemurale all'Italia contro le fraude et prave communicationi de gli altri paesi heretici" (Nuntiaturberichte, V, pp. 58-9). Tuttavia, per i principi proprio la compresenza di elementi eterodossi e di ribelli costringeva a una strategia d'intervento più cauta e duttile di quella desiderata dal papa. Il duca di Savoia, ad esempio, nell'ottobre 1566 esprimeva con efficacia questo punto di vista: "Altro è l'esser in Roma lungi dalle insidie: altro è l'esser qui in mezzo di esse [...]. So bene che il tollerare gl'heretici è cosa perniciosissima: ma non bisogna ingannarsi: castigarli tutti a me è impossibile, abbruciarne alcuni infiamma crudelmente gli altri alla vendetta" (A. Pascal, 1929, pp. 55-6). La missione di Camaiani a Madrid durò dall'inizio di novembre del 1566 al febbraio dell'anno successivo e si rivelò un fallimento. Il vescovo superò le disposizioni papali criticando i preparativi della spedizione militare nelle Fiandre, mentre avrebbe dovuto limitarsi a dimostrare che l'invio dell'esercito non annullava l'opportunità del viaggio del sovrano, dato che il contingente era destinato alla punizione dei sediziosi e non degli eretici. Se ad offendere Filippo II furono lo zelo del diplomatico, le ragioni stesse della missione e l'ostinazione di un papa che - secondo il cardinale A. de Granvelle - "tiene poca esperiencia de negocios, y de tractar con principes grandes, y tiene muchos al lado que saben menos, a los quales da gran credito porque son de buena consciencia" (B. de Meester, p. 31 n. 1), la questione del viaggio nei Paesi Bassi rivelava, in ogni caso, un'irriducibile distanza tra il papa e il monarca circa il modo di riguardare i Fiammighi e gli strumenti da adottare nei loro confronti. Per Filippo II, infatti, essi erano solo sudditi ribelli, per P. anche eretici. Vi erano, comunque, tra i due Stati altri motivi di dissapore, legati al reciproco intervento nell'altrui ambito giurisdizionale, come la questione della Monarchia Sicula, ovvero i diritti esercitati in Sicilia dal sovrano in campo ecclesiastico, e l'opposizione esercitata dal Senato milanese alla riforma di Borromeo. L'atteggiamento nei confronti dell'Inquisizione romana aggiunse un ulteriore elemento ai rapporti diplomatici. Durante il pontificato di P., l'attività centrale e periferica del Sant'Uffizio conobbe uno slancio d'intensità tale da far apparire agli occhi dei contemporanei quella precedente come "da scherzo" (S. Pagano, p. 50) e per gli Stati questo significò richieste, ingerenze e contrapposizioni giurisdizionali. Allo stesso tempo, però, la straordinaria importanza che P. accordò all'Inquisizione, che continuava a dirigere di persona ("vede ogni processo et legge tutte le scritture"; ibid., p. 36) e la riapertura di tutti i procedimenti in corso durante il pontificato Carafa (Inter multiplices curas, 21 dicembre 1566), consentirono a principi e a sovrani di assicurarsi il favore del pontefice e di spenderlo su questioni di maggior interesse che la vita di un presunto eretico. Nel giugno 1566 P. inviò a Firenze T. Manriquez per richiedere al duca Cosimo I la consegna di P. Carnesecchi e attraverso il nunzio a Venezia, G.A. Facchinetti, sollecitò l'arresto di G. Giannetti. Mentre il duca, reso consapevole che acconsentendo avrebbe dato ai futuri rapporti col papa una decisa impronta positiva, inviava a Roma il protonotario, in luglio, nei medesimi giorni in cui si avviava il processo contro Carnesecchi, il Consiglio dei Dieci autorizzò il fermo del Fanese, ma senza concedere l'estradizione. Con vivissima partecipazione emotiva, P. insistette presso la Repubblica di Venezia per quello che era un suo suddito e su cui, per propria ammissione, "ha[veva] l'occhio adosso dal primo tempo che [...] vene in questa città" (A. Stella, p. 225). Il desiderio di P. di ottenere Giannetti organizzava e dominava la gerarchia delle priorità tra i molti aspetti connessi alla carica ed era di tale intensità che "se quel Serenissimo Dominio havesse nelle mani Ravenna [...] 'l papa torria più volentieri costui che la detta città" (ibid., n. 104). L'attaccamento all'ufficio di inquisitore e la volontà di condurre personalmente le indagini nascevano dalla convinzione che non vi fossero "altri [che] intendano così bene le cose dell'Inquisitione come le intendemo noi", che "vi havemo consumato in questa pratica la vita et l'intelletto nostro" (ibid., p. 228). In agosto il Consiglio cedette, poiché la congiuntura non era favorevole né ai riformati, né ai Veneziani medesimi. Il papa, infatti, aveva respinto l'ambasciatore N. da Ponte dalla delegazione inviata ad omaggiarlo a causa del suo coinvolgimento a favore degli eretici e in giugno aveva fatto sequestrare le carte personali di Giulia Gonzaga, a pochi mesi di distanza dalla morte della nobildonna, che avrebbero contribuito alla riapertura dei processi contro Carnesecchi e i membri del circolo valdesiano napoletano (B. Perez, M. Galeota, D. Lullo). Nel dicembre 1566, si diede seguito alla promessa di Filippo II di far esaminare a Roma l'arcivescovo di Toledo B. Carranza da sette anni prigioniero dell'Inquisizione spagnola. P. intendeva appurare la fondatezza delle accuse mosse contro il prelato, già membro del concilio e diplomatico presso la corte inglese sotto Maria Tudor, mentre Filippo II, che beneficiava delle cospicue rendite della vacante sede episcopale toletana, non intendeva rischiare di veder minata l'autorità dell'istituzione inquisitoriale spagnola, e, di riflesso, la propria, nel caso di un'assoluzione. A decidere il sovrano, nel maggio precedente, era stata, tuttavia, la prospettiva di ottenere dal papa la "Bula de Cruzada" ovvero la devoluzione alle casse reali del più ingente prelievo ecclesiastico, destinato a finanziare la liberazione di Gerusalemme. Sempre in dicembre P. pronunciò la sentenza di colpevolezza contro sei degli otto prelati francesi citati nel 1563. Il Parlamento di Parigi, però, rivendicò al sovrano il diritto di applicare la pena e pertanto il provvedimento rimase privo di effetti. Per tutto il 1567 P. continuò a insistere perché Filippo II partisse alla volta dei Paesi Bassi, suggerendo anche l'itinerario con grande allarme della Repubblica di Venezia che, nell'eventualità del passaggio dell'esercito spagnolo, mise in stato d'allerta la cittadella di Brescia. Il re, però, subordinò la realizzazione del progetto all'ottenimento di un adeguato supporto finanziario da parte del papa, che già nel marzo del 1566 aveva concesso il "sussidio delle galere" per cinque anni e che contemporaneamente rifiutava a Margherita d'Asburgo metà delle rendite ecclesiastiche fiamminghe. Tra gli obiettivi che l'eventuale, temporanea presenza di Filippo II avrebbe consentito di realizzare, nell'idea di P., vi era anche la stipula di una lega con la Francia e l'Impero contro il Turco. Peraltro, in marzo anche la Repubblica di Venezia fece dei passi per verificare l'ipotesi di un'analoga alleanza, ma il papa invitò piuttosto i Veneziani a prestare aiuto all'imperatore, al quale egli stesso concesse a più riprese nel corso dell'anno ingenti mezzi per la fortificazione dei confini esposti agli attacchi ottomani. Sempre nel marzo Filippo II annunciò ufficialmente il viaggio e il papa gli concesse il diritto di riscuotere in ogni parrocchia la decima dell'uomo più ricco ("excusado"). La notizia destò, tuttavia, preoccupazione in Francia, dove in vista del passaggio dell'esercito spagnolo attraverso il Ducato di Savoia Carlo IX dispose che seimila soldati svizzeri presidiassero la frontiera. Il gesto, approvato dal nunzio, approfondì la già aspra rivalità tra i due Stati cattolici, tra cui P. desiderava, piuttosto, che prevalesse l'armonia, anche per consentire il pieno dispiegamento della lotta contro gli ugonotti. In occasione del Giovedì santo 1567 P. promulgò la bolla In coena Domini. Già l'anno prima il provvedimento, cui egli affidava la volontà di riaffermare l'autorità della Chiesa, aveva agitato la diplomazia spagnola per le importanti novità contenute, prima delle quali la lettura in volgare nelle chiese. Ora la bolla estendeva le censure previste in ambito fiscale al prelievo delle "gabellas" e ciò fu considerato dal governo vicereale di Napoli una grave ingerenza nei diritti e nell'autonomia giurisdizionale degli Stati, oltre che un elemento di disordine per la potenziale opposizione delle autorità ecclesiastiche all'esazione delle imposte. Per giunta la pubblicazione della bolla era avvenuta senza richiedere l'autorizzazione regia e per l'analogo comportamento tenuto in occasione della visita apostolica di Orfini le relazioni tra il Vicereame e il papa erano tese fin dall'inverno precedente. In maggio Carranza giunse a Roma e avviò il procedimento che doveva appurare le accuse di eresia rivolte dall'Inquisizione spagnola. In estate l'Inquisizione agì anche a Mantova dove, come comunicava P. al duca Guglielmo Gonzaga, erano coinvolti nell'indagine anche i ministri ducali. Il cardinale Rebiba trasmetteva ordini severi del papa al duca, sbandierando la consueta minaccia che "gli heretici attendono alla mutatione de Stati" (S. Pagano, p. 30), ma ciò che appariva sempre più chiaro, mentre si estendevano le accuse anche a membri femminili della famiglia Gonzaga e fioccavano gli arresti di collaboratori del duca, come G.B. Bertano, era l'impossibilità per i principi, da un lato, di gestire e risolvere solo sul piano giurisdizionale l'ingerente intervento del Sant'Uffizio, dall'altro lato, di sottrarsi alla piena collaborazione con esso. La missione diplomatica che il duca Guglielmo inviò a Roma nel dicembre 1567 confermò le molti voci concordi sull'assenza di spazi di mediazione possibile in materia d'Inquisizione, data la rigidità del papa "che in niun altro negocio procede pesantemente, né si rende tanto difficile" (ibid., p. 52). D'altronde, le estradizioni di Firenze e Venezia, i contemporanei processi a Napoli contro gli ultimi valdesiani, l'avvio del procedimento contro A. Paleario, in seguito condotto a Roma, la condanna capitale di Carnesecchi, eseguita il 1° ottobre 1567, così come la vicenda di B. Bartoccio, che la Repubblica di Genova proprio tra l'autunno e il gennaio doveva cedere al papa, malgrado le minacciate ritorsioni commerciali dei Cantoni svizzeri di Ginevra e Berna, erano prove inequivocabili del corso dato all'attività inquisitoriale. Né si trattava di un momento particolare nell'attività del Sant'Uffizio, perché a Modena nel biennio 1567-1568 fu repressa l'intera comunità eterodossa, a Faenza furono arrestati e portati a Roma numerosi inquisiti, a Bologna e Imola crebbe il numero dei processi. Queste iniziative andarono di pari passo con la volontà di rendere anche sul piano istituzionale più autonoma ed efficace l'azione del Sant'Uffizio: nel Ducato di Firenze si affidarono all'inquisitore competenze fino ad allora condivise con il nunzio e il suo vicario e a Lucca nel 1568 il papa tentò di nominare un commissario del Sant'Uffizio. La tensione franco-spagnola accesasi intorno al viaggio di Filippo II scemò grazie all'opera diplomatica del nunzio Castagna (v. Urbano VII) e nel mese di luglio 1567 i pericoli della guerra erano scongiurati. I rappresentanti papali a Madrid e a Parigi, per volontà del papa, tentarono anche di combinare un incontro tra i sovrani, ma senza risultato, tanto più che in agosto, nonostante i frenetici preparativi, la partenza di Filippo II per le Fiandre fu annullata. L'arrivo nei Paesi Bassi dell'esercito guidato dal duca d'Alba e l'arresto di lì a poco dei conti di Egmont e Hornes avallò la sospensione di un progetto malvisto dal re e dalla corte. Inizialmente P. ritenne di essere stato truffato e solo la dura repressione del duca d'Alba lo ammorbidì. Nei riguardi dell'intervento militare, però, il papa riteneva sufficiente un'azione dimostrativa che piegasse i ribelli in vista dei negoziati col re, ma il duca d'Alba ribadì la natura eminentemente politica dell'operazione militare, diretta contro sudditi ribelli, dalla quale il papa doveva restare fuori. In luglio, giunse a Roma la notizia delle recenti nozze di Maria Stuart con J. Bothwell, avvenute con rito anglicano. L'evento segnò la rottura delle relazioni con la Scozia che dall'inverno precedente, con la procrastinata accoglienza di Lauro e il perdono generale concesso ai ribelli dalla sovrana in dicembre, erano peggiorate al punto di decidere il nunzio in aprile a ritornare in Italia. Né, fino alla metà del 1569, il precipitare delle sorti di Maria, costretta ad abdicare, sconfitta sul campo a Langside (16 maggio 1568) e, infine, prigioniera di Elisabetta I, mutò l'atteggiamento del papa. In agosto, il duca di Savoia Emanuele Filiberto - che alla fine del 1566 per la disponibilità offerta al passaggio delle truppe del duca d'Alba aveva visto cadere il veto ispano e pontificio agli accordi da lui stipulati con i Bernesi nel 1564 - concluse un patto temporaneo con Ginevra. Ma il papa arrivò ad auspicare la perdita definitiva dei territori contesi, piuttosto che stringere simili compromessi o rischiare di porre a contatto i sudditi cattolici e quelli vissuti con i riformati. Alla fine di settembre gli ugonotti francesi si sollevarono e in ottobre Caterina de' Medici e Carlo IX chiesero a P. un donativo di 2 o 300.000 scudi per rispondere con le armi. Il papa acconsentì alla richiesta e s'impegnò a inviare anche mille uomini a condizione che l'impresa bellica fosse effettivamente tale e il re non stringesse un accordo disonorevole con i nemici. Il rappresentante della regina, A. Rucellai, ottenne anche l'appoggio di Cosimo I de' Medici e di Emanuele Filiberto di Savoia e un contingente di cavalleria dal duca d'Alba. Dopo la vittoria cattolica di St-Denis, P. moltiplicò gli sforzi a favore di Carlo IX, inviando lettere in Spagna e in Savoia e incaricando il vescovo P.D. Cesi di una missione diplomatica presso i sovrani italiani, ma la riproposizione degli argomenti cari al papa non sortì l'effetto sperato. Per di più, alla fine di dicembre, le parti in lotta sembrarono aver raggiunto un'intesa e P., deluso e irato, respinse duramente la richiesta di danaro di Caterina de' Medici col dire che avrebbe preferito inviarle soldati, e contestò l'operato della monarchia francese. La pace, che le ulteriori azioni diplomatiche e le pesanti richieste ugonotte procrastinarono, fu comunque siglata a Longjumeau il 23 marzo 1568. In aprile, i calvinisti dei Paesi Bassi si sollevarono: Luigi di Nassau invase la Frisia e inferse una sconfitta all'esercito spagnolo che perdette il capo della fanteria, il conte d'Arenberg. Di fronte a queste notizie, P. approvò come male necessario la repressione che si scatenò e che vide, tra l'altro, l'esecuzione di Egmont e Hornes. La pubblicazione della nuova bolla In coena Domini nel 1568 sollevò il malcontento degli Stati per le ingerenze in ambito fiscale. P., in un colloquio con l'ambasciatore veneziano, colse l'occasione per ribadire il proprio pensiero circa il ruolo del pontefice nei confronti di principi e sudditi e la sua superiorità rispetto all'autorità civile: "la cura del governo de' popoli cristiani principalmente è sopra le nostre spalle ed a noi spetta vedere che siano governati con carità ed ovviare che non siano tiranneggiati e poste le gravezze insopportabili e levargliele" (M.C. Giannini, p. 97). Il papa, come avrebbe spiegato anche in un memoriale a Filippo II, si preoccupava di conservare attraverso queste misure l'armonia sociale e di conseguenza la pace religiosa e politica. D'altronde, anche a proposito delle rendite ecclesiastiche concesse al sovrano, P. si era preoccupato di chiedere nel 1566 che fossero riscosse da persone "discrete", "acciò i cridi de li oppressi penetrando le divine orechie non gli riportano magior dano che l'armata turchesca" (Correspondencia diplomática, I, p. 131). A Napoli, dove la bolla fu pubblicata ancora una volta senza autorizzazione regia, la contrapposizione fu frontale, perché il viceré aveva ordinato di esentare dalla riscossione fiscale le persone e le istituzioni ecclesiastiche, ma il nunzio P. Odescalchi, nominato con estesissime facoltà in gennaio, e il visitatore apostolico dettero mandato ai confessori di non assolvere quanti erano incorsi nelle censure. Anche a Milano, la promulgazione del provvedimento aggravò uno stato di conflitto asperrimo tra il potere laico e quello ecclesiastico. Fu tuttavia l'apice della tensione, perché l'anno seguente fu possibile graduare l'impatto della bolla e le ragioni della concordia, in nome dei progetti internazionali di P., prevalsero su quelle del conflitto. Nel corso dell'estate 1568, una ennesima missione di Rucellai presso il papa segnò la ripresa delle trattative per una nuova guerra contro i riformati francesi. In agosto, il vescovo F.M. Frangipane, uomo vicino al cardinale A. Farnese, sostituì il nunzio della Torre e partì per Parigi con l'incarico di amministrare l'ingente contributo finanziario, pari a 150.000 lire tornesi, che il papa aveva concesso al re sulle rendite ecclesiastiche per perseguire una decisa politica antiugonotta. Tra le condizioni poste dal papa a tutela degli interessi della Chiesa vi erano l'allontanamento dei riformati dalla corte di Francia, ciò che riuscì al nunzio almeno per quanto riguarda il vescovo di Valence, J. de Monluc, e l'adozione di misure repressive contro gli ugonotti e i loro dirigenti. In settembre, dopo il fallito tentativo di catturare il principe di Condé e l'ammiraglio G. de Coligny organizzato dal cardinale di Lorena, scoppiò il conflitto, sancito dall'editto di St-Maur, che annullava i termini dell'accordo di Longjumeau, e dall'allontanamento di Michel de l'Hospital. Motivo di apprensione per il papa fu il tentativo di Guglielmo d'Orange, il capo degli insorti fiamminghi sfuggito alle repressioni del duca d'Alba, di coalizzarsi con le forze ugonotte, tentativo che peraltro aveva avuto l'appoggio segreto di Carlo IX, ma in dicembre la notizia della vittoria del duca d'Alba contro le truppe di Guglielmo dissolse i timori. Anche dall'Impero pervennero informazioni che suscitarono l'indignazione di P.: in settembre, infatti, l'ambasciatore P. d'Arco mise il papa a conoscenza del fatto che poche settimane prima Massimiliano II aveva concesso ai nobili riformati della Bassa Austria di professare liberamente il culto nella forma della "Confessio augustana" del 1530. Con imprevista tempestività, P. inviò all'imperatore Commendone per indurre il monarca a ritirare il provvedimento. Ma Massimiliano, cui era premuto piuttosto garantirsi il favore dei protestanti in vista delle richieste finanziarie che avrebbe rivolto alla Dieta, nei colloqui di novembre cedette solo formalmente alle rimostranze papali. All'inizio del 1569 l'imperatore inviò il fratello, l'arciduca Carlo, in Spagna e messi presso il duca d'Alba e l'Orange al fine di interrompere lo scontro armato in atto nei Paesi Bassi, ma si trattò di un'iniziativa di facciata a beneficio dei grandi elettori tedeschi che ebbe come conseguenza solo la concessione di un'amnistia da parte di Filippo II (che il duca d'Alba non avrebbe promulgato, tuttavia, prima del luglio 1570) e un imprevisto accordo nuziale tra il re di Spagna e la nipote. Rassicurato sui reali sentimenti di Filippo II, avverso ad ogni ipotesi di conciliazione, e dando seguito agli impegni assunti, P. inviò in Francia quattromila fanti e cinquecento cavalieri al comando di G.A. Sforza, duca di Santa Fiora, che partirono in aprile 1569, poco dopo la grave sconfitta ugonotta a Jarnac, spalleggiati da un contingente del duca di Toscana. L'esercito pontificio era destinato all'occorrenza ad operare nei Paesi Bassi, così come gli uomini del duca d'Alba cooperarono contro i riformati francesi e congiuntamente in ottobre s'imposero nella battaglia di Moncontour. Nel corso del 1570 si moltiplicarono le iniziative di P. contro i "nemici" della Chiesa. In gennaio la volontà di Carlo IX d'intavolare trattative con il fronte dei ribelli allarmò il papa che condannò direttamente e attraverso il nunzio Frangipane a più riprese la lenta e difficoltosa iniziativa di pace e l'ipotesi di un riconoscimento politico-militare degli ugonotti, quale ad esempio la concessione del presidio di La Rochelle. In febbraio il pontefice decise di inviare in qualità di legato straordinario presso Filippo II L. de Torres e il generale dei Domenicani V. Giustiniani per promuovere l'adesione della Spagna alla lega antiturca. Questa missione diplomatica fu resa più complessa da ulteriori iniziative del papa. La diffusione, in dicembre, della bolla con cui il 27 agosto precedente P. aveva accordato a Cosimo I il titolo granducale aveva fornito un nuovo motivo di risentimento a Massimiliano II e a Filippo II, di entrambi i quali il Medici era vassallo. P. aveva inteso premiare lo zelo con cui Cosimo aveva agito contro Carnesecchi e molti altri presunti eretici, dimostrandosi pronto a corrispondere alle richieste del Sant'Uffizio, e il suo contributo alla terza guerra ugonotta e alle iniziative di Filippo II in Fiandra e nel Mediterraneo. Riuscì in tal modo al duca fiorentino un'operazione che aveva posto in essere fin dal pontificato di Pio IV e a cui era stata fatale allora l'opposizione dell'Impero e della Spagna. Ma per gli Asburgo era fonte di dissidio con P. la formulazione stessa della bolla in base alla quale il pontefice pretendeva di avere il diritto di conferire titoli anche relativamente a terre di giurisdizione non papale. Alla cerimonia solenne d'investitura, il 5 marzo, l'ambasciatore imperiale P. d'Arco abbandonò la sala e Massimiliano inviò una deputazione a Roma per consegnare una protesta formale. In tale occasione P. istituì una Congregazione per gestire diplomaticamente la vertenza e formulare un'appropriata risposta. L'incarico di presiedere questa commissione fu affidato al cardinale Morone, che proprio tra 1569 e 1570 era oggetto di nuove indagini inquisitoriali da parte di Santoro. Questo fatto, tuttavia, pone in luce che ormai davanti ad un personaggio così in vista, collegato direttamente al concilio e assolto da Pio IV, era giocoforza per l'Inquisizione recedere per non compromettere le basi ideologiche della politica di Pio V. In aprile il re di Spagna fu messo a conoscenza, prima dal suo ambasciatore, poi dal legato de Torres, del provvedimento preso da P. contro la regina di Inghilterra. Il 25 febbraio, infatti, dopo un breve processo il papa aveva promulgato la bolla di scomunica con cui dichiarava Elisabetta I colpevole di eresia e decaduta dal diritto di governare. Si trattava di una misura con cui il pontefice intendeva fomentare e legittimare la ribellione cattolica interna al Regno inglese e che aveva meditato fin dalla primavera precedente, quando aveva inviato il penitenziere N. Morton per verificare l'eventuale accoglienza del provvedimento. Erano risultati inutili i tentativi papali, nel marzo e nel novembre 1569, di far intervenire contro l'Inghilterra la monarchia spagnola, e in modo particolare il duca d'Alba, avverso all'iniziativa anche in presenza di un irrigidimento delle relazioni tra i due Stati, e il grave ritardo con cui si venne a conoscenza della fallita sollevazione del novembre precedente convinse P. ad agire. In realtà la ritorsione del governo sui sudditi cattolici fu pesante. Filippo II, che aveva sempre sostenuto la regina d'Inghilterra per contrastare un'espansione del potere dell'alleanza franco-scozzese, proibì che il provvedimento fosse pubblicato nel suo Regno e prese le distanze dall'iniziativa papale, e Carlo IX fece altrettanto. Malgrado queste differenze, il 20 maggio 1570, dopo numerose sedute del Consiglio di Stato, il sovrano spagnolo prese la decisione di aderire alla lega antiturca. Il 1° luglio si aprì l'incontro tra le delegazioni pontificia (cardinali Bonelli, Morone, Cesi, Grassi, Aldobrandini), spagnola (Granvelle, Pacheco e l'ambasciatore Zuniga) e veneziana (M. Soriano e G. Soranzo), mentre Cipro era invasa dai Turchi e Nicosia cinta d'assedio. Stabilito l'assetto delle flotte e accettato da parte di Filippo II il comando generale di M.A. Colonna, le squadre navali si incontravano alla fine di agosto. Il precipitare all'inizio di settembre della situazione veneziana a Cipro con la capitolazione di Nicosia rese più urgente l'intervento delle forze della lega, ma dopo una prima azione fallita per ragioni meteorologiche e prevalendo le divisioni in seno al comando la campagna si arrestò. Frattanto la stipula, in agosto, della pace di St-Germain-en-Laye tra Carlo IX e gli ugonotti aveva rinfocolato le proteste papali, che pure si erano susseguite attraverso numerosi messaggi inviati nel corso dell'anno al re, alla regina madre e ai personaggi più in vista della corte francese. Il nunzio Frangipane si era adoperato per ottenere che l'accordo fosse interpretato in senso restrittivo e a vantaggio del cattolicesimo e alla fine di settembre indirizzò al sovrano e alla corte un'accesa protesta contro un patto che vanificava completamente la superiorità conquistata dai cattolici sul campo di battaglia, incoraggiando invece il proseguimento delle operazioni militari. P., dal canto suo, chiese ai cardinali di Lorena e di Borbone di lavorare per ottenere la rottura dell'accordo e inviò il protonotario F. Bramante per comunicare la sua personale disapprovazione e ribadire l'opportunità che il clero francese dimostrasse il proprio assoggettamento a Roma attraverso la residenza dei vescovi e le visite "ad limina". Vi fu anche il problema della difesa dall'influenza ugonotta del Contado Venassino e di Avignone, che furono sottratti alle pretese monarchiche e affidati ad un contingente militare facente parte del corpo di spedizione pontificio. Era comunque in corso una manovra sotterranea: nell'ottica papale di una schedatura generale degli eterodossi, Bramante stilò liste di nobili ugonotti o ad essi vicini e il nunzio informò il papa di una doppia politica dei sovrani che dietro l'apparente tolleranza meditavano un'azione stragista. Tuttavia, sempre in agosto si prefigurò l'ipotesi di unioni nuziali tra Enrico d'Angiò, fratello del re e campione del partito cattolico, ed Elisabetta d'Inghilterra e tra Margherita di Valois, promessa a Sebastiano di Portogallo, e Enrico di Navarra. Tali progetti, anche per la mancanza di chiarezza della monarchia francese, costituirono un ulteriore motivo di tensione con P. che, peraltro, fin dal 1569 aveva prospettato l'unione delle dinastie cattoliche attraverso le nozze fra Filippo II e Anna d'Austria, Carlo IX e Isabella d'Austria, Sebastiano di Portogallo e Margherita di Valois. Nell'autunno 1570 Commendone, di passaggio verso la Polonia, si recò nuovamente a Vienna con l'obiettivo di attirare l'Impero nella vasta coalizione antiturca e per affrontare direttamente la questione del titolo granducale. Massimiliano II, tuttavia, non dette la sua disponibilità per intervenire in un conflitto che, per quanto riguardava i suoi domini, aveva chiuso con la pace di Adrianopoli del febbraio 1568. In novembre ripresero le trattative della lega e dopo un primo risultato, la decisione di affidare il comando delle operazioni militari a don Giovanni d'Austria, subentrò il problema della vacanza del comando, che il papa voleva affidata a M.A. Colonna, e i negoziati segnarono il passo. All'inizio del 1571, la volontà di concludere l'alleanza spinse P. a concedere a Filippo II il rinnovo della "cruzada" e del "sussidio" sul clero spagnolo a condizione che il re mantenesse sessanta galee. Non mancavano, comunque, le incertezze tra i protagonisti della vicenda diplomatica: il governo spagnolo si ostinava sul contributo che avrebbe dovuto fornire alla flotta e da Venezia, dove il Senato era favorevole all'iniziativa ma il Consiglio dei Dieci propendeva per la pace con i Turchi, fu inviato a Costantinopoli G. Ragazzoni per intessere trattative. All'inizio di aprile, su consiglio del cardinale Morone e del nunzio Facchinetti, P. mandò M.A. Colonna a Venezia per sbloccare lo stato di stallo e a seguito di questa missione la Repubblica decise di aderire alla lega. Il 20 maggio, anche a seguito delle preoccupanti notizie sui movimenti della flotta turca, le delegazioni raggiunsero a Roma un accordo e il 25 i capitoli dell'alleanza furono letti, approvati dai cardinali e giurati dal papa e dai rappresentanti diplomatici degli Stati aderenti. Ai primi di giugno don Giovanni d'Austria partì per raggiungere la flotta e P. annunciò il viaggio nella penisola iberica del cardinal nepote Bonelli. Sebbene si trattasse di una missione destinata a congratulare Filippo II per l'impegno sottoscritto, la diplomazia spagnola tentò di procrastinarla per evitare la discussione delle questioni ancora aperte tra le due corti, soprattutto in materia giurisdizionale. Bonelli avrebbe visitato anche il re portoghese Sebastiano per ottenerne l'adesione alla lega e per superare gli ostacoli relativi al progettato matrimonio con Margherita di Valois. Durante l'estate le flotte si radunarono a Messina: in luglio giunsero quella pontificia, sotto la cui bandiera vi erano anche navi toscane, e quella veneziana, agli ordini di S. Venier, in agosto quella spagnola con don Giovanni che a Napoli aveva ricevuto le insegne del comando e il vessillo benedetto dal papa. La spedizione navale, composta da oltre duecento unità, prese il largo alla metà di settembre, a Igoumenítsa (Epiro); il 3 ottobre si apprese la notizia della capitolazione di Famagosta e della morte di Bragadin. Il 7 ottobre, all'alba, ebbe luogo presso le isole Curzolari la battaglia di Lepanto dove s'impose la flotta cristiana su quella turca. La vittoria cristiana produsse un'enorme impressione in Europa ed ebbe un'importante ricaduta sul piano della devozione, soprattutto mariana: alla Vergine, infatti, si attribuì l'esito dello scontro navale e il papa consacrò alla Madonna della Vittoria la prima domenica di ottobre, come stabilì nel Concistoro del 17 marzo 1572. A fronte di questi risultati, la legazione straordinaria di Bonelli, arrivato a Madrid alla fine di settembre, fu fonte di delusioni. Il cardinal nepote non ottenne da Filippo II che vaghe promesse di un suo intervento per indurre Massimiliano II e Carlo IX ad aderire all'alleanza antiturca e sulle vertenze giurisdizionali incontrò la totale chiusura del re. Durante la permanenza, Bonelli fu informato della volontà del papa di inviarlo anche in Francia per scongiurare il matrimonio tra Margherita di Valois e Enrico di Navarra, che i sovrani francesi avevano esplicitamente prospettato al papa, e chiarire, se mai ce ne fosse stato bisogno, che P. era fermamente contrario a concedere la dispensa per i vincoli di sangue, se lo sposo non si fosse innanzitutto riconciliato con la Chiesa. Con tempi accelerati, ma pur sempre troppo lenti per l'impazienza del papa, Bonelli compì la missione in Portogallo, dove il re Sebastiano si dichiarò disponibile a sposare la principessa francese. Quindi, spronato dai rimproveri che arrivavano da Roma, Bonelli raggiunse la Francia, dove era stato preceduto nel gennaio 1572 dal nunzio straordinario A.M. Salviati. L'accoglienza francese fu commisurata alla volontà reale di corrispondere ai disegni pontifici: tra ritardi, attese e percorsi tortuosi, il legato riuscì a precedere a Blois la regina di Navarra, attesa fin dal novembre precedente per definire l'accordo nuziale, e a avviare i colloqui con il re. L'intesa raggiunta tra le madri dei futuri sposi segnò, però, la fine della missione pontificia. Carlo IX respinse tutte le richieste formulate da Bonelli sull'ingresso nella lega antiturca, sulla promulgazione dei decreti tridentini e sulla rottura del progetto matrimoniale tra la sorella e il futuro Enrico IV. Solo prima di partire, alla fine di febbraio, il cardinale indirizzava a P. un oscuro messaggio ("alcuni particulari [...] dei quali ragguaglierò Nostro Signore a bocca") che lasciava intravvedere qualche bagliore nel cupo fallimento ("posso dir di non partirmi à fatto mal espedito") e che alcuni studiosi, a partire da Ranke, hanno considerato un'anticipazione della strage della notte di S. Bartolomeo. Alleanze nuziali e schieramenti politico-diplomatici sfuggivano però a P., che, dopo il breve momento di Lepanto, non riuscì ad impedire che ciascun sovrano seguisse interessi personali. Filippo II riorientò la propria strategia mediterranea in direzione del Nord Africa, sebbene alla ripresa delle trattative in dicembre don Giovanni avesse appoggiato con il papa l'ambizioso progetto di attacco all'Impero ottomano formulato da Venezia. Il re spagnolo, inoltre, aveva contribuito a far naufragare il matrimonio tra Sebastiano di Portogallo e Margherita di Valois, cui il pontefice aspirava, per evitare che l'influenza francese si estendesse al Regno lusitano, come, d'altronde, si era adoperato per impedire l'unione tra il duca d'Angiò ed Elisabetta I. La Francia, dal canto suo, si avvicinò all'Impero ottomano e nell'aprile 1572 stipulò l'alleanza difensiva di Blois con l'Inghilterra, disdegnando la richiesta del papa di sostenere un intervento di Filippo II in favore di Maria Stuart. P. morì il 1° maggio del 1572 e fu sepolto provvisoriamente nella basilica vaticana, nella cappella di S. Andrea, vicino alla tomba di Pio III. Benché avesse disposto di essere tumulato nella chiesa fondata a Bosco, Sisto V innalzò in suo onore un monumento funebre (opera di D. Fontana e G.B. della Porta) in S. Maria Maggiore, nella cappella del Ss. Sacramento, dove la salma venne traslata con una solenne cerimonia il 9 gennaio 1588. Nel 1616-1617 Paolo V autorizzò l'istruttoria dell'autorità ordinaria, a Roma e in altre località italiane. Nel 1624 Urbano VIII consentì alle autorità apostoliche di procedere e processi si tennero a Roma, OsimoUrbino, Fano, Bologna, Milano, Cortona, Bergamo e Madrid. Pervenuti gli atti alla Congregazione dei Riti, i tre auditori più anziani della Rota riconobbero la correttezza formale dei fascicoli processuali, la comune opinione di santità del papa e otto miracoli, di cui due compiuti in vita. Nel 1629-1630 la Congregazione si riunì periodicamente per esaminare ed approvare le conclusioni rotali. P. fu beatificato il 1° maggio 1672, sotto Clemente X, e fu proclamato santo il 22 maggio 1712 da Clemente XI. La Chiesa lo festeggia il giorno 30 aprile (in precedenza il 5 maggio).

Mariánské sousoší v Písku na Alšově náměstí, Česká republika

Marian columns on Alšovo square in Písek, Czech republic


FONTI E BIBLIOGRAFIA

Bologna, Archivio di S. Domenico: I.7978, Pius V; I.17500, E. Todeschinus, Catalogus [...], c. 42; III.76100, Syllabus Fratrum Praedicatorum qui ad supremas ecclesiae atque ordinis Dignitates erecti sive studentes sive doctores universitatem s. Dominici Bononiae [...] illustrarunt, Bononiae 1731; VII.40450g, G.M. Piò, Vite di pontefici e cardinali domenicani, cc. 9-12v; Genova, Biblioteca Universitaria, E.VII.15; Roma, Archivio Generale dell'Ordine dei Predicatori, IV.25, c. 70; IV.29, cc. 27v, 30; XIV.D, c. 283, Relazione di tutto ciò che di considerabile si trova nel convento di S. Giovanni di Como, e cc. 893-94, [T.M. Castelli], Notizie sul convento di san Tommaso Apostolo di Pavia; XIV.QQ, c. 571, Series chronologica provincialium et vicariorum generalium [...]; ivi, Archivio della Congregazione per la Dottrina della Fede, Santo Uffizio, St. st. D 4 g, fasc. 1; St. st. Q 4 q, Lettere di M. Ghislieri (poi Pio V) a G.A. Santori (1562-1566); Decreta 1548-1550; A.S.V., Arm. LII, 17 e 22A, Audientiae [...]; Misc., Arm. VII, 2; Misc., Arm. XI, 114, c. 53r-v; Misc., Arm. XII, 31, C. Firmanus, Diarium pontificatus Pii PP. V nempe ab obitu Pii IV anno 1565 usque ad annum II pontificatus Gregorii PP. XIII; Congr. Visita Ap., 1; B.A.V., Ottob. lat. 2473, c. 58v; Urb. lat. 1040-41.

Le relazioni degli ambasciatori veneti al Senato, a cura di E. Alberi, ser. II, IV, Firenze 1857.

Lettere inedite di santi, papi, principi, illustri guerrieri e letterati, a cura di L. CibrarioTorino 1861, pp. 10-28.

Der Briefwechsel des Kaisers Maximilian II. mit Papst Pius V., a cura di W.E. Schwarz, Paderborn 1889.

Calendar of State Papers Relating to English Affairs Preserved Principally at Rome, I, Elizabeth 1558-1571, a cura di J.M. Rigg, London 1916.

I. TaurisanoHierarchia ordinis praedicatorum, Romae 1916, pp. 69-70.

Id., Catalogus hagiographicus ordinis Praedicatorum, ivi 1918, pp. 54-5.

Regesti di bandi, editti, notificazioni [...], I, ivi 1920, pp. 78-104.

Nuntiaturberichte aus Deutschland, 1560-1572, V-VI, a cura di I.P. Dengel, Wien-Leipzig 1926-39.

Correspondencia diplomática entre España y la Santa Sede durante el pontificado de s. Pio V, a cura L. Serrano, I-IV, Madrid 1950.

Nunziature di Savoia, I, (15 ottobre 1560-29 giugno 1573), a cura di F. Fonzi, Roma 1960 (Fonti per la Storia d'Italia, 44).

Nunziature di Venezia, VIII, (marzo 1566-marzo 1569), a cura di A. Stella, ivi 1963 (Fonti per la Storia d'Italia, 65).

Corrispondenza da Madrid di Leonardo Donà (1570-1573), a cura di M. Brunetti-E. Vitale, Venezia-Roma [1963].

G. Catena, Vita del gloriosissimo papa Pio quinto, Roma 1586.

V.M. Fontana, Sacrum Theatrum Dominicanum, ivi 1666, pp. 5 ss.

J.A. Gabutius, De vita et rebus gestis Pii V, in Acta sanctorum [...], Maii, I, Antverpiae 1680, pp. 616-719.

A. RovettaBibliotheca chronologica illustrium virorum provinciae Lombardiae s. Ordinis Praedicatorum, Bononiae 1691, p. 137.

P.A. Maffei, Vita di san Pio Quinto, Roma 1712.

J. Quetif-J. Echard, Scriptores Ordinis Praedicatorum, II, Lutetiae Parisiorum 1721, pp. 219-21.

Bullarium Ordinis FF. Praedicatorum [...], V, (1550-1621), Romae 1733.

G. Grassi, Memorie istoriche della chiesa vescovile di Monteregale in Piemonte, I, Torino 1789, pp. 73-95.

F. Cancellieri, Storia de' solenni possessi de' sommi pontefici [...], Roma 1802, pp. 110-12.

P.G. Biffignandi Buccella, Memorie istoriche della città e contado di Vigevano, Vigevano 1810, pp. 197-98.

C. CantùStoria della città e della diocesi di Como, II, Firenze 1856, pp. 35-6.

Estratto del processo di Pietro Carnesecchi, a cura di G. Manzoni, "Miscellanea di Storia Italiana", 10, 1870, pp. 187-573.

P.A. Uccelli, Dell'eresia in Bergamo nel sec. XVI e di frate Michele Ghislieri inquisitore in detta città, "La Scuola Cattolica", 3, 1875, nr. 27, pp. 222-36; nr. 30, pp. 558-69; nr. 33, pp. 249-62.

Vita del cardinale Giulio Antonio Santori, a cura di G. Cugnoni, "Archivio della R. Società Romana di Storia Patria", 12, 1889, pp. 339-52.

B. Fontana, Documenti vaticani contro l'eresia luterana in Italia, ibid., 15, 1892, pp. 365-474.

B. Amante, Giulia Gonzaga contessa di Fondi e il movimento religioso femminile nel sec. XVI, Bologna 1896.

Dépêches de M. de Fourquevaux ambassadeur du roi Charles IX en Espagne, 1565-1572, a cura di M. Douais, I-II, Paris 1896-1900.

Lettera del cardinale Michele Ghislieri vescovo di Mondovì al duca di Savoia Emanuele Filiberto, "Bollettino Storico-Bibliografico Subalpino", 6, 1901, pp. 255-56.

Papal Negotiations with Mary Queen of Scots During Her Reign in Scotland, 1561-1567, a cura di J.H. Pollen, Edinburgh 1901.

Diario concistoriale di Giulio Antonio Santori, cardinale di s. Severina, a cura di P. Tacchi Venturi, "Studi e Documenti di Storia e Diritto", 23, 1902, pp. 297-347.

P.L. Bruzzone, I Ghislieri davanti alla giustizia penale, "Rivista di Storia, Arte, Archeologia della Provincia di Alessandria", 12, 1903, nr. 11, pp. 99-105.

E. Motta, Otto pontificati del Cinquecento (1555-1591) illustrati da corrispondenze trivulziane, "Archivio Storico Lombardo", 30, 1903, nr. 1, pp. 360-63.

A. Degert, Procès de huit évêques français suspects de calvinisme, "Revue des Questions Historiques", 38, 1904, nr. 76, pp. 61-108.

R. Ancel, Paul IV et le concile, "Revue d'Histoire Ecclésiastique", 8, 1907, pp. 716-41.

R. Maiocchi, Frate Michele Ghisleri (s. Pio V) commissario inquisitore a Pavia, "Rivista di Scienze Storiche", 4, 1907, pp. 62-4.

E. Palandri, Négociations politiques et religieuses entre la Toscane et la France à l'époque de Cosme Ier et de Catherine de Médicis (1544-1580), Paris 1908.

L. Fumi, L'Inquisizione romana e lo Stato di Milano. Saggio di ricerche nell'Archivio di Stato, "Archivio Storico Lombardo", 37, 1910, nr. 13, pp. 5-124, 285-414.

R.P. Mortier, Histoire des maîtres généraux de l'ordre des frères prêcheurs, V, Paris 1911, pp. 480 ss., 540 ss.; VII, ivi 1914, pp. 290-96.

L. von Pastor, Allgemeine Dekrete der römischen Inquisition aus den Jahren 1555-1597, "Historisches Jahrbuch", 33, 1912, pp. 479-510.

F. Ortroy, Le pape saint Pie V, "Analecta Bollandiana", 33, 1914, pp. 192-215.

R.M. Bianchi, La provincia di san Pietro Martire e i suoi conventi, Torino 1916, pp. 125, 139.

Ch. Hirschauer, La politique de st. Pie V en France (1566-1572), Paris 1922.

M. Bendiscioli, L'inizio della lotta giurisdizionale tra l'arcivescovo ed il Senato di Milano (1566-1568), "Archivio Storico Lombardo", 53, 1926, pp. 241-80, 409-62.

Id., La bolla In coena Domini e la sua pubblicazione a Milano nel 1568, ibid., 54, 1927, pp. 381-99.

A. Pascal, La lotta contro la Riforma in Piemonte al tempo di Emanuele Filiberto, studiata nelle relazioni diplomatiche tra la corte sabauda e la S. Sede (1559-1580), "Bulletin de la Société d'Histoire Vaudoise", 53, 1929, pp. 5-88; 55, 1930, pp. 5-26.

A. Mercati, Pio V e l'arte antica secondo un documento ignorato, "Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia", 6, 1930, pp. 114-21.

A. Dragonetti De Torres, La Lega di Lepanto nel carteggio diplomatico inedito di don Luys de Torres [...], Torino 1931.

B. de Meester, Le Saint-Siège et les troubles des Pays-Bas 1566-1579, Louvain 1934.

G. Pacchiani, Manifestazioni protestantiche a Bergamo nella prima metà del secolo XVI, "La Scuola Cattolica", 63, 1935, pp. 323-47.

L. Serrano, Primeras negociaciones de Felipe II con el papa san Pio V, "Hispania", 1, 1940-41, pp. 83-124.

L. Lopetegui, San Francisco de Borja y el plan misionel de san Pio V. Primeros pasos de una Congregación de Propaganda Fide, "Archivum Historicum Societatis Iesu", 11, 1942, pp. 1-26.

P.A. Zucchi, Roma domenicana. Note storiche, Firenze 1943, passim.

P. Paschini, Tre ricerche sulla storia della Chiesa nel Cinquecento, Roma 1945.

M. Scaduto, Tra inquisitori e riformati. Le missioni dei Gesuiti tra Valdesi della Calabria e delle Puglie, con un carteggio inedito del card. Alessandrino (san Pio V) (1561-1566), "Archivum Historicum Societatis Iesu", 15, 1946, pp. 1-76.

P.A. Walz, Compendium historiae ordinis praedicatorum, Romae 1948, ad indicem.

A. Mercati, Dubbio su un episodio della vita di fra Sisto da Siena, "Rivista di Storia della Chiesa in Italia", 5, 1951, pp. 374-80.

L. von Pastor, Storia dei papi dalla fine del Medio Evo, VI-VIII, Roma 1940-51.

A. Monticone, L'applicazione a Roma del Concilio di Trento. Le visite del 1564-1566, "Rivista di Storia della Chiesa in Italia", 7, 1953, pp. 225-50.

L. Berra, Ugonotti nella Diocesi di Mondovì, ibid., pp. 251-56.

A. Monticone, L'applicazione del Concilio di Trento a Roma. I "riformatori" e l'Oratorio (1566-1572), ibid., 8, 1954, pp. 23-48.

M.F. Mellano, La controriforma nella diocesi di Mondovì (1560-1602), Torino 1955.

M. Grosso-M.F. Mellano, La Controriforma nell'Arcidiocesi di Torino (1558-1610), Città del Vaticano 1957.

 R. De SimoneTre anni decisivi di storia valdese. Missioni, repressione e tolleranza nelle valli piemontesi dal 1559 al 1561, Roma 1958, ad indicem.

P. Paschini, Cinquecento romano e riforma cattolica, ivi 1958; ad indicem.

Id., Venezia e l'Inquisizione romana da Giulio III a Pio IVPadova 1959.

P. Prodi, Il cardinale Gabriele Paleotti (1522-1597), Roma 1959, ad indicem.

A. Stella, Guido da Fano eretico del secolo XVI al servizio del re d'Inghilterra, "Rivista di Storia della Chiesa in Italia", 13, 1959, pp. 196-238.

J.I. Tellechea Idígoras, La renuncia de Carlos V y la elección de Fernando de Austria, "Scriptorium", 7, 1960, pp. 7-78, 207-83.

G. Carocci, Lo Stato della Chiesa nella seconda metà del sec. XVI, Milano 1961, ad indicem.

R. De Maio, Alfonso Carafa cardinale di Napoli (1540-1565), Città del Vaticano 1961, ad indicem.

J. Lynch, Philip II and the Papacy, "Transactions of the Royal Historical Society", ser. V, 2, 1961, pp. 23-42.

L. von Ranke, Storia dei papi, I, Firenze 1965, pp. 256 ss.

F. Braudel, La Méditerranée et le monde méditerranéen à l'époque de Philippe II, Paris 1966², passim.

 Il collegio universitario Ghislieri di Pavia istituzione della riforma cattolica, Milano 1966.

P. SarpiIstoria del Concilio tridentino, Firenze 1966, ad indicem.

 Il collegio Ghislieri. 1567-1967, Pavia 1967.

Vita e cultura a Mondovì nell'età del vescovo Michele Ghislieri (s. Pio V), Torino 1967.

J. Wicki, Nuovi documenti attorno ai piani missionari di Pio V nel 1568, "Archivum Historicum Societatis Iesu", 37, 1968, pp. 408-17.

D. Maselli, Per la storia religiosa dello stato di Milano durante il dominio di Filippo II: l'eresia e la sua repressione dal 1555 al 1584, "Nuova Rivista Storica", 54, 1970, pp. 318-73.

V.L. Bernorio, La chiesa di Pavia nel sec. XVI e l'azione pastorale del card. Ippolito de' Rossi (1560-1591), Pavia 1971, ad indicem.

F. Chabod, Per la storia religiosa dello Stato di Milano durante il dominio di Carlo V, in Id., Lo Stato e la vita religiosa a Milano nell'epoca di Carlo V, Torino 1971, pp. 352, 429-34.

E.J. Burrus, Pius V and Francisco Borgia: Their Efforts on Behalf of the American Indians, "Archivum Historicum Societatis Iesu", 41, 1972, pp. 207-26.

San Pio V e la problematica del suo tempo, Alessandria 1972.

 R. De Maio, Riforme e miti nella Chiesa del Cinquecento, Napoli 1973.

P. Simoncelli, Il caso Reginald Pole. Eresia e santità nelle polemiche religiose del Cinquecento, Roma 1977, ad indicem (s.v. Ghislieri e Pio V).

 M. Caravale-A. Caracciolo, Lo Stato pontificio da Martino V a Pio IX, Torino 1978 (Storia d'Italia, diretta da G. Galasso, 14), ad indicem.

A. Lynn Martin, Fabio Mirto Frangipani and Papal Policy in France: The Case of an Independent-Minded Nuncio, "Archivum Historiae Pontificiae", 17, 1979, pp. 197-240.

A. Silli, San Pio V. Note agiografiche ed iconografiche, Roma 1979.

J. Lestocquoy-L. Duval-Arnould, Le cardinal Santa Croce et le sacré collège en 1565, "Archivum Historiae Pontificiae", 18, 1980, pp. 263-96.

 M. Firpo-D. Marcatto, Il processo inquisitoriale del card. Giovanni Morone, I-VI, Roma 1981-95.

L. Chiodi, Eresia protestante a Bergamo nella prima metà del '500 e il vescovo Vittore Soranzo. Appunti per una riconsiderazione storica, "Rivista di Storia della Chiesa in Italia", 35, 1981, pp. 456-85.

H. Jedin, Storia del Concilio di Trento, IV, 1-2, Brescia 1981, ad indicem.

M. Firpo-P. Simoncelli, I processi inquisitoriali contro Savonarola (1558) e Carnesecchi (1565-1567): una proposta d'interpretazione, "Rivista di Storia e Letteratura Religiosa", 18, 1982, pp. 200-52.

Correspondance du nonce en France Fabio Mirto Frangipani (1568-1572 et 1586-1587), a cura di A. Lynn Martin, Rome 1984.

Pio V e Santa Croce di Bosco. Aspetti di una committenza papale, a cura di C. Spantigati-G. Ieni, Alessandria 1985.

R. Rezzaghi, Cronaca di un conclave: l'elezione di Pio IV (1559), "Salesianum", 48, 1986, pp. 539-81.

R. Canosa, Storia dell'Inquisizione in Italia dalla metà del Cinquecento alla fine del Settecento, IV, Milano e Firenze, Roma 1988.

A. Gardi, Pietro Antonio Di Capua (1513-1578). Primi elementi per una biografia, "Rivista di Storia e Letteratura Religiosa", 24, 1988, pp. 262-309.

E. Mori, I Ghislieri a Roma da Pio V all'Ottocento: vicende familiari e patrimoniali ricostruite attraverso il riordinamento del loro archivio, "Bollettino dei Musei Comunali di Roma", 2, 1988, pp. 35-46.

P. Simoncelli, Inquisizione romana e Riforma in Italia, "Rivista Storica Italiana", 100, 1988, pp. 5-125.

J.I. Tellechea Idígoras, El proceso romano del arzobispo Carranza (1567-1576), Roma 1988.

Vicende storiche e artistiche del complesso di s. Tommaso di Pavia, Atti del Convegno, "Annali di Storia Pavese", 18-9, 1989, passim.

A. Aubert, Paolo IV Carafa nel giudizio dell'età della ControriformaCittà di Castello 1990.

Index de Rome 1557, 1559, 1564. Les premiers Index romaines et l'Index du Concile de Trente, a cura di M. De Bujanda, Sherbrooke 1990.

A. Del Col, L'Inquisizione romana e il potere politico nella Repubblica di Venezia (1540-1560), "Critica Storica", 28, 1991, pp. 189-250.

S. Pagano, Il processo di Endimio Calandra e l'Inquisizione a Mantova nel 1567-1568, Città del Vaticano 1991.

M. Firpo, Inquisizione romana e controriforma. Studi sul cardinal Giovanni Morone e il suo processo d'eresia, Bologna 1992.

E.G. Hernán, Pio V y el mesianismo profético, "Hispania Sacra", 45, 1993, pp. 83-102.

N. Lemaître, Saint Pie V, Paris 1994.

U. Rozzio, Biblioteche italiane del Cinquecento tra Riforma e ControriformaUdine 1994.

A. Prosperi, Tribunali della coscienza. Inquisitori, confessori, missionari, Torino 1996.

G. Fragnito, La Bibbia al rogo. La censura ecclesiastica e i volgarizzamenti della scrittura (1471-1605), Bologna 1997.

M.C. Giannini, Tra politica, fiscalità e religione: Filippo II di Spagna e la pubblicazione della bolla "In coena Domini" (1567-1570), "Annali dell'Istituto Storico Italo-Germanico di Trento", 23, 1997, pp. 83-152.

M. Firpo-D. Marcatto, I processi inquisitoriali di Pietro Carnesecchi (1557-1967), I, I processi sotto Paolo IV e Pio IV (1557-1560), Città del Vaticano 1998, ad indicem.

E.C., IX, s.v., coll. 1498-500.

A. Iszak, Pio V, in B.S., X, coll. 883-97.

Dizionario storico del Papato, a cura di Ph. Levillain, II, Milano 1996, s.v., pp. 1144-46.

SOURCE : https://www.treccani.it/enciclopedia/santo-pio-v_%28Enciclopedia-dei-Papi%29/

Valls, capella del Roser. Fragment del plafó de l'esquerra on s'hi representa el papa Pius V lliurant de la bandera de la Santa Lliga a Joan D'Austria.

Capella del Roser (Chapel of the Rosary) in Valls, Catalonia, painting on ceramic tiles showing Pope Pius V handing the banner of the Holy League of 1571 to Don John of Austria


Den hellige pave Pius V (1504-72)

Minnedag: 30. april

Den hellige Pius V het opprinnelig Antonio Ghislieri og ble født den 17. januar 1504 i Bosco ved Alessandria i Liguria som sønn av fattige foreldre. Han var gjeter inntil han som 14-åring i 1518 trådte inn i dominikanerordenen i Voghera og tok navnet Michele. Han utviklet seg raskt som lærer og forkynner, og etter studier i Bologna ble han i 1528 viet til prest og utnevnt til lektor i sin orden ved universitetet i Pavia. Der underviste han i 16 år i teologi og filosofi.

Senere ble han prior, så provinsial for den lombardiske ordensprovinsen og inkvisitor for Como og Bergamo. I denne stillingen tok han i 1550 opp kontakt med inkvisisjonen i Roma. Hans nidkjærhet gjorde at kardinal Giampietro Caraffa ble oppmerksom på ham, og på hans anbefaling utnevnte Julius III ham i 1551 til generalkommissær i den romerske inkvisisjonen.

Da Caraffa ble pave Paul IV (1555-59), utnevnte han den 4. september 1556 sin protesjé til biskop av Nepi og Sutri og den 15. mars 1557 til kardinal. Etter sitt hjemsted Alessandria ble han kalt Kardinal Alessandrino. Den 14. desember 1558 ble han storinkvisitor, det vil si leder av inkvisisjonen, og i 1559 ble han biskop av Mondovi. Han motsatte seg kraftig pave Pius IVs nepotisme, og hans forbindelser til Caraffa-familien og hans strenghet som inkvisitor brakte ham i unåde hos Pius. Men fra 1560 viet han seg helhjertet for den kirkelige reform, som kardinalprotektor for barnabittene og biskop av Mondovi i Piemonte

Etter at Pius IV døde den 9. desember 1656, trådte konklavet sammen elleve dager senere. Etter et 19-dagers konklave oppnådde rigoristpartiet (de strenge reformatorene) under ledelse av Karl Borromeus, erkebiskop av Milano og nevø av Pius IV, den 7. januar 1566 det overraskende valget av kardinal Ghislieri til pave. Den 17. januar ble han kronet som Pius V.

Pius V var en overbevist tilhenger av strengt asketiske idealer. En gang skal han ha sagt: «Føde er et nødvendig onde som man bør innta som om det var arsenikk». Men hans oppriktighet, askese og evangeliske fattigdom gjorde at han til og med for den spanske ambassadøren fremsto som den paven tiden krevde.

I sitt personlige liv fortsatte han med å være en from tiggermunk, og selv som pave øvde han en streng askese og påla seg harde botsøvelser. Han innførte som skikk at paven skulle innta sine enkle måltider alene.

Han fortsatte å bære munkens grove undertøy og han gikk barbent under offentlige seremonier. Han nektet også å bytte sin hvite dominikanerdrakt med pavens røde, og etter hans tid har pavene alltid vært kledt i hvitt.

Selv om han ble overtalt til å gjøre en grandnevø, dominikaneren Michele Bonelli, til kardinal og bruke ham som statssekretær, satte Pius seg kraftig mot nepotisme og ga sine slektninger minimal støtte.

Pius var en mann som alltid tenkte og handlet ut fra et åndelig synspunkt. For samtidige i Roma syntes det som om Pius V ville gjøre byen om til et kloster. Han påla de strengeste standarder på sitt sterkt reduserte hoff, han bekjempet på det skarpeste konkubinat, og insisterte på overholdelse av sølibatet, klausuren og residensplikten. I en serie av dekreter søkte han å utrydde blasfemi, vanhelligelse av helligdager og offentlig umoral i Roma. Han var også drastisk i sine forholdsregler mot sosiale onder som prostitusjon og tyrefekting. Han prøvde til og med å stanse tyrefekting i Spania, men det var å gape over for mye, selv for en pave.

Pius V skulle bli den store reformpaven, som gjorde det til sitt erklærte mål å iverksette dekretene fra Trient-konsilet på alle områder. Han sørget med energi og kraft for den praktiske gjennomføringen av konsilets dekreter og gjorde pavedømme og kurie til reformens bærebjelker. Han forbød den 29. mars 1567 gjeninvestitur av len som var tilbakeført til Den hellige Stol, og all videre overdragelse av land i Kirkestaten ble fordømt og pålagt de strengeste straffer.

Han begynte med å avskaffe de simonistiske misforhold i den kuriale sentralmyndigheten, tvang gjennom klerikal residensplikt og ledet en systematisk inspeksjon av ordenene. Han oppløste noen, som Humiliati (1571), som hadde forfalt sterkt.

Men i realisering av reformen grep den verdensuerfarne munken tilbake til metoder og praksis fra Paul IVs tid med trossensur og inkvisisjon, og hans metoder i bekjempelsen av protestantismen var skånselsløse.

Pius V bygde ut kongregasjonene for autentisk tolkning av Tridentinerkonsilet (grunnlagt 1564) og undersøkelse (inquisito) av kjetterske forfalskninger (grunnlagt 1542), og grunnla fire andre kardinalkongregasjoner; i 1568 kongregasjonene for henholdsvis bevaring og utbredelse av troen (det vil si misjon, den nåværende propagandakongregasjonen). I mars 1571 grunnla han Indekskongregasjonen og den 13. februar 1572 kongregasjonen for rådgivning av biskoper og andre prelater. Kardinalene han utnevnte var alle samvittighetsfullt valgt, og han utnevnte den 3. mai 1567 en kommisjon for å undersøke bispeutnevnelser.

Pius V begrenset bruk av avlat og dispensasjoner, omformet botssystemet, og i et forsøk på å sette gjennom de tridentinske reformene i Italia, besøkte han personlig de romerske basilikaene, sørget for en kommisjon for å besøke sognene og utnevnte apostoliske visitatorer for Kirkestaten og Napoli. Han tok også skritt for å få dekretene fra Trient-konsilet sendt ut i verden så langt som Mexico, Goa og Kongo.

I overensstemmelse med Trient-konsilet ordnet Pius V liturgien så det kom enhet i gudstjenesten. Hans initiativ ble støttet gjennom å utgi autentiske fremstillinger av den katolske tro og obligatoriske liturgiske tekster. I henhold til en konsilbeslutning kom i 1566 katekismen for prestene, som Pius IV hadde forberedt, Catechismus Romanus. I 1568 utga han det reformerte breviar - de felles kirkelige tidebønner for klerikere, munker og nonner, Breviarium Romanum, og i 1570 den romerske messebok, Missale Romanum, som ga forpliktende regler for den eukaristiske gudstjeneste. I 1569 utnevnt han en kommisjon som begynte med en nødvendig revisjon av Vulgatas bibeltekst som svar på Luthers reformatoriske oversettelsesverk. De fem kjente liturgiske fargene hvitt, rødt, grønt, fiolett og svart, som var kjent allerede på Innocent IIIs tid, ble av Pius V foreskrevet til å gjelde hele Kirken.

I sin iver etter å utrydde kjetteri støttet Pius seg avgjørende på Inkvisisjonen. Han bygde et nytt palass for den og skjerpet dens regler og praksis. Han deltok personlig på dens sesjoner, og selv om han ofte hadde det for travelt til å være til stede andre steder, gikk han aldri glipp av et eneste torsdagsmøte i inkvisisjonen. Under ham var det en voldsom stigning i antallet personer som ble anklaget og dømt, ofte menn av kultur og betydning. Men resultatet var at Pius kunne lykkeønske seg selv med å ha holdt Italia fri for alle spor av protestantisme. Likevel bebreidet han seg selv for sin mildhet og lemfeldighet.

I mars 1571 opprettet Pius V en Indekskongregasjon med sju kardinaler for å undersøke nye bøker. Indekskongregasjonen ble et nytt administrativt departement med utøvende makt, med det resultat at hundrevis av boktrykkere flyttet til Tyskland og Sveits.

Pius var ikke mindre streng mot jødene, som fikk det enda verre enn under Paul IV. Av økonomiske grunner tillot han noen å bo i ghettoer i Roma og Ancona, men ellers utviste han dem fra Kirkestaten. De som ble igjen, ble tvunget til å bære spesielle merker, og de var utelukket fra alle fremtredende posisjoner og mange yrker.

I oktober 1576 fordømte Pius 79 teser av Mikael Baius (1513-89), den flamske forløperen for Jansenismen, som hadde et pessimistisk syn på syndefallet og behovet for nåde. Den 21. april 1567 erklærte han den store dominikanske tenkeren Thomas Aquinas som kirkelærer, og ga dermed den teologiske forskning en ramme, som ble konkret synliggjort i 1570-1571 gjennom utgivelse av den store skolastikers skrifter (Editio Piana).

Pius' intervensjoner på den internasjonale scene manglet ofte politisk realisme. Hans rehabilitering av den vanærede Caraffa-familien og hans kompromissløse standpunkt mot statlig kontroll over Kirken støtte fra ham de katolske herskerne som han trengte støtte fra.

I 1568 offentliggjorde paven en skjerpet utgave av den tradisjonelle såkalte «Nattverdsbullen», (In coena Domini) med sterke angrep på protestantene. Nattverdsbullen var en bulle med pavens spesielle anliggender, som siden 1364 under Urban IV årlig ble forkynt og lest høyt på skjærtorsdag. Pius mente å kunne bruke den blant annet som et middel i sin kompromissløse kamp mot statskirkedømmet, særlig i Spania og Napoli-Sicilia. Men dermed utfordret han faktisk den politiske motstand i de katolske landene. Til og med før hans skjerpelse av dens betingelser, og enda mer etter, var bullen en konstant irritasjon for verdslige herskere på grunn av dens forherligelse av pavedømmet.

Riktignok oppnådde Pius V i 1566 på riksdagen i Augsburg keiserens og de katolske riksstendenes offisielle anerkjennelse av Tridentinerkonsilet, men keiser Maximilian IIs kirkepolitikk forble ubesluttsom, og forhandlingene med ham viste seg vanskelige.

Pius V hadde en høy mening om pavens makt i verdslige anliggender, selv om han i blant viste lite talent når han skulle ta seg av dem. Den 25. februar 1570 forkynte han bullen Regnans in excelsis med ekskommunikasjon av Elisabeth I av England som kjetter og fremmer av kjetteriet. Han hevdet også å avsette henne og kunngjorde at dronningens undersåtter var løst fra sin troskapsplikt mot henne.

Dette var en paves siste avsettingsdom mot en regjerende monark. Den viste da seg også som en urealistisk anakronisme. Selv keiseren og Elisabeths erkefiende Filip II av Spania anså avsettelsen som betydningsløs.

Det var for øvrig på Pius Vs festdag (den 5. mai 1961) at dronning Elisabeth II, 391 år etter, besøkte den hellige pave Johannes XXIII i Vatikanet.

Pius ville at alle katolske makter skulle slutte seg sammen mot Elisabeths England og sende tropper for å knekke landet, men pavens planer slo feil. De katolske stormaktene var ikke kampklare, og Filip II av Spania var rasende fordi han ikke var blitt rådspurt før bullen ble forkynt. De engelske katolikkene var heller verken så mange eller så innflytelsesrike som paven hadde trodd.

I England hadde bullen den virkning at nasjonen ble sammensveiset i en enhetsfront mot Roma. Den viste seg utelukkende som skjebnesvanger for de engelske katolikkene, som ble utsatt for heftige forfølgelser og mistet politiske rettigheter, for nå ble lydighet mot paven regnet som statsfiendtlig og høyforrædersk.

I 1571 støttet Pius en plan for å styrte Elisabeth. Den gikk ut på at hertugen av Alba fra Nederlandene skulle sende tropper til England. Samtidig skulle Maria Stuart befris for å slutte seg til de spanske troppene. Men komplottet ble avslørt, og rikets fremste adelsmann, hertugen av Norfolk, som var innblandet, ble halshogd på Tower Hill den 2. juni 1572.

Etter freden i Cateau-Cambrésis i 1559, som bila de gamle konfliktene mellom Spania og Frankrike, ble det holdt bryllup mellom den spanske kong Filip II (1556-98), som igjen var enkemann etter Maria Tudors død i 1558, og Elisabeth, datter av den franske kong Henrik II (1547-59) og Katarina av Medici. Men Henrik II døde i en ridderturnering som ble arrangert i forbindelse med bryllupet.

Den unge tronfølgeren Frans II (1559-60) hadde i 1558 giftet seg med Maria Stuart, han var 14 og hun var 15. Men han var sykelig og hadde et ubalansert sinn, og døde allerede den 5. desember 1560. Frans' mor, enkedronning Katarina av Medici (1519-89), overtok som regent for sin yngre sønn Karl IX (1560-74), som bare var ti år.

I januar 1562 lot enkedronning Katarina kansler l'Hôpital utferdige et edikt som bestemte at hugenottene skulle levere tilbake all kirkelig eiendom de hadde beslaglagt i løpet av de siste årene. Til gjengjeld fikk de lov til å holde gudstjenester, vel å merke utenfor byene. Dermed var kalvinismen anerkjent som en religion som hadde rett til å eksistere ved siden av katolisismen.

Katolikkene var rasende over ediktet, og det førte til det beryktede blodbadet i Vassy i Champagne i mars 1562, der 500 hugenotter som var samlet til gudstjeneste i en låve, brutalt ble angrepet og de fleste drept.

Pius V støttet den katolske side i Frankrike og enkedronning Katarina militært og økonomisk i kampen mot hugenottene (2. og 3. hugenottkrig), bare for å bli desillusjonert da de ble gitt religionsfrihet ved den såkalte Evige fred i Saint-Germain den 8. august 1570.

Pius Vs forhold til keiser Maximilian II (1564-76), som var anstrengt på grunn av keiserens tvilsomme stilling overfor protestantismen, nådde bristepunktet da Pius tråkket inn på keiserens område ved å utnevne Cosimo I til storhertug av Toscana den 5. mars 1570.

I Nederlandene syntes paven å samtykke i den spanske stattholderens brutale undertrykkelse og henrettelser av protestantene. Han kom imidlertid i konflikt med Filip II, hans mest naturlige allierte, etter kongens krav om å lede den spanske kirke. Et fullstendig brudd ble bare unngått ved de utrettelige anstrengelsene av hans nuntius, erkebiskop Giambattista Castagna (senere Urban VII).

Pius Vs mest ambisiøse og suksessrike prosjekt var tiltak mot tyrkerfaren.

I 1566 døde den store tyrkiske sultan Soliman (Süleyman) II den Praktfulle (1520-66). Han ble etterfulgt av Selim II, som var fast bestemt på å fortsette forgjengerens erobringspolitikk. Han kastet sine øyne på Kypros, og forlangte at venetianerne skulle gi øya til ham. Men de venetianske rådsherrene nektet, og krigen brøt løs. I 1570 erobret tyrkerne Kypros fra venetianerne. Men det ble tyrkernes siste store militære triumf og strek ble satt for deres fremmarsj i Middelhavsområdet, for erobringen av Kypros bidro til å samle de kristne. Riktignok fortsatte fiendtlighetene ca ti år til, men så var det definitivt slutt.

Paven dannet en «Hellig liga» med Spania og Venezia for forsvar av kristenheten mot tyrkerne. En felles kristen flåtestyrke med skip fra Spania, Venezia, Kirkestaten, Malta og Genova møtte det osmanske rikets krigsflåte i det berømte sjøslaget ved Lepanto (i dag Naupaktos) på nordsiden av Korint-bukten, som skiller Peloponnes fra resten av Hellas, den 7. oktober 1571. I alt skal 438 skip ha deltatt, av dem 230 tyrkiske.

Under ledelse av den 24-årige Don Juan de Austria, sønn av keiser Karl V og hans bayerske elskerinne Barbara Blomberg, påførte de den tyrkiske flåten et avgjørende nederlag som knuste det tyrkiske herredømmet i Middelhavet.

Genovesernes admiral under slaget var Giovanni Andrea Doria (1539-1606), og blant de sårede i hans eskadre var en av verdenslitteraturens største navn, Don Quijotes forfatter Miguel de Cervantes. Det tyrkiske admiralsflagget, smykket med Allahs navn skrevet 29.000 ganger, kan ennå ses i Dogepalasset i Venezia.

Denne seieren var en suksess for paven, som hadde lyktes i enda en gang å samle de romanske folk til felles kamp mot tyrkerne. Han tilskrev seieren Jomfru Marias forbønn, og til minne om den innstiftet han på 7. oktober, årsdagen for slaget, Festum B.M.V. de Victoria, Festen for Vår Frue av Seieren, som Gregor XIII senere endret til Rosenkransfesten, og gjorde oktober til rosenkransmåned.

I 1571 erobret Ligaen Kypros. Men allerede i 1573 sluttet venetianerne fred med tyrkerne og avsto Kypros.

Pius begrenset fremme av kunst utelukkende til det religiøse område og støttet med viderebyggingen av St. Peterskirken og fra 1568 med byggingen av jesuittkirken Il Gesù overgangen til de barokke kirkebygg.

Pius V tålte ikke den utilslørte nakenheten hos mange av Michelangelos figurer i taket og på dommedagsfresken i Det sixtinske Kapell. Derfor beordret han i 1565, ett år etter Michelangelos død, maleren Daniele da Volterra til å male lendeklær på figurene. Siden har denne maleren hatt herostratisk kunsthistorisk ry som «buksemaleren».

Da Pave Johannes Paul II for noen år siden gjenåpnet Det sixtinske Kapell etter 14 års restaurering av Michelangelos malerier, sa han mens han uttrykte sin tilfredshet over et strålende verk, at «Gud er kilden til kroppens skjønnhet». Ved restaureringen er «buksene» igjen fjernet.

Selv om han ble kritisert for «å ønske å forvandle Roma til et kloster», hadde Pius V den romerske befolknings respekt, fordi de kjente hans personlige godhet og omsorg for alles ve og vel. Han hadde vært målbevisst, from på grensen av intoleranse og nådeløs i sin forfølgelse av kjettere. Betydningen av hans personlighet ligger i at han omsatte Trient-bestemmelsene i praksis og gjorde pavene til bærebjelker for den katolske reform. Han var en stor reformpave, og hans arbeid skulle bære frukter i tiår og satte et tydelig tridentinsk preg på Kirken.

Den 1. mai 1572 døde den asketiske pave Pius V i Roma og ble bisatt i Sta Maria Maggiore.

Pius V ble saligkåret den 1. mai 1672 (dokumentet (Breve) var datert den 27. april) av pave Klemens X (1670-76) og helligkåret den 22. mai 1712 av pave Klemens XI (1700-21). Hans minnedag var 5. mai før kalenderrevisjonen i 1969, men i dag minnes han den 30. april. Han er den eneste pave fra nyere tid (ved siden av den hellige Pius X) som er blitt helligkåret.

Paverekken - Kildehenvisninger - Kompilasjon og oversettelse: p. Per Einar Odden

SOURCE : http://www.katolsk.no/biografier/historisk/pius5